Dipinti di Salvatore SOCCODATO
Breve biografia di Salvatore Soccodato scritta da sÚ medesimo. Inverno 1966, febbraio, nasco nel cuore della notte, osservo tutto con attenzione - mi raccontano poi - e con i miei vagiti metto sottosopra il nido. GiÓ manifesto insofferenza alle regole e carattere troppo curioso. A otto anni ricevo in regalo la mia prima scatola di mini colori ad olio. Nasce in me l'esigenza, prontamente soddisfatta da mio nonno materno, di avere un modello: ottengo il mio primo, minuscolo, manichino di legno e mio nonno riceve la riprovazione di tutti coloro che giÓ diffidano del mio tentativo (pericolosamente originale) di cercare un mondo in cui essere felice, e condannano chi incoraggia le mie inclinazioni. La mia vita ed i miei studi seguono un percorso molto regolare sino a fine liceo. Uniche parentesi: le continue, regolari ed ingiuste (comprendo col senno di poi) stroncature di uno zio che scovava, nelle mie opere da bambino, errori di anatomia e prospettiva. Tra i suoi sbiaditi fallimenti, ho poi scoperto, pavidi schizzi di paesaggi simil-ottocento. Altro fatto degno di nota: la prima scazzottata, l'occasione in cui mi sono affrancato dalla mia patologica timidezza. Quarta elementare, io nel solito angolo a piangere e subire. Ma una forza s'impossessa di me e butto gi¨ il pi¨ grosso (ma non il pi¨ cattivo) della classe. Lui piange in terra ed il cattivo si complimenta: sono accettato, cosý mi accetto. Ricordi dell'adolescenza: amori e liti in famiglia, viaggi in sacco a pelo e liti in famiglia. Il primo motorino (usato), poi la moto (usata), i libri (usati pure loro) ed il mio mondo di colori e tele che costruisco e distruggo (finivo tutte le mie tele a taglierina e calci). Gli anni del Liceo e tante assenze ingiustificate per disegnare nei musei. Poi il caos: Accademia di Belle Arti, poi UniversitÓ, poi la laurea...a pieni voti! Cambiamenti e caos. Unica costante: l'ostilitÓ per la mia pittura di coloro che mi vedevano medico o avvocato, o soprattutto prete (magari giÓ cardinale!). Poi la seconda moto (stavolta nuova). Da allora alcuni anni di vento sulla faccia, motore aspirato, a manetta per le strade del mondo. Oggi (con pennelli e colori) cerco ancora il mio luogo, la mia via... nel paesaggio del corpo umano.
prosplut 2005
l'artista Salvatore SOCCODATO
corpo donna 2006
 
prosplut 2005
 
l'artista Salvatore SOCCODATO
 
corpo donna 2006
 
Eco & Narciso 2005
DONNA 2005
Salmacide & Ermafrodito 2006
 
Eco & Narciso 2005
 
DONNA 2005
 
Salmacide & Ermafrodito 2006
 
    
HOME | I LINK | CONTATTAMI | Piero Masia_fondatore | Giovanni Lo Curto | Tore Zagami | Antonio Amati | Nadia Masia | Francesco Paula Palumbo | Primo Alberto Parise | Elio Pulli | Luciano Petrini | Osvaldo Contenti | Salvatore Miglietta | Salvatore Soccodato | Cutymar | Studio Fab | Renato Sciolan | Ignazio Fresu | Antonio LEONE | Matteo Ianzano | Raf Ianzano | Michele Imperiale | Consolata Radicati di Primeglio | Massimo Falsaci | Vittorio Cacace | Adriano Panarelli | Antonio Sanchez Baute | Margherita Biondo | Lei Liang | Xue Xin | E. Denis | Hu Zhiying | Dejan Zivanovic | Emiroarte_Sebastiano Caracozzo | Cristina Guggeri | Aldo Rovere | Diego ATZORI | Vitaliano Campione | Francesco Gurrieri | Giuseppe Sublime | Paolo Tagliaferro | Francesco Visentin | Nanda Rago | Sten | Reana Maggio | Agnes Preszler | Mario Selloni | Anna Rita Angiolelli | Hugo Ruggiero | Gioacchino Pitarresi | Luciana Rossetti | Danilo Nicolo | Gabriele Catozzi | Luigi Grassi | Ezio Fantin | Alfonso Palma | Damiano Messina | Mauro Alice_MALICE | Elsa Ventura Migliorini | Nedrina | Mara Lo Curto | Roberto Galloro | Kety Bastiani | Mari Mantovani | Bruno MURA | Marisa Falbo | SCARFI Paolo Lucio | Luciana CAPELLA GORGONE | Cinzia Maggiotto