Compressore

forum

foto




Modifiche al fucile Pneumatico:

(creato : ottobre 2006 , ultimo aggiornamento 31/08/2008)

Click here for English Version


Di seguito descrivero alcune migliorie che si possono apportare su i fucili pneumatici.
I pallini gialli a fianco a ogni modifica indicano il mio indice di gradimento.
* = scarso
** = sufficente
*** = buono
**** = ottimo
***** = eccellente


mimetismoimpugnaturasganciasagolalucidaturamollavariatoreoringsvasatura fori
(schema riassuntivo delle principali modifiche e del relativo impatto circa la potenza, precisione e mimetismo)




Attrezzatura:
Gli strumenti che uso di solito sono di comune reperibilita e dai costi contenuti.
(nota: nella foto è visibile olio 5w pero consiglio caldamente di usare olio tra 10w e 15w )







La testata ( o volata) :
Si tratta della parte piu anteriore del fucile ed è composta da diversi elementi di cui uno centrale in plastica e gomma



Svasamento fori: ***
(difficolta' = media ; utilita'= media )

Una modifica classica consiste nello svasamento dei 4 fori .Al momento dello sparo, quando il pistone
scorre velocemente in avanti , l' acqua contenuta nella canna verra cosi espulsa piu velocemente .
Per la realizzazzione di questa modifica occorre sgonfiare il fucile , svitare e somontare la
testata nei suoi elementi per poi lavorarla piu agevolmente.Il grosso della svasatura lo realizzo
con dremel o trapano e punta da ferro.. poi rifinisco con lime ad ago e dremel .
Infine non dimenticate prima di rimontare di dare una passata di vernice che
che ritardera i fenomeni ossidativi sulle parti lavorate che avranno perso la loro anodizzazzione.







Asta , scorrisagola , anellino inox e codolo:



Le modifiche da fare all' asta del fucile subacqueo possono essere di 2 livelli:


Modifica semplice: ***
(difficolta' = media ; utilita'= media )
si tratta di smussare lievemente il codolo e possibilmente l'
interno dell' anellino , cio ridurra notevolmente l' impatto sulla testata
al momento dell' uscita dell' asta.



Fatto cio cercate di montare sempre uno scorrisagola piccolo e
filante per aumentare l' idrodinamicita dell' asta e la penetrazione nel pesce.
Lo scorrisagola standard Mares è di discreta fattura tuttavia ,come vedete dalla foto sotto,
puo essere migliorato ulteriormente.





Modifica Complessa:****
(difficolta' = media ; utilita'= alta)
si tratta di eliminare il problema alla radice ,
cioè eliminare totalmente scorrisagola, anellino inox e parzialmente anche il codolo.
Una volta tolti i primi 2 elementi , limeremo il codolo fino a fargli avere un diametro
uguale a quello dell' asta ( 7mm) mantenendo integra la parte conica posteriore.
Fatto cio con una punta da trapano per acciaio da 2mm ,
praticheremo un foro sull' asta nel punto dove esce dalla testata (vedi nota sotto**).
A questo punto vi serviranno 2 sleeves da adoperare come descritto:
1.passate il sagolino dentro il primo sleeves e poi infilateci subito dopo il secondo
2.poi infilate il sagolino dentro il foro nell' asta e poi passatelo dentro il primo sleeves
3.fate passare il sagolino sotto l' asta e infilate il secondo sleeves
4.annodate i due capi della sagola e fate in modo che il nodo cada dietro il codolo
5.stringete gli sleeves creando un occhiello che cada in prossimita del codolo senza oltrepassarlo

A questo punto avete un asta che risultera estremamente idrodinamica e penetrante .
Ricordatevi che non avete piu l' anellino inox sull' asta e che pertanto sara caldamente consigliato
l' inserimento di un “anellino in plastica in testata “ che servira a centrare l' asta
durante il caricamento ( vedi : Modifiche alla Testata)


cappio con 2 sleeves

Note: Gli sleeves non hanno funzione di tenuta ( quella è deputata al nodino dopo il codolo)
ma servono solo per creare un occhiello in modo tale che il sagolino in trazione durante
lo sparo non faccia deviare l' asta .

