L’APE DOMESTICA
di Roberto Grillini



 

Nutro stima e un po' d’affetto

per un genere d’insetto;

“Ape” è il nome che gli han dato

gli studiosi del Creato.

Dell’ambiente è grande amica,

simboleggia la fatica,

è severa, è generosa,

ecologica, ingegnosa.

Coi nemici è pungigliosa:

sa difendere orgogliosa

il prezioso suo alveare

da chi’l vuole depredare;

e da questa mossa ardita

ci rimette anche la vita.

Gira in lungo, in largo, in tondo

ed il fiore fa fecondo

e da quel prezioso evento

prende, in cambio, il nutrimento.

Nel suo tiepido alveare

si dà sempre un gran da fare:

nutre larve, fa il pulito

e sfaccenda in ogni sito;

fa la guardia alla sovrana

che, al contrario dell’umana,

non ha scettro né potere

ma fa solo il suo dovere

di tenere popolato

quel perfetto Stato alato.

La politica non fa,

comandar nessuna sa,

non esiston parassite

né cialtrone, né arricchite.

È preziosa, intelligente,

lei si fissa nella mente

luoghi, spazi e direzioni,

di saggezza dà lezioni.

Sa conoscere il colore

e l’olezzo d’ogni fiore,

sa ben fare l’architetto

senza metro né progetto

e misura le distanze

riferendo con le “danze”.

Qualche volta è un po' scontrosa

ma per l’uomo è assai preziosa.

A dir grazie lei m’induce

per il bene che produce

e additarla, come esempio,

all’umano inetto ed empio.



Roberto Grillini