Rassegna stampa 

 

Da “Il Tempo d’Abruzzo” – Lunedì 24 luglio 2006 – Sulmona 

Il maestro Salvatore Di Fonzo dirigerà la Traviata al d’Annunzio
SULMONA — Sarà un valente direttore d'orchestra sulmonese, il maestro Salvatore Di Fonzo, tra i protagonisti dell'appuntamento operistico con la "Traviata" di Giuseppe Verdi, in programma venerdi, alle 21.15 al Teatro "D'Annunzio" di Pescara. Proprio l'opera verdiana, diretta dal maestro sulmonese, inaugurerà la sezione Teatro musicale della 54^ stagione estiva promossa dall'Ente Manifestazioni Pescaresi. L'orchestra si compone di cinquanta membri, mentre il coro si compone di quaranta cantori. La bacchetta della direzione d'orchestra è un riconoscimento prestigioso e meritato per il talento che da sempre ha connotato l'esperienza del maestro Di Fonzo. G.F.

Da “Il Tempo d’Abruzzo” – Venerdì 28 luglio 2006 – Pescara 

Verdi all’ombra della stele
Le note della Traviata risuonano al teatro d’Annunzio per la stagione dell’Ente manifestazioni pescaresi
PESCARA — Uno dei capolavori della grande lirica al teatro monumento d’Annunzio questa sera alle ore 21.15, per la stagione dell’ente manifestazioni Pescaresi: andrà in scena la Traviata, melodramma in quattro atti di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave tratto dal romanzo «La dame aux camèlias» di Alexandre Dumas figlio. Maestro concertatore e direttore d’orchestra sarà Salvatore Di Fonzo.

Da “Rassegna Melodrammatica” del  30 settembre 1987 – Milano 

Tosca all’aperto, portata attraverso località turistiche d’Abruzzo e del Lazio quali Gissi, San Salvo, Castel di Sangro, Cassino, Casalvieri e Segni è stata diretta dal M° Salvatore Di Fonzo bravo nell’imprimerle un ritmo al passo con la vicenda.

Da “Corriere Adriatico” – Martedì 4 dicembre 1984 – Ancona 

Oggi al Metro in scena la “Butterfly”. Dopo il buon debutto di ieri con la “Bohème”, si conclude questa sera al Teatro Metropolitan di Ancona l’<Omaggio a Puccini>, con la messa in scena  di Madama Butterfly, in una edizione molto qualificata….Il maestro Salvatore Di Fonzo dirigerà l’Orchestra Filarmonica Romana…
 

Da “Corriere Adriatico” – Giovedì 6 dicembre 1984 – Ancona 

Omaggio a Puccini: per “Butterfly” ampi i consensi……l’Orchestra Filarmonica Romana sotto la direzione produttiva ed energica del maestro Salvatore Di Fonzo…
 

Da “Rassegna Melodrammatica” del 30 settembre 1983 – Milano 

La Traviata e Madama Butterfly portate in tournée estiva attraverso Gissi, San Salvo, Castel di Sangro, Tagliacozzo, Cerveteri, Manziana, piccoli centri con grossi interessi turistico-culturali, hanno segnato dei momenti ricreativi altrettanto stimolanti per il pubblico accorso in massa. A dirigerle, il M° Salvatore Di Fonzo, musicista preparato e cultore del melodramma che gli ha riservato parecchie soddisfazioni, qui rinnovatesi nel plauso dei presenti e in esecuzioni attente a non travisare i valori della tradizione. 

Da “Rassegna Melodrammatica” del 18 dicembre 1982 – Milano 

La consuetudine di una visita annuale a Monaco di Baviera della Concertistica italiana è stata rispettata anche nel 1982 che segna il venticinquesimo anniversario della manifestazione presso la sala dei congressi del Deutschen Museum, capace di ben tremila posti. Ha diretto l’orchestra il M° Salvatore Di Fonzo bravissimo nel ravvivare il discorso musicale e nel dare respiro al canto senza scapito della fusione e dei tempi. Il concerto ripetuto in altra sede ha favorito l’incontro del giovane direttore italiano col pubblico tedesco, unanime nel riconoscergli il merito di limpide esecuzioni.

Da “Rassegna Melodrammatica” del 31 ottobre 1981 – Milano 

Estate ricca di successi per il M° Salvatore Di Fonzo che ha diretto la Bohème ad Avezzano e ad Amatrice; Lucia di Lammermoor ad Avezzano, Amatrice, Termoli, Pescocostanzo, Scanno, Tagliacozzo, Atina; Il Trovatore a Tagliacozzo e Celano; Rigoletto a Celano. Oltre che per le attitudini di musicista e di direttore d’orchestra, il M° Di Fonzo va sempre facendosi apprezzare per competenza nel settore della vocalità lirica, avendo egli, a suo tempo, studiato da basso e conseguito il diploma nel ramo specifico della didattica canora.