    6.Durante l' azione di pesca , il fucile carico ( asta inserita) presentera un tratto di sagola penzoloni dalla testata
    che non potrete sistemare nello sganciasagola .
    Vi servia' dunque un sistema per sistemarla a dovere.
    Si puo usare una pinza a coccodrillo oppure , come ho fatto io, della semplice
    camera d' aria tagliata con una porzione sporgente per facilitare
    la presa e sistemata nel fusto del fucile (foto sotto riquadro 3 ).



    NOTA**: IMPORTANTE: Un foro troppo grande e/o decentrato potrebbero
    indebolire eccessivamente l' asta la quale potrebbe cedere
    durante la fase di caricamento mettendo a rischio la vostra incolumita' !!




Pistone:

Riduzione o-ring:***
(difficolta' = bassa ; utilita'= media )
Ho notato che i pistoni presenti mei miei cyrano e stealth (canna11 mm) scorrevano con forte attrito all' interno
della canna rispetto ai pistoni dei fucili con canna 13 ( cressi SL , mares Sten ).
All' inizio pensavo fosse dovuto a una miglior levigatezza della canna , poi mi sono accorto che dipendeva
da una delle due guarnozioni presenti sul pistone. Ho verificato che la guarnizione tonda (o-ring)
risultava di diametro esterno sovrabbondante rispetto agli 11mm della canna .Ho dunque provato a ridurne
il diamentro e come per magia ora il pistone scorreva assai facilmente.La tenuta non è stata compromessa perche
l' anello deputato a cio è quello a forma di minigonna .Giusto per quantificare il miglioramento vi dico che
una volta lubrificato e inserito il pistone in canna per pochi cm , per mandarlo ulteriormente all'
interno servivano 5 kg per il pistone standard e appena 1 kg per quello con o-ring ridotto.



!
( Attenzione : Aggiornamento 31/05/09 )
Modifica in via di verifica perche l' assenza dell' oring genera infiltrazioni di acqua nel fucile durante lo sparo ( strano ma vero) ,
dunque è da verificare se anche una riduzione dell' oring ( come descritto sopra) puo genrerare un effetto infiltrativo .




Variatore di Potenza:

Eliminazione Blocco Variatore:***
(difficolta' = medio-bassa ; utilita'= medio-alta )
Il variatore di potenza è un sistema che permette di ridurre notevolmente la potenza del fucile,
operazione utile ogni qualvolta si debbano fare tiri ravvicinati in tana se non si vuole rovinare
irrimediabilmente asta, arpione o fiocina.E' composto fondamentalmente da 2 elementi :
un blocco cilindrico di plastica posto all' inizio del serbatoio che separa il serbatoio stesso
in 2 camere di cui una grande e una piccola .Il blocco presenta un piccolo forellino di forma quasi
rettangolare che su i modelli Mares misura 6x4mm di lato.Il secondo elemento è la levetta su cui noi agiamo
che tramite un piccolo pistoncino va a chiudere questo foro .Una volta chiuso il fucile avra una potenza
assai ridotta perche la maggiorparte dell' aria compressa rimarra imprigionata quasi tutta nel serbatoio.
(VIDEO: se volete avere un idea piu dettagliata sul funzionamento cliccate sull' immagine sotto )



Se risulta utilissimo per i fucili corti con cui si fanno spesso tiri in tana, risulta tuttavia un elemento
deletereo sulla potenza massima del fucile .Infatti anche posizionando la levetta su “massima potenza”
l' aria sara costretta a passare per una strozzatura di solo 6x4mm !
Per questo motivo , mentre il variatore lo lascio su tutti i miei fucili corti ,su i lunghi preferisco toglierlo
guadagnando potenza aggiuntiva.Per far cio basta eliminare il blocco variatore di plastica cilindrico
mentre la levetta non da assolutamente nessun problema e va lasciata in sede.
(per la rimozione far riferimento alla pagina riguardante lo “smontaggio” del fucile oleopneumatico)




Lubrificante:
I fucili ad aria compressa necessitano di una buona lubrificazione di canna e pistone per funzionare correttamente.
Gli olii piu indicati sarebbero ( e qui è d' obbligo il condizionale) quelli a bassa viscosita perche cio permetterebbe una
velocita maggiore del pistone . In effetti dopo aver provato diversi olii ho
notato miglioramenti con quelli per forcelle moto che presentavano una densita tra 15w e i 10w.
Usando olii troppo fluidi ho notato che questi non lubrificavano pero a dovere notando un aumento
dell' attrito sia su pistone che su grilletto.
La quantita di olio da usare è variabile da fucile a fucile , diciamo che
indicativamente si va da 15ml per fucili corti a 25ml per quelli piu lunghi.


