periodico irregolare di integrazione non violenta degli extraterrestri / edizione straordinaria
tommaso pincio post
Sono giunte molte mail, qui ad ALIENS DON'T SUCK!, nelle quali si chiedeva come accedere ai contenuti dei numeri arretrati. Purtroppo non c'è un come: il passato è passato.

Da oggi, però, esiste una nuova creatura: TOMMASO PINCIO POST, un blog dove nulla andrà perduto e che, oltre agli aggiornamenti quotidiani (o quasi), recupererà a poco a poco quanto pubblicato in precedenza su queste pagine.

Per accedervi basta cliccare sull'immagine sovrastante oppure fare riferimento alla seguente URL:

http://www.tommasopincio.splinder.com/
COVER STORY:
cinacittà
Una città incubo invasa dai cinesi e in cui si vive di notte.
È lo sfondo di "Cinacittà", il nuovo romanzo di Tommaso Pincio
ROMA PERIFERIA DI PECHINO
di Edmondo Berselli
La Repubblica, 23 settembre 2008

A coloro che si chiedono se la narrativa italiana è capace di afferrare ragionevolmente i tratti della contemporaneità, si può rispondere indicando il caso di Gomorra, il romanzo con cui Roberto Saviano ha riportato alla consapevolezza pubblica le vicende dell’economia criminale nel nostro Sud. Ma se la tecnica di Saviano si riassume nella rielaborazione mitologizzante di eventi reali, e quindi nella loro tematizzazione come potenti e ricorrenti totem narrativi, ci possono essere altre modalità e altre tecniche per raccontare questi nostri ultimi anni.
Nel romanzo di Tommaso Pincio, Cinacittà (Einaudi, pagg. 340, euro 17, in libreria in questi giorni), la scelta invece è a suo modo più estrema e più classica. Già il sottotitolo, «Memorie del mio delitto efferato», sembra alludere a una dimensione spaventosamente individuale e carceraria: in effetti il protagonista scrive dalla sua cella a Regina Coeli, confermando così un approccio nel suo genere tradizionale. Un uomo solo, condannato a trent’anni di galera per avere ucciso una donna, racconta la sua storia, dal suo punto di vista, sullo sfondo di una città che ha subito una metamorfosi totale...

(seguita a leggere questa e le altre recensioni di Cinacittà nella sezione Cover Story)
WORDS APART:
"what if" spaghetti
New Italian Epic è un’etichetta di recentissimo conio. Se ne è dibattuto parecchio negli ultimi mesi. L’ha partorita la mente, sempre in frenetica attività, di Wu Ming 1 nel tentativo di tracciare un quadro, se non addirittura una sorta di manifesto programmatico, del fermento che da qualche tempo anima le patrie lettere...
SPECIAL:
the pynchon zone
l'uscita della traduzione italiana di "Against the Day" è stata ulteriormente posticipata al marzo 2009
go to the blue kiss
aliens don't suck!
edizione straordinaria - novembre 2008