Samuele Fanetti 2.0


Installazione di


 
Debian LENNY

 
su

architettura

X86_64

(AMD64 - EM64T)

GUIDA AGGIORNATA E REVISIONATA IL 13 FEBBRAIO 2009

per ulteriori tips & tricks riguardanti debian su amd64
http://lowmemorymode.wordpress.com


Perchè 64 bit

Se hai una macchina con processore che supporti istruzioni a 64 bit, che sia AMD_64 o INTEL_EM64T, non c'è motivo alcuno per non sfruttare a pieno le potenzialità del processore e installare un sistema operativo a 64 bit!

Sono ormai lontani i tempi in cui eravamo costretti a usare s.o. a 32 bit su macchine a 64 bit!

La compatibilità è divenuta eccellente: tutto il free software è ovviamente disponibile compilato (o compilabile!) per architettura 64 bit. Il software proprietario (in quanto tale) può invece non essere disponibile... Come insegna Stallman sarebbe meglio non usare questo tipo di software e cercare l'alternativa free... ma dato che siamo uomini e non filosofi spesso non ne possiamo (e/o vogliamo) fare a meno. Fortunatamente la comunity ha trovato il modo di far funzionare egregiamente molti di essi (Skype, Flash plugin ecc...).

Anche il tasto dolente, ovvero i codec multimediali, non è poi ormai così dolente: io riesco con la mia Debian a 64 bit a riprodurre praticamente qualsiasi tipo di audio/video.

Se poi consideriamo il fatto che quasi il 100% dei processori di grande mercato attualmente prodotti è a 64 bit è evidente che il 64 bit sia il futuro. Quasi venti anni fa potevamo fare discorsi simili sul 16/32 bit e sappiamo tutti come è andata.


Quindi, a meno che tu non abbia un eee-pc valuta la possibilità di installare un sistema operativo a 64 bit

Nota sui componenti testati

Riporto l'output di lspci -v solo per completezza. Le procedure di set-up del sistema operativo ovviamente saranno analoghe per hardware diverso.

output di lspci -vvv

Installazione

L'installazione è stata eseguita a partire dal CD netinst amd_64 Debian Etch 4.0r4 la cui immagine è liberamnte scaricabile nella sezione download del sito www.debian.org

La mia strategia è stata quella di usare l'installer della distribuzione stabile che ha sicuramente gli script più collaudati. Anche se ormai possiamo considerare stabile anche l'installer di lenny, che peraltro consiglio di usare su hardware recente.

Ho eseguito un'installazione minima (senza desktop manager) a partire dal cd netinst_amd64 quindi ho fatto upgrade a Lenny. Solo dopo ho installato Xfce come ambiente grafico.

Upgrade a Lenny

Terminata l'installazione della Etch si puo upgradare il sistema nel seguente modo:

si modifica il file sources.list

# nano /etc/apt/source.list

nel seguente modo:

     deb http://ftp.it.debian.org/debian/ testing main contrib non-free

     deb-src http://ftp.it.debian.org/debian/ testing main contrib non-free

     deb http://security.debian.org/ testing/updates main contrib

     deb-src http://security.debian.org/ testing/updates main contrib

Quindi si procede all'aggiornamento del sistema:

# aptitude update

# aptitude upgrade

# aptitude dist-upgrade

Adesso possiamo installare il nostro desktop manager preferito

Per Xfce:

# aptitude install xserver-xorg xfce4

(eventualmente xdm, slim o gdm come gestore grafico di login)

Per GNOME

# aptitude install xserver-xorg gdm gnome

Per KDE:

# aptitude install xserver-xorg kdm kde

Scheda video NVIDIA

L'installazione dei driver ufficiali Nvidia è sicuramente la scelta consigliata se si vogliono versioni aggiornate dei drivers. 

Si puù scaricare dal sito ufficiale l'ultima versione dell'installer (file.run) per Linux AMD64/EM64T

Quindi si installare l'occorrente per la compilazione del driver

# aptitude install build-essential linux-headers-$(uname -r) xserver-xorg-dev

Se non si usa nessun gestore grafico (come il sottoscritto) abbattiamo X , semplicemente uscendo dalla sessione grafica.

Se si usa gdm/kdm/xdm andiamo in una shell reale premendo contemporaneamente Ctrl+Alt+F1 e dopo aver effettuato  il login come root si termina gdm/kdm/xdm con il comando:

    # /etc/init.d/gdm stop

(sostituire gdm con kdm o xdm a seconda del gestore che si usa)

     Si avvia l'installer dalla cartella dove si è scaricato il file .run eseguendo:

   # sh NVIDIA-Linux*

Si seguono le istruzioni a video fino al termine dell'installazione fino al riavvio del server X. Ricordiamoci di abilitare la compatibilità per 32 bit ;-)

NVIDIA via module assistant

Se non abbiamo una scheda grafica nuovissima con buona probabilità ci andrà bene la versione dei driver nvidia presente nei repository. Allora si può usare module-assistant, metodo che ci semplifica moltissimo la vita.

