Cambogia





La Cambogia è sicuramente un'esperienza unica. I suoi siti archeologici, splendidi e unici, i palazzi dorati di phnom Penh, lignaggio di un glorioso passato, si contrappongono al cruento regime di Pol Pot e al terrore seminato dai Khemer rossi. Il viaggio non può che iniziare dal complesso di Angkor, l'antica capitale Khemer. Il sito scoperto nel 1860, è oggi una delle più belle testimonianze esistenti al mondo. Le visite più interessanti, di questo immenso sito di circa 300 kmq, sono sicuramente Angkor Thom e Angkor Wat, due monumentali costruzioni del XII e XIII secolo, ricche di decorazioni e bassorilievi che documentano la vita di quel fiorente periodo. La ricchezza del passato stride con la miseria attuale e con le ferite che la guerra e il regime sanguinario hanno lasciato al paese.
Arrivato in Cambogia, la prima sensazione è stata quella di sentirmi catapultato nel passato, una sensazione che non può lasciarti indifferente e che pian piano ti attrae sempre più. I templi di Angkor, la pagoda d'argento e il palazzo reale a Phnom Penh, il lago Tonlé Sap e la sua gente e i tristi e orribili luoghi dove, migliaia di persone sono state torturate e uccise dal regime, sono il bello e il brutto, (per non usare altri termini), che questo viaggio lascia in maniera indelebile.       
