Biblioteca A. Corchia
Juan de la Cruz
Giovanni della Croce attendendo Teresa pensa alle volpi. Cervi e daini: il concupiscibile. Leoni: l'irascibile. Ineliminabili per gli umani. Mistica, ma d'occidente. Sempre in viaggio. La Spagna intanto scossa e l'Europa geme in guerre di religioni. Le sette stanze di Teresa sognate dai cavalieri sognano la luce. E il castello divenuto metafora. Un nuovo mondo. Un'aria nuova spira. Una donna la intende. Un uomo risponde al suo appello. ...
(roberto corchia, da 'Giordano Bruno e il nuovo mondo')
"In solitudine viveva,
e in solitudine ha posto ormai il suo nido;
e in solitudine la guida
da solo il suo amato,
anch'egli in solitudine di amore ferito".