Proverbi siciliani:
Il proverbio può essere indossato con estrema facilità nelle varie circostanze, ed è per questo, che ritroviamo l'esatto contrario di un proverbioin diversi momenti della vita.
Diciamo che calzano a pennello al momento in cui lo si voglia sfruttare:
-Cu lu vinniri e accattari,nun c'è nè amici, nè cumpari.
-La gilusia è camula ri l'amuri.
-Li ricchi comu vannu, li poviri comu ponnu.
-Cu accumula rinari, autru n' fà sparagna pi l'autri e all'infernu si nni và.
-Aprili fa li xiuri e li biddizzi ma è Maju cà nn'avi l'unuri.
-A lu viddanu nun ci livari, pirchì è peccatu; nun ci dari pirchì è ngratu.
-Cucina grassa, tistamentu mairu.
l'amicu ca 'un rispunni a prima vuci, è signu ca u riscussu 'un ci piaci.
-Un'è siempri ca a mugghieri ru latru riri.
-Ziti e tammureddi pri tri jiorna pàrinu beddi.
-Cui fa l'arti ca nun canusci-li so dinari divéntanu muschi.
-Megghiu riunu ne' curazzi-ca saziu ne' tumazzi.
-Quannu lu ventu veni di susu, vatti
a 'nfilari 'ntra lu pirtusu,
quannu lu ventu veni di mari, pigghia
la truscia e vattinni a lavari.
-Diu ti scansi di viddanu arrinisciutu.
-Megghiu lu tintu ri bona razza, ca lu megghiu ri tinta razza.
-Nun si pò aviri la mugghieri 'mbriaca e la vutti china.
-Tantu la quartara va all'acqua 'nzinu chi si rumpi o si sciacca.
-libbra e labbra fannu l'omu dottu.
-lu libbru chiusu nun fà l'omu sapienti.
-A megghiu paruola è chidda ca 'n si rici.
-Fimmina ca si 'mpupa e fa tuletta,
o 'nnamurata, o è pigghiata i lagnusia.
-La bedda senza doti havi
cchiù amanti ca mariti.
-Unni cc'è nicissità, nun abbita liggi. .
-Cu' arroba pri mangiari 'un fa piccatu.
-Quannu na fimmina annaca l'anca,
se n'è buttana, picca ci manca.
-Davanti 'e porti e supra 'e casci
sì cciassèttinu i bagasci.
-Cosi cuntati, criditini mitati.
-L'acidduzzu 'nta la gaggia canta o pi stizza o pi raggia.
-Lu Signuri chiu na puorta e dapi un purtuni.
-Si nun fussi pi lu nostru intentu, un si ricissi patrinnostru a'nsantu.
-Cu fa beni p'amuri, s'acquista la grazia ri lu Signuri;
Cu fa beni pi paura, nienti avanza e pocu rura;
Cu fa beni p'usanza, nenti vali e pocu avanza.
-Cu minaccia nun'ammazza, di prumissa nun gudiri.
-Fa malu e pènsici, fa beni e scurdatillu.
-Penza a la cosa prima ca la fai, ca la cosa pinzata è bedda assai.
-Un patri campa a 100 figghi; 100 figghi un ponnu campari un patri.
-Chiddu ca ppi tia 'n vuoi ad autri 'n fari.
-L'amuri è ciecu e 'n canusci lumi,
perdi lu 'ntillettu e lu bonu custumi.
-Nenti fari e nenti si sapi .
-A megghiu risposta è chidda ca nun si rici.
-Quannu amuri voli, trova locu.
-Acqua passata un macina mulinu.
-Cu accumula rinari, autru un fà, sparagna pi autri e all'infernu si 'ni và.
-All'infilici e ai risgraziati cci chiovi'nta lu culu anchi assittatu.
-Ziti a vasari e babbaluci a sucari, su
cosi ca un ponnu saziari.
-Amuri e affettu un canuscinu ragiuni.
-un'ura di taverna leva un annu ri
malincunia.
-Cu si marita, pinia in giuvintù;
cu un si marita, pinia 'n vicchiaia.
- In giuvintù sava sparagnari zoccu pi
la vicchiaia pò arrivari.
-Cu si scuorda ru passatu 'n pò aviri futuru.
-Ca pacienzia e u tiempu passi ogni difficultà.
Giovanna Bonanno
utilizzò aceto a base di arsenico che vendeva di solito alle mogli per uccidere il marito e poter vivere con l'amante.
(La prima foto, il busto esposto al museo Pitrè,
la seconda è una stampa che la raffigura durante il processo).
Strumento appartenente ad una "magara" (o magaro) per riti magici come scacciare gli spiriti maligni producendo rumore mediante movimenti rituali.
Pitrè le definisce "conche veneree" utili per affrettare, senza gravi sofferenze, la dentizione dei bambini, veniva appeso al collo del bambino o sotto il suo cuscino.
Miguel de Cervantes y Saavedra:
I proverbi sono piccole sentenze,
basate sull'esperienza
e sul ragionamento
dei nostri antichi saggi.
Uovo di gallina con 75 spilli affissi, un chiodo in una estremità con un nastro rosso legato al chiodo..
Si colloca sui tetti o in luoghi dove non possa essere scoperto dalla persona a cui è diretto il maleficio; ogni spillo procurava degli spasmi alla persona da maleficare.
La morte avviene quando l'uovo si rompe mediante l'inserimento del chiodo.
Il nastro rosso serve affinchè colei che prepara questo oggetto, non resti vittima del proprio maleficio.
lettera di "scrocco" anonima di malviventi.
La traduzione letteraria è:
AMICO
ABBIAMO VISTO CHE SIETE UN FARABUTTO, E VI SIETE SBAGLIATO MA BADATE CHE NON AVETE DA FARE CON GENTE COME VOI VI CREDETE VI AVVERTIAMO CHE SE SABATO MATTINA SEMPRE ALLO STESSO PUNTO DA NOI DESIGNATO BADATE DI NON MANCARE ALL'APPUNTAMENTO PERCHE' SARETE PEDINATO E PUGNALATO VOI E CHIUNQUE DELLA VOSTRA FAMIGLIA AVETE CAPITO GRAN SCHIFOSO
NON MANCATE PENA DI MORTE
AMICI
La trascrizione letteraria è:
SIGNORI
VI PREGHIAMO SENZA PREAMBOLI DI MANDARE LIRE 10000 IN TRE GIORNI A GIBILROSSA PROPRIO DINANZI IL MONUMENTO. GUAI PER TUTTA LA FAMIGLIA SE FATE INTESA LA QUESTURA.
VI AVVERTIAMO CHE IL GIORNO 14 I DANARI DEVONO ESSERE PRONTI SE NO SARETE TUTTI DISTRUTTI E SENZA ALTRI DISCORSI
LA MANO NERA
serviva per convogliare, mediante un imbuto ad una estremità, i "peti" fuori dalla finestra mediante un tubo o all'interno di una bottiglia
ed evitare il diffondersi del cattivo odore sotto le coperte.
"Viva la Divina Provvidenza"
"Ogni bene da Dio viene".
Queste le scritte sull'insegna di una taverna di Palermo, innegianti al vino come bene prezioso e indispensabile donato da Dio.
vincoli59@alice.it
VISITATORI: