20/21 agosto 2005 a Berbenno (SO) esposizione foto "antichi lavatoi di Valtellina"

LAVATOI

Lavatoi della Valtellina

RDG

Foto

LAVATOI FOTOGRAFATI
MILANO ARCUMEGGIA (VA)
ARQUA (PD)

in VALTELLINA
ALBAREDO ARDENNO              BEDOGLIO           BERBENNO    BUGLIO IN MONTE  BUSTEGGIA           CALDENNO            CASPANO             CASTELLO           CEDRASCO        CEVO                CHIESAVALMALENCO  FUSINE              GEROLA ALTA  MAROGGIA         MASINO             MONASTERO    MONNO             MORBEGNO  MOSSINO      PAM             PIATEDA         PIATEDA ALTA  POLAGGIA      PONTE in Valtellina  PRA MASLINO  PRATO ISIO      PREVISDOMINI  RASURA            REGOLEDO       SONDRIO           TALAMONA    TARTANO TRIANGIA   

Tutti i lavatoi di proprietà pubblica e costruiti da oltre cinquanta anni sono automaticamente vincolati ai sensi del D.Lgs.490/99 art.5

rdiguida@alice.it

PERCHE’ I LAVATOI?

Perché sono stati un luogo d'aggregazione per le donne. Lì si incontravano per lavoro, perché la maggior parte delle donne che si recava al lavatoio lo faceva per mestiere, per necessità, lavare i panni dei benestanti del paese. In quel luogo nelle giornate buone col sole, si cantava ci si raccontava, le giovani manifestavano la loro esuberanza le più anziane sciorinavano consigli, ma nelle giornate fredde quando le mani diventavano violacee e il vento tagliava la pelle del viso la voglia di parlare veniva meno e i rancori uscivano più violenti, allora al posto dei canti, le maledizioni, gli insulti e qualche volta gli accapigliamenti per futili motivi, per il posto migliore, o per ragioni di cuore. E’ in questo turbinio di ricordi, di romantico rivisitare quei luoghi, che ho sentito la necessità di fissare con le immagini, l’emozione di quando bambino, seguivo mia nonna nel lavatoio di Arcumeggia, dove ogni lunedì (suo giorno fisso), si recava a lavare i panni, in questo caso i nostri perché eravamo in villeggiatura e la casa dove alloggiavamo, non aveva la vasca per l’uso appropriato. Ogni volta che fotografavo sentivo oltre lo scorrere dell’acqua le voci di quelle donne curve sulla pietra a fregare e risciacquare, l’odore del sapone, l’acqua che da trasparente, limpida, diventava bianca come se una nuvola in quei giorni d’estate fosse caduta lì nella vasca. In questa estate torrida(2003), era l’unico luogo dove si respirava un po’ di frescura.

RDG

 


MILANO
Vicolo dei Lavandai



ARCUMEGGIA (VA)



ARQUA PETRARCA (PD)
il più vecchio 1690