Cenni biografici
   
Documenti
  
 
     
 
 
Cronologia
 
Indice Scienziati
 
Bibliografia
 
 
Joseph Henry Michael Faraday






Michael Faraday

   
Newington Butts (Londra)   22.09.1791- Hampton Court- Londra 25.08.1867
 
1821 Elettrodinamica
       
 
     

  
Le ricerche che fecero di Faraday il più insigne scienziato sperimentale dei suoi tempi furono i  campi dell'elettricità e del magnetismo. Dopo la scoperta di Oestered  dell'elettromagnetismo del  1819, Faraday riprodusse l'esperimento nel  1821  e approfondì gli studi in questo campo, dopo dieci anni di  lavoro scopri l'induzione elettromagnetica. L'annuncio fu dato il 24 novembre del 1831. Faraday  giunse alla sua scoperta avvolgendo attorno ad un anello di ferro due distinte bobine. Collegava ai  capi di una bobina (circuito indotto) un galvanometro, ed ai capi dell'altra (circuito induttore) una pila elettrica;     chiudendo il circuito della pila l'ago del galvanometro si muoveva in un senso e  aprendo  il  circuito  si  muoveva nel senso inverso. Successivamente Faraday scoprì che introducendo o estraendo un  magnete da un conduttore avvolto a  spira,  collegato ad un galvanometro veniva prodotto  un movimento dell'indice, in pratica veniva prodotta una piccola corrente elettrica,  era  riuscito  ad  ottenere  una  corrente  elettrica  da un magnete, ad indurre  elettricità  servendosi  di  un  magnete.  Capì subito che la produzione   di   correnti indotte   in   un circuito non era sufficiente la presenza del   magnete, ma occorreva il suo movimento, la variazione del campo magnetico indotto.

A titolo informativo si segnala che anche Cavendisch aveva già svolto molto lavoro di ricerca eseguito da Faraday ma non ha mai diffuso le sue ricerche. 
  




L'ESPERIMENTO
  a cura della Scuola Media di Calizzano (Sv) (I segreti dell'elettricità.)  
L'esperimento basilare per capire l'induzione elettromagnetica è questo: Introducendo una calamita in una bobina si ottiene un impulso di corrente. Se la calamita resta ferma la corrente svanisce. Estraendo la calamita si produce nuovamente un impulso, di verso contrario al primo. Per generare una corrente è indispensabile una   variazione del campo magnetico che entra nella bobina.