   # aptitude install module-assistant

Poi dopo aver abbattuto X si entra nell'interfaccia ncurses di module assistant con:

   # m-a

Quindi non resta che fare le seguenti operazioni:

                UPDATE

                PREPARE

                SELECT -->   nvidia-kernel --> OK

quindi        GET - BUILD - INSTALL


Il vantaggi è che la procedura è automatica e tutti i problemi/dipendenze vengono risolte da m-a.             

Installazione delle librerie per compatibilità con applicazioni a 32 bit

 # aptitude install ia32-libs ia32-libs-gtk libc6-i386 lib32asound2 lib32gcc1 lib32z1 gsfonts-X11r

Installazione dei plugin Flash/gnash per Iceweasel a 64 bit

Metodo 0 : GNU Gnash 

E' il flash player sviluppato in seno al progetto GNU, ha raggiunto la versione 0.8.4, presenta ancora qualche difettuccio, che è comunque trascurabile dato il fatto che è l'unica alternativa free al flash player di Adobe. 

L'installazione è banale:

   # aptitude install gnash mozilla-plugin-gnash

Metodo 1 : Utilizzo del software proprietario di adobe

Per coloro la cui coscienza permette l'utilizzo di software proprietario esiste nspluginwrapper un tool rilasciato sotto gpl che ci permette di usare i plugins 32 bit su Iceweasel a 64bit. Si installa dai repository ufficiali:

   # aptitude install nspluginwrapper

Quindi andiamo nella  cartella /home/utente/.mozilla e creiamo una cartella plugins. Scarichiamo il file .tar.gz dal sito di Adobe, lo decomprimiamo e copiamo il file libflashplayer.so nella cartella plugins appena creata. Quindi dalla stessa cartella wrappiamo il plugin lanciamo da utente il comando:

   $ nspluginwrapper -v -i ./libflashplayer.so

Variante (consigliata)

Per utilizzare il plugin su tutti i browser installati sul sistema possiamo passare via repository e installare il pacchetto flashplugin-nonfree presente nei repository di sid. Oppure il pacchetto flashplayer-mozilla presente anche in lenny nei repository di marillat (attualmente è la scelta migliore e quella che io consiglio).

Variante n°2

Adobe ha recentemente rilasciato flashplayer 10 per l'architettura amd64. E' ancora in fase alpha ma io l'ho trovato abbastanza funzionale...

Si può scaricare l'archivio per linux da questa pagina, quindi decomprimerlo e muovere il file libflashplayer.so in ~/.mozilla/plugins/

Multimedia

La compatibilità per quanto riguarda i codec è diventata ormai eccellente. Aggiungiamo al file sources.list i repo non ufficiali debian-multimedia:

## Binari per Lenny (testing) Architetture: amd64, i386, sparc

deb http://www.debian-multimedia.org lenny main

quindi scarichiamo e installiamo il keyring di validazione:

# dpkg -i debian-multimedia-keyring_2008.10.16_all.deb

Adesso possiamo installare il Lettore multimediale mplayer che ci permette di leggere praticamente ogni tipo di file multimediale:

# aptitude install mplayer

Alternativamente Chi preferisse la versione no-gui (come me!) molto più pulita, la può installare con:

# aptitude install mplayer-nogui

Possiamo qindi installare il plugin di mplayer per Iceweasel che ci permette di vedere video sul web:

# aptitude install mozilla-mplayer

Riprodurre dvd originali:

# aptitude install dvdcss2

Marillat offre una notevole quantità di codec... Installarli tramite APT, a seconda delle esigenze è semplice, rapido e indolore.

Ambiente Java

Finalmente è disponibile la Java virtual machine ufficiale di SUN a 64 bit che si installa via apt.
Dal 12 febbraio 2009 anche il java-plugin per i browser Mozilla è disponibile nei repository ufficiali di lenny. Questo rende facile ed immediata l'installazione:

 # aptitude install sun-java6-jre sun-java6-plugin

Skype 2.0

Una volta installati i pacchetti per la compatibilità a 32 bit si può scaricate la versione skype-debian_2.0.0.72-1_i386.deb dalla sezione download del sito ufficiale di skype. E' la versione per architettura i386 quindi la installiamo con

   # dpkg -i --force-architecture skype-debian_2.0.0.72-1_i386.deb

Funziona egregiamente anche su amd64.



Conclusione:

Possiamo godere di tutti i vantaggi dell'architettura a 64 bit senza rinunciare proprio a un bel niente.


powered by debian