Sistema di sgancio:
Per sistema di sgancio intendiamo tutti i componenti che concorrono al rilascio del pistone.
(grilletto,vite su grilletto, perno griletto,perno da 1,5mm,dente di sgancio, perno dente di sgancio,dente del pistone).
Notoriamente i fucili pneumatici , se confrontati con i cugini arbalete ,sono famigerati per avere in tal senso
dei pessimi grilletti in quanto oltre ad essere duri da premere hanno anche diversi attriti parassiti.
Tuttavia intervenendo con qualche modifica si riesce addirittura a ottenere un grilletto cosi dolce
da far invidia al grilletto dell' ottimo Omer Cayman .
Dove intervenire?
1. riduzione della durezza ( data dalla forza della molla e dalla forza pressoria agente sul perno )
2. riduzione degli attriti parassiti ( dati dallo sfregamento dei vari cinematismi)

Lucidatura dei cinematismi:**
(difficolta' = medio-bassa ; utilita'= medio-bassa)
Le parti a contatto sono lavorate in maniera piu o meno grezza e le superfici infatti sono generalmente abbastanza ruvide .
L' attrito non rende piu duro il grilletto ma in quanto tale lo fa procedere “a scatti” e non in maniera fluida.
Cio che bisogna fare è dunque lucidare con pasta abrasiva tutti i punti di contatto tra questi elementi fino a fargli assumere
un aspetto a “specchio”.Per far cio consiglio l' uso di un dremel e degli appositi feltrini imbevuti di pasta abrasiva da carrozziere .







Modifica alla Molla ****
(difficolta' = media ; utilita'= alta )
Oltre alla pressione agente sul perno, l' altro elemento che rende duro il grilletto è senza dubbio la molla.
La funzione di questo elemento è di impedire che il dente si abbassi da solo rilasciando per sbaglio il pistone.
Tuttavia la molla usata è veramente molto robusta e riducendone la forza il grilletto risultera molto piu tenero da premere.
Le vie che si possono seguire sono 2:
o si eliminano con una tronchesina 1 o 2 spire
oppure meglio ancora si sostituisce la molla con una piu tenera .
(nei fucili stealth e cyrano come molla sostitutiva ho utilizzato quella del rispettivo variatore di potenza)
(Attenzione: rendendo troppo tenera la molla si rischia il rilascio accidentale del pistone)


Ecco qualche test comparativo:
(in verde i kili necessari da applicare al grilletto perche avvenga lo sgancio)

Test a fucile sgonfio ( 0 bar ) :
**Stealth 850 ( molla orginale) : 1kg circa
**Stealth 850 ( con molla del variatore accorciata di 4 spire) :
0,5 kg

Test a pari pressione ( 20 bar) :

**Stealth 850 ( perno grilletto 1,5mm) : 1,3 kg circa
(lucidatura e smussatura cinematismi grilletto
)

**Cressi SL star 70 (perno grilletto 3mm) : 1,5 kg circa
( lucidatura e smussatura cinematismi grilletto +
eliminazione 1,5 spire da molla originale del dente di sgancio)

**Cyrano 700 :(perno grilletto 1,5 kg) : 0,8 kg circa
( lucidatura e smussatura cinematismi grilletto +
sostituzione molla con quella presente nel variatore( piu tenera) e accorciata poi di 2 spire )

**Miniministen : (perno 3mm) : 2 kg circa
(nessuna modifica)


Test a pressioni operative:
(in verde i kili necessari da applicare al grilletto perche avvenga lo sgancio)
*Cyrano 700@26 bar di precarica :
1 kg circa
*Stealth 850@26 bar di precarica :
1,4kg circa
*Stealth 850@28 bar di precarica:
1,5 kg circa
*Stealth 850@28 bar di precarica ( molla variatore ) : 1kg circa

-Video esplicativo sull' esecuzione del test-

caymanstencyrano
(clicca su ciascuna immagine per vedere i video)



Kit perno 2mm fai da te: ( solo per Cressi SL ):****
(difficolta' = medio-alta ; utilita'= alta )
link al forum

Con questa guida vi mostrero come creare un kit da 2mm da sostituire al kit originale da 3mm
riducendo cosi la pressione sul perno del 55% e dunque rendendo molto piu tenero il grilletto.

