PUGLIA
ALEZIO
VIGNETI ALEZIO
PUGLIA
Zona viticola comunitaria C3B

La Superficie di vigneti (inventario viticolo CE 2004) della regione Puglia è di 110.358 ettari di cui:
DOP 12.883 ettari,
IGT e vini da tavola 97.475 ettari.

La superficie nel 2006 (dati ISTAT) è di 102.368 ettari suddivisa per province:
Bari: 19.395 ettari,
Brindisi: 14.728 ettari,
Foggia: 35.770 ettari,
Lecce: 12.609 ettari,
Taranto: 19.865 ettari.
La produzione nel 2006 è stata di 10.443.160 quintali di uva con una resa per ettaro media regionale di 111 quintali partendo dai 156 quintali di Foggia ai 113 di Brindisi, 87 di Bari, 80 di Lecce e 72 di Taranto.

La produzione (dati ISTAT) del 2006 è la seguente:
DOP 862.392 ettolitri di vino,
IGP 1.142.890 ettolitri di vino,
Vini da tavola: 5.110.491 ettolitri di vino
Per un totale di 7.115.678 ettolitri di vino.
La percentuale delle DOC sulla produzione totale ha raggiunto quasi il 12% contro una percentuale media del 6%.
La resa media regionale delle DOC è di 71 quintali ettaro, contro una resa media regionale di 105 quintali per ettaro.

La regione Puglia ha:
1 DOCG
28 DOC (1 regionale)
6 IGT (1 regionale e 5 zonali)

La situazione delle DOP (dati ISNEA 2004) è la seguente:
Aleatico di Puglia: 1 produttore, 1,40 ettari iscritti all’Albo dei vigneti, zero produzione di vino;
Alezio: 18 produttori, 35 ettari iscritti all’Albo dei vigneti, prodotto 920 ettolitri di vino;
Brindisi: 166 produttori, 627 ettari iscritti all’Albo dei vigneti, prodotto 10.763 ettolitri di vino;
Cacc’e Mitte di Lucera: 16 produttori, 30 ettari iscritti all’Albo dei vigneti, prodotto 2.212 ettolitri di vino;
Castel del Monte: 1.682 produttori, 2.307 ettari iscritti all’Albo dei vigneti, prodotto 90.641 ettolitri di vino;
Copertino: 653 produttori, 564 ettari iscritti all’Albo dei vigneti, prodotto 13.062 ettolitri di vino:
Galatina: 22 produttori, 64 ettari iscritti all’Albo dei vigneti, prodotto802 ettolitri di vino;
Gioia del Colle: 90 produttori, 164 ettari iscritti all’albo dei vigneti, prodotto 3.128 ettolitri di vino;
Gravina: 12 produttori, 39 ettari iscritti all’Albo dei vigneti, prodotto 1.637 ettolitri di vino;
Leverano: 258 produttori, 299 ettari iscritti all’Albo dei vigneti, prodotto 12.480 ettolitri di vino;
Lizzano: 17 produttori, 58 ettari iscritti all’Albo dei vigneti, prodotto 951 ettolitri di vino;
Locorotondo: 828 produttori, 502 ettari iscritti all’Albo dei vigneti, prodotto 10.743 ettolitri di vino;
Martina Franca: 406 produttori, 464 ettari iscritti all’Albo dei vigneti, prodotto 5.067 ettolitri di vino;
Matino: 12 produttori, 63 ettari iscritti all’Albo dei vigneti, prodotto 266 ettolitri di vino;
Moscato di Trani: 23 produttori, 29 ettari iscritti all’Albo dei vigneti, prodotto 986 ettolitri di vino;
Nardò: 46 produttori, 82 ettari iscritti all’albo dei vigneti, prodotto 820 ettolitri di vino;
Orta Nova: 4 produttori, 7 ettari iscritti all’Albo dei vigneti, prodotto 335 ettolitri di vino;
Ostuni: 3 produttori, nessun dato sulla superficie iscritta e sulla produzione;
Primitivo di Manduria: 1.265 produttori, 1.887 ettari iscritti all’Albo dei vigneti, prodotto 50.960 ettolitri di vino;
Rosso Barletta: 18 produttori, 22 ettari iscritti all’Albo dei vigneti, prodotto 1.259 ettolitri di vino;
Rosso Canosa: 11 produttori, 42 ettari iscritti all’Albo dei vigneti, prodotto 1.029 ettolitri di vino;
Rosso di Cerignola: 1 produttore, 0,97 ettari iscritti all’Albo dei vigneti, prodotto 94 ettolitri di vino;
Salice Salentino: 1.521 produttori, 2.496 ettari iscritti all’Albo dei vigneti, prodotto 82.242 ettolitri di vino;
San Severo: 292 produttori, 605 ettari iscritti all’Albo dei vigneti, prodotto 43.904 ettolitri di vino;
Squinzano: 199 produttori, 434 ettari iscritti all’Albo dei vigneti, prodotto 15.321 ettolitri di vino.
La DOC Colline Joniche Tarantine è stata riconosciuta nel 2008.
La DOCG Primitivo di Manduria dolce è stata riconosciuta il 23/02/2011
Nuova DOC per Tavoliere delle Puglie il 07/10/2011

