IL PLASTICO DI
MATESE /ERNANO
Per vedere il plastico clicca sull'immagine del 626


Clicca sull'immagine del 626
VISITATORI:
IN PREPARAZIONE: Aggiornamento

VAI A SEZIONE: Modifiche strutturali del plastico.

*Modifica strutturale della stazione di montagna da terminale a passante.

*.Aggiunta di una linea bassa a trazione termica.

*Modifica zona vapore.

*Modifica ponte apribile.
Sono Antonio T. di Tivoli, faccio fermodellismo praticamente da sempre, ma non avendo avuto nel passato spazio a disposizione per il mio hobby, solo da qualche anno ho cominciato a costruire il mio plastico.
Ho collaborato in passato con parecchie persone per portare avanti riproduzioni inerenti il mondo ferroviario. Con Bettiart negli anni 80, insieme al mio amico Giuseppe P. ho dato il mio contributo alla costruzione del plastico ferroviario Milano, Varese Porto Ceresio per il Museo Nazionale delle Ferrovie di Pietrarsa, ed ho anche scritto articoli sulla rivista " Trenitalia", (quando la rivista esisteva) su come procedere per creare le varie parti di un plastico ferroviario.
Il plastico intende riprodurre un'epoca III, IV ma è strutturato in maniera abbastanza neutra, e può accogliere anche rotabili di epoca recente senza eccessive stonature.Ancora oggi spessissimo si ritrovano sulle nostre linee ferroviarie vestigia di manufatti molto antichi , che non stonano, anzi contribuiscono a creare intorno al treno quell'alone di magia che ha sempre contraddistinto questo mezzo di trasporto.
I MIEI ROTABILI
Premesso che sono amante del vapore, possiedo quasi tutti i modelli delle locomotive italiane prodotte da Rivarossi,(purtroppo in scala 1:80) ultimamente ho comperato la 740 di HR, la 940, la 835 e la 880 di Roco sono entusiasta di questi piccoli gioielli. Non essendo io più giovanissimo, mi piacciono moltissimo tutti i locomotori elettrici che "sanno di...... Bruno /Isabella" e quelli venuti subito dopo, il 626, per me è il più bel locomotore del mondo,i vari tipi del 428, il mitico 636,645/646 fino ai 444 di tutte le serie , gli altri mi piacciono, ma li considero..................non "locomotori" ma "automotori" (nel senso di .............. derivazione automobilistica, mi fanno pensare ai bus!!!!) niente a che vedere con i "TRENI"
Possiedo poi elettrotreni e materiale leggero a trazione diesel oltre che locomotori a trazione termica.Ho anche provato l'autocostruzione quasi integrale di qualche modello in ottone ed in plastica ,(vedi foto successive).
-5100 -5100