Da “Il Tempo d’Abruzzo” – Venerdì 6 novembre 1981 - Lanciano  

“La Traviata e “L’elisir d’amore” – La stagione lirica della settimana scorsa ha richiamato a Lanciano la solita folla di appassionati provenienti anche da altri centri della zona…L’orchestra diretta dal giovane maestro Salvatore Di Fonzo, un abruzzese che si va facendo strada nel mondo del concertismo italiano e straniero, ha soddisfatto anche i palati più esigenti.
 

Da “Il Tempo d’Abruzzo” – Mercoledì 25 giugno 1980 – Vasto 

Entusiasmo per la lirica al GLOBO. Butterfly e Rigoletto: un vero successo a Vasto. La riuscita degli spettacoli si deve al maestro Salvatore Di Fonzo. L’eco del successo, come non si aveva da anni…Ma il merito maggiore di questo successo va attribuito alla bacchetta sicura ed abile del maestro prof. Salvatore Di Fonzo che ha diretto impeccabilmente il Rigoletto di Verdi, l’opera che più ha affascinato il pubblico vastese. Il maestro Di Fonzo è un conterraneo, di Sulmona, e questo valga ad accrescere ancor di più la sua fama che proprio a Vasto ha avuto un riconoscimento spontaneo e sincero, quale il pubblico di intenditori, locale ed ospite della ridente stazione balneare, sa tributare verso chi ha nel cuore la passione ed il perfetto stile, chiamandolo più volte a riscuotere gli applausi a scena aperta.
 

Da “Il Messaggero” – Cronaca d’Abruzzo – martedì 1 luglio 1980 – Avezzano 

L’esecuzione della prima in cartellone, il Trovatore, è stata seguita da un pubblico attento ed entusiasta che ha sottolineato con scroscianti e numerosi applausi la bravura degli esecutori e del Maestro concertatore e direttore d’orchestra Salvatore Di Fonzo, sulmonese, che è apparso in possesso di un’ottima sicurezza, fornendo una direzione nitida, incisiva, travolgente, in perfetto stile con la romantica opera verdiana. L’ottima orchestra filarmonica romana, l’ottimo coro della Istituzione corale romana ed i bravi interpreti vocali si sono mostrati docili alla sua bacchetta, contribuendo tutti al raggiungimento di un mirabile, perfetto affiatamento.
 

Da “Il Tempo d’Abruzzo” – Cronaca della Marsica – Domenica 31 agosto 1980 – Tagliacozzo 

Successo a Tagliacozzo per la lirica in piazza. Rappresentate la <<Tosca>>” e l’<<Elisir d’amore>>. Una superba interpretazione. Un vivissimo successo, soprattutto per la bravura degli interpreti, dei musicisti e del numerosissimo pubblico, ha arriso alle due serate di lirica tenute nella spettacolare Piazza dell’Obelisco di Tagliacozzo, dove, sotto l’egida del del Comune e dell’Azienda di Turismo, e con il finanziamento del Ministero del Turismo, il coro dell’istituzione corale romana e l’orchestra dell’AIDEM di Firenze, hanno rappresentato superbamente l’Elisir d’amore di Donizetti e la Tosca di Puccini. Gli applausi ai bravi artisti, ai musicisti ed in maniera particolare al maestro concertatore e direttore d’orchestra Salvatore Di Fonzo, sono stati scroscianti e convinti come non sempre accade.
 

Da “Rassegna Melodrammatica” del 15 giugno 1980 – Milano 

SABAUDIA E TERRACINA 25-5. Su iniziativa amministrazione provinciale di Latina, due serate liriche con Rigoletto raccolsero consensi e poggiarono su saldo timone direttoriale M° Salvatore Di Fonzo abile nel dare impronta spettacolo senza tradire equilibrio.
 

Da “Rassegna Melodrammatica” del 15 ottobre 1980 – Milano 

Ricca di spunti direttoriali la stagione estiva per il M° Salvatore Di Fonzo che ha con la bacchetta garantito buone esecuzioni di Rigoletto a Sabaudia, Terracina e Vasto; de Il Trovatore ad Avezzano e Terni; di Lucia di Lammermoor ad Atri, Avellino, Celano e Popoli; di Tosca e de l’Elisir d’Amore a Casalvieri, Pescocostanzo e Tagliacozzo…. Questo direttore sulmonese si adopera  con convinzione e validi risultati alla lettura e all’esecuzione del nostro repertorio più amato e popolare.