Il materiale che vi serve è di facile reperibilita:
A) una valvola Cressi
B) un archetto per arbalete ( che sia da 2mm .. io ho usato quelli sporasub)
C) 2 oring da diametro interno di 1,75mm

Svitate la valvola cressi e prendetene il dadino di ottone cromato.. poi fate un taglio netto all' altezza della filettatura...
prendete adesso l' archetto e tagliatene un pezzo di lunghezza di poco superiore al perno originale da 3mm.

prendete il pezzettino di archetto appena tagliato e smussatene gli estremi a testa di fiammifero
fin tanto che non avra raggiunto la lunghezza del perno originale.. poi se volete una maggior
scorrevolezza lucidatene la superfice ( io uso prima un disco dremel in gomma abrasiva e poi un feltrino con pasta abrasiva)

A questo punto prendete il dadino di ottone precedentemente tagliato e infilateci dentro i 2 oring .
noterete probabilmente che uno dei due traborda un po ..
se cosi fosse bisogna spianare la sporgenza in eccesso fino all' orlo del dadino in ottone.

A questo punto avete finito il lavoro.. non vi rimane che togliere il vecchio kit 3mm e metterci
il vostro kit 2mm . N.B. quando togliete il kit 3mm lasciate dentro il fucile l' oring originale!!

Risultato:
spinta del perno 3mm a 25 bar : ( raggio x raggio x pgreco x bar )/100 = 1,76 kg
spinta del perno 2mm a 25 bar: ( raggio x raggio x pgreco x bar )/100 = 0,78 kg

cioè il 55% di kili di spinta in meno del perno sul grilletto!



Sganciasagola :

Smusso grilletto:*****
(difficolta' = bassa ; utilita'= molto alta )
E' quell' elemento che comandato dal grilletto permette il rilascio della sagola sincronizzato con lo sgancio del pistone.
In alcuni fucili come i Mares/Sporasub , lo sganciasagola presenta un difetto:
Quando la sagola vien tesa su questo supportino ,esso è premuto contro il grilletto
generando un fastidiosissimo attrito , tanto forte che a volte genera impuntamenti sul grilletto.
Essendo elementi plastici non possiamo intervenire con la lucidatura ma
possiamo smussare il punto di contatto tra i due generando uno “scivolo” naturale .
C'è chi interviene direttamente sullo sganciasagola , ma personalmente ho trovato
migliori risultati intervenendo direttamente su grilletto .
Si tratta di creare un taglio obliquo sul grilletto (linea fucsia in foto) a partire
dal millimetro immediatamente dopo il punto in cui lo sganciasagola
tocca il grilletto stesso.A questo punto anche con sagola in forte tensione , il distacco sara molto dolce.

Regolazione vite su grilletto:
Sul fondo del grilletto troviamo una piccola vite nascosta ( V ) .


Stringendo questa vite si anticipa il tiro che in altre parole significa che il
grilletto deve fare una corsa minore prima che avvenga il distacco del pistone.
Questa è una cosa utilissima in quanto trovo che su i pneumatici la corsa del grilletto sia veramente troppo lunga .
Per piccole correzzioni non vi si presentera nessun problema , ma stringendo ancora accadra un inconveniente:
Il grilletto blocchera progressivamente l' apertura dello sganciasagola impedendo ad un certo punto il rilascio della sagola stessa!”
Il problema è facilmente risolvibile limando la parte di grilletto che crea ingombro .
Un grilletto a riposo , indipendentemente da come è stretta la vite, arriva fino alla linea blu ( foto sopra).
Un grilletto completamente premuto con vite cosi come la da la casa , arriva fino alla linea verde( foto sotto).
Io ho stretto la vite fino a che il grilletto ha raggiunto un escursione massima che lo fa arrivare fino alla linea rossa (foto sotto).
Se non avessi limato il grilletto ( area gialla in foto sopra) quest' ultimo
avrebbe impedito la corretta apertura dello sganciasagola (foto sotto).
(Vedendo la foto sotto capite da voi che se desiderassi stringere ancora la vite , dovrei per forza limare ancora un po il grilletto.)