La produzione delle DOC nel 2004 è scesa a poco più del 5% vista la ridotta utilizzazione della potenzialità produttiva.

Varietà idonee alla coltivazione regione Puglia:

Bianche:

Asprinio
Bianco d’Alessano
Bombino bianco
Chardonnay
Cococciola
Falanghina
Fiano
Francavilla o Francavidda
Garganega
Greco
Greco di Tufo
Grillo
Impigno
Incrocio Manzoni 6.0.13.
Malvasia bianca
Malvasia bianca di Candia
Malvasia bianca lunga
Montonico bianco
Moscatello selvatico
Moscato bianco
Mostosa
Pampanuto
Pinot bianco
Riesling italico
Riesling renano
Sauvignon
Sémillon
Sylvaner verde
Traminer aromatico
Trebbiano giallo
Trebbiano romagnolo
Trebbiano toscano
Verdeca
Vermentino

Rosse:

Aglianico
Aleatico
Ancellotta
Barbera
Bombino nero
Cabernet Franc
Cabernet Sauvignon
Ciliegiolo
Lacrima
Lambrusco Maestri
Malbech
Malvasia nera di Brindisi
Malvasia nera di Lecce
Merlot
Montepulciano
Megroamaro
Notardomenico
Ottavianello
Piedirosso
Pinot nero
Primitivo
Sangiovese
Susumaniello
Uva di Troia o Troia

Menzioni tradizionali:
Cacc’e mmitte: designazione per il vino a DOC rosso di Lucera, significa “dammi e metti” ha origine dalla consuetudine di aggiungere mosto fresco al vino, prelevando un uguale volume di vino, una sorta di “governo all’uso toscano”, rende il vino più fresco e pronto al consumo.
Canusium: menzione tradizionale tipica per la DOC Rosso di Canosa
VIGNETI SALICE SALENTINO
VIGNETI SALICE SALENTINO
WORLD WINES' GEOGRAPHICAL INDICATIONS
IL SITO CONTINUA CON LA SECONDA PARTE -SEQUEL-
CLICCARE QUI
DISCIPLINARI DI PRODUZIONE
DOCG
Primitivo di Manduria dolce
Castel del Monte Bombino nero
Castel del Monte Nero di Troia riserva
Castel del Monte rosso riserva
DOC
Aleatico di Puglia
Alezio
Barletta
Brindisi
Cacc'e mmitte di Lucera
Castel del Monte
Colline Joniche Tarantine
Copertino
Galatina
Gioia del Colle
Gravina
Leverano
Lizzano
Locorotondo
Martina Franca
Matino
Moscato di Trani
Nardò
Negramaro di Terra d'Otranto
Orta Nova
Ostuni
Primitivo di Manduria
Rosso di Cerignola
Salice Salentino
San Severo
Squinzano
Tavoliere delle Puglie
Terra d'Otranto
IGT
Puglia
Daunia
Murgia
Salento
Tarantino
Valle d'Itria