Da “Il Giornale di Calabria” – Martedì 11 settembre 1979 – Soverato (RC)  

Successo della Stagione lirica organizzata dall’amministrazione provinciale. A Nicastro, Squillace, Tropea e Petrizzi applauditissima La Traviata di Verdi….Un apprezzamento particolare va al giovane maestro direttore d’orchestra Salvatore Di Fonzo per essere riuscito ad ottenere da un cast eterogeneo, ed in così poco tempo, una intesa sorprendente.

Da “Il Tempo d’Abruzzo” – Giovedì 6 settembre 1979 – Sulmona 

Successo della stagione lirica a Pescocostanzo. Il calendario delle manifestazioni… si è chiuso in maniera brillante con una stagione lirica di alto livello…Rigoletto e Madama Butterfly hanno riscosso grandissimo successo. L’orchestra Filarmonica romana, formata per lo più da professori anziani, è ringiovanita sotto l’abile direzione del maestro Salvatore Di Fonzo, un musicista serio e ben preparato, di sensibilità artistica eccezionale. Egli è riuscito a creare degli effetti straordinari alla guida dell’orchestra che risultava tutt’uno con il palcoscenico. Le sue ottime qualità sono state messe in luce in un breve discorso pronunciato dal Vice Sindaco Prof. Rainaldi e dal Sindaco geom. Rozzi; quest’ultimo ha voluto consegnare al Maestro una targa d’argento a dimostrazione della stima e riconoscenza per la sua ottima direzione in tre stagioni liriche in Pescocostanzo.
 

Da “Il Tempo d’Abruzzo” – Venerdì 29 giugno 1979 – Avezzano 

Verdi e Puccini: un grande successo. Piazza Risorgimento gremita per l’estate avezzanese. Un pubblico molto competente. L’amore per la lirica: un retaggio della Marsica.
 

Da “Il Messaggero” – Cronaca d’Abruzzo – Sabato 30 giugno 1979 – Avezzano 

Con le opere Rigoletto e Madama Butterfly si è svolta la stagione lirica promossa dal Comune di Avezzano. Circa quattromila spettatori hanno assistito entusiastici alle due serate tenutesi in Piazza Risorgimento, intervenendo spesso con calorosi applausi per il complesso artistico tutto ed in particolare per il Maestro concertatore e direttore d’orchestra, Salvatore Di Fonzo di Sulmona, che ha saputo dare la giusta interpretazione psicologica al melodramma verdiano e alla tragedia lirica pucciniana. Di Fonzo ha diretto l’orchestra con eccezionale perizia e maestria, curando molto gli effetti e il colorito, assecondando gli artisti nei respiri di frase e nelle cadenze in modo da far risultare perfetta la fusione tra palcoscenico e orchestra. Il gran successo delle rappresentazioni è dovuto principalmente a lui.
 

Da “Il Tempo d’Abruzzo” – Domenica 30 dicembre 1979 – Sulmona 

Stagione lirica a Sulmona: bilancio di un anno positivo. Buona la qualità delle rappresentazioni – Aumentata l’affluenza del pubblico – il maestro Di Fonzo: un artista che ha fatto rifulgere lo spirito verdiano. Un elogio particolare merita il maestro concertatore e direttore d’orchestra Salvatore Di Fonzo, un artista che sa ben comunicare l’ardore da cui è preso alle masse; la sua direzione ha fatto rifulgere nei suoi vari aspetti lo spirito verdiano.
 

Da “Il Tempo d’Abruzzo” – Mercoledì 5 luglio 1978 – Sulmona 

“Trovatore” e “Lucia di Lammermoor” per la Stagione Lirica a Sulmona. Sul podio il noto maestro concertatore e direttore d’orchestra Salvatore Di Fonzo, che i sulmonesi apprezzano per la sicurezza con la quale dirige, per l’esperienza, per la forza trascinatrice che porta l’orchestra alle sonorità volute, ai chiaroscuri che costituiscono l’anima del melodramma. Sotto la sua bacchetta l’orchestra saprà rendere al massimo e contribuire alla felice riuscita della stagione lirica sulmonese.
 

Da “Il Tempo d’Abruzzo” – Giovedì 3 agosto 1978 – Sulmona 

Un buon successo ha arriso alla rituale stagione lirica che si è svolta al Comunale di Sulmona. Sono state rappresentate le opere “Il Trovatore” e “Lucia di Lammermoor” sotto la direzione del concittadino m.o Salvatore Di Fonzo che ancora una volta ha saputo evidenziare le sue non comuni capacità dirigendo l’orchestra di Firenze ed il coro “Puccini” di Sulmona.
 