ATTENZIONE:
Serrando eccessivamente la vite del grilletto si puo arrivare
addirittura ad avere lo sgancio accidentale del pistone!
Pertanto assicuratevi sempre di non arrivare mai a
tale condizione in quanto pericolosissima!



Impugnatura: ( 3 metodi sperimentati)
L' impugnatura riveste un ruolo importante perche non solo rendera la presa piu piacevole e salda,
ma anche e soprattutto perche se studiata bene riuscira a limitare l' effetto del rinculo durante lo sparo.
Un impugnatura ben inclinata ( come per esempio quella dei Cressi SL ) fara si che il rinculo dell' arma
si scarichi maggiormente sull' avambraccio e meno sul polso riducendo cosi l' alzata del muso dell' arma.
E' possibile inoltre personalizzare la propria impugnatra sagomandola a piacimento .
Per far cio si puo utilizzare un prodotto di nome “Utileplast” che altro non è che plastica che diventa morbida
e dunque sagomabile a piacere a bassa temperatura ( 60°c) .Non trovandone in commercio io ho utilizzato
qualche centimetro di sughero sintetico sagomandone la forma e incollandolo all' impugnatura con colla neoprenica.

1) Sughero sintetico lavorato***
(difficolta' = media ; utilita'= media )



2) Utileplast:****
(difficolta' = bassa ; utilita'= medio-alta )
Finalmente in data 15/lug/08 grazie all' amico Stefano ( stexsub_66) che mi ha procurato 100gr di utileplast ,
ho potuto cimentarmi nella modellazione di un nuovo manico da mettere sullo stealth 850.


3) Sostituzione Impugnatura : *****
(difficolta' = elevata ; utilita'=elevata)
Nonostante sia riuscito a creare un impugnatura altamente anatomica con l' utileplast, non ero ancora pienamente
soddisfatto per via dell' angolazione. Ho cercato di dargliela come quella del Cressi SL ma aime è impossibile .
Dunque ho deciso di fare il gran passo: montare il calcio Cressi SL sul mio Stealth 850.
Qua trovate una discussione aperta da me in cui potete rivivere passo passo la nascita
di questo fucile ibrido ----> link al thread

Vi dico solo che è stata una faticaccia , sia perche mi mancano strumenti sofisticati ,sia perche
ho costruito tutto con cio che mi ritrovavo in casa .


Questo è il fucile finito, un mix di pezzi presi da un Cressi SL 40 e uno Stralth 850



Procedura:
Innanzi tutto vi dico che avevo a disposizione uno stealth 850 e un cressi SL 40 .
Tolta l' impugnatura dal cressi il primo problema che si presenta è che la canna dello stealth
è da 11 m mentre l' alloggio del calcio cressi è per canne da 13mm .
Le modifiche di adattamento sono le seguenti:


1. si sostituisce il perno del dente mares con quello cressi perche il calcio cressi usa un sistema di centratura che fa capo
al perno e quest' ultimo deve essere lungo)
2. si limano le 2 sporgenze nel retro della canna mares ( cio crea una base d' appoggio)
3.si lima fino ad appinare al metallo , la plastica bianca sulla valvola mares ( infatti avvitando stretta la valvola questa
tocca il dente di sgancio)

4.si inserisce uno spessore sul retro della canna in modo da portare il diametro dela canna
da 11mm a quello della canna 13mm cosi da poter alloggiare nell' impugnatura senza giochi.

Il fucile Cressi SL a differenza degli altri in commercio , usa fori decentrati verso l' alto su calcio
e ogiva e cio determina il relativo decentramento della canna che si trova spostata piu in alto
di qualche millimetro ( vedi foto sotto). Cio implica dunque che oltre al calcio si debba usare alnche
l' ogiva cressi e qua nasce un problema : l' ogiva cressi è piu corta di 5cm !