Da “La Nazione” – Cronaca di Arezzo – Martedì 13 dicembre 1977 – Castiglion Fiorentino 

Applausi per Madama Butterfly presentata al teatro comunale. L’orchestra disciplinata e partecipe…si è mostrata docile alle indicazioni del direttore, il maestro Salvatore Di Fonzo il quale è apparso in possesso di un solido mestiere ed è stato l’altro artefice del successo della rappresentazione di domenica. I suoi tempi sono apparsi sempre corretti e l’equilibrio fra palcoscenico e orchestra addirittura miracoloso, se si considera l’estemporaneità della realizzazione.
 

Da “Il Tempo” Cronaca d’Abruzzo – Sabato 3 settembre 1977 Pescocostanzo 

Il Comune di Pescocostanzo ha organizzato, con il patrocinio del Ministero del Turismo e Spettacolo, la stagione lirica 1977, che è stata molto seguita ed apprezzata dalla popolazione locale, dai villeggianti e turisti, grazie ad un cast di interpreti di grande levatura…che hanno dato vita alle famose opere “La Traviata” e “Il Barbiere di Siviglia”. Ottima l’orchestra che è stata diretta dal giovane maestro Salvatore Di Fonzo con garbo, con musicalità, con senso artistico ed esperienza.

Da “Il Tempo d’Abruzzo” – Cronaca di Teramo – Martedì 29 novembre 1977 – Lanciano 

Domani per la stagione lirica “Madama Butterfly” al Fenaroli. Il maestro direttore e concertatore d’orchestra sarà il bravo Salvatore Di Fonzo, un abruzzese che abbiamo già apprezzato lo scorso anno al Fenaroli, direttore di “Rigoletto” e “Barbiere di Siviglia”.
 

Da “Il Tempo d’Abruzzo” – Venerdì 19 agosto 1977 – Sulmona 

A Pescocostanzo sarà di scena la lirica nei giorni 19 e 20 agosto a cura dell’Amministrazione comunale….Il giorno 19 sarà rappresentata “La Traviata”,… il giorno 20 sarà dato “Il Barbiere di Siviglia”. Dirigerà le due opere il maestro Salvatore Di Fonzo, un giovane che ha saputo in pochi anni conquistarsi un posto di rilievo nel campo della direzione d’orchestra.  Il Di Fonzo ha diretto recentemente a Sulmona, “LaTraviata”, “Lucia di Lammermoor” e “Il Barbiere di Siviglia” con lucidità mirabile, con esperienza e musicalità finissima, considerato il carattere diverso e contrastante delle tre opere.

Da “Il Tempo d’Abruzzo” – Martedì 3 agosto 1976 – Sulmona 

Le tre serate dedicate alla lirica. Bel canto all’aperto: gran successo a Sulmona. Elisir d’Amore, Rigoletto e Madama Butterfly tutte eseguite con maestria, tanto da riscuotere l’incondizionato favore e gli applausi del pubblico. Non possiamo iniziare il discorso su queste opere senza mettere in primo piano, nella interpretazione dello spartito e la conduzione dell’orchestra, il maestro concertatore e direttore d’orchestra Salvatore Di Fonzo, che ha dominato con limpidezza e gusto dell’essenziale tutto il dramma musicale che si sprigiona da Rigoletto e da Madama Butterfly (la prima opera è stata diretta dal M. Alberto Leone). Grazie alla sua personalità, orchestra e cantanti hanno eseguito perfettamente le opere, contribuendo tutti insieme al successo della stagione lirica.
 

Da “Il Tempo d’Abruzzo” – Domenica 11 gennaio 1976 – Sulmona 

La stagione lirica 1975 si è conclusa con un bilancio positivo e per quanto riguarda l’aspetto tecnico vero e proprio e per le numerose e qualificate presenze di pubblico fatte registrare. Quattro le opere date al Teatro Comunale: Il Trovatore, Uno sguardo dal ponte, Rigoletto, Barbiere di Siviglia….Il maestro Salvatore Di Fonzo, che ha diretto le due ultime opere, ha saputo dare il giusto supporto orchestrale agli artisti grazie ad una approfondita concertazione frutto di capacità tecniche e di penetrazione psicologica. Dopo il debutto dello scorso anno, abbiamo avuto il piacere di rivederlo sul podio in questa stagione lirica.

 

Home  | Curriculum | Rassegna stampa | Album_foto | Video | Download | Link