Il problema si puo risolvere in 2 modi: si monta un serbatoio piu lungo di quello dello stealth 850 ,
per esempio un 90cm ( o un 100 da accorciare) . Oppure in assenza di quest' ultimo si fa come ho fatto io:
si arretra l' oring dell' ogiva di 5cm e si mette un cilindretto di 5cm tra testata stealth e ogiva cressi :

L' arretramento ha richiesto la creazione di un nuovo solco per il seeger , la creazione di un nuovo
seeger (anellino a C bianco) e l' utilizzo di un nuovo O-ring.

Come cilindretto da apporre tra testata e ogiva ho usato la parte posteriore della testata cressi
opportunamente lavorata.

Inoltre ricordo che il grilletto , oltre ad essere morbido per via di una molla piu tenera sul dente di sgancio,
lo è anche perche ho sostituito il perno da 3mm standard con uno da 2mm fatto da me.




Assetto:

Utilizzo di Galleggianti:***
(difficolta' = molto bassa ; utilita'= alta )
I fucili pneumatici hanno tutti un difetto: non galleggiano e sono pesanti in punta.
Cio determina un precoce affaticamento del polso che oltre a essere fastidioso è spesso causa di imprecisione del tiro.
Per risolvere bisogna necessariamente utilizzare un galleggiante da mettere in punta.
Ho provato con diversi materiali , ma quello che piu mi ha dato soddisfazione è il sughero sintetico trovato
in un negozio di pesca e venduta in stecche da 1 metro a pochi euro.
Dopo averne tagliato un pezzo della lunghezza giusta ( dipende dal fucile ..quindi bisogna fare prove dirette in acqua) ,
si sagoma con lima per legno rendendolo concavo internamente e smussato esternamente.
Si fissa poi al serbatoio con 2 semplici elastici (li ricavo da camera d' aria per bici ).
Facendo scorrere il galleggiante sul fusto avanti o in dietro potrete
regolare finemente l' assetto e finalmente avrete un fucile che non stanca
il polso anche dopo ore di pesca. Nella foto sotto potete
vedere che a seconda del fucile servira piu o meno galleggiante.
Nell' ordine dall' alto troviamo: stealth 850 – Cyrano 700 – Cressi SL 55




ASTA:

Sistema ibrido:**
(difficolta' = medio-alta ; utilita'= a seconda dell' utilizzo )
Copiando l' idea di un prodotto visto in rete ho trasformato una comune asta filettata in un' asta mista Taithiana-Filettata.
Il vantaggio consiste nel cambiar rapidamente configurazione da Taithiana a Fiocina.


Dopo aver fatto un foro da 2mm sull' asta ( punta al cobalto : 2 euro circa) , ho preso l' aletta e l' ho sagomata
sull' asta stessa in modo tale che , come un calco, ne assumesse la
stessa identica forma aumentando cosi idrodinamicita e penetrazione.
Successivamente un chiodino inox lungo7mm opportunamente
inserito nel foro e poi battuto ai capi è diventato il perno dell' aletta.
A questo punto non rimaneva che appuntire l' asta
lasciando un po di filettatura e lucidare in fine le parti lavorate.




Mimetizzazione:

Fogli adesivi:*
(difficolta' = bassa ; utilita'= media )
Esistono svariati modi di mimetizzare un fucile , una cosa semplice che si puo fare è applicarvi su dei fogli adesivi dai colori
simili al fondale su cui opererete. Nel mio caso il fondale è spesso sabbioso cosparso di un fine sedimento color
caffellatte cosi ho optato per un foglio adesivo sottile di sughero . Applicarlo al fusto è stato quantomai semplice.




Verniciatura:***
(difficolta' = media ; utilita'= medio-alta )
Tuttavia trovare un foglio adesivo che riproduca fedelmente ogni tipo di fondale è impossibile.
Ecco che allora si ricorre alla verniciatura che grazie alla vasta gamma di colori ottenibilie un po
di pazienza da parte nostra risultera alla fine il miglior sistema per mimetizzare a dovere il nostro fucile.
Nel mio caso ho usato 3 vernici spry (marrone, beige e grigio)poi miscelate tra loro per ottenere diverse sfumature.

E' possibile ovviamente mimetizzare anche altri elementi della nostra attrezzatura ..




speargun spearfishing mares sporasub cressi cressisub omersub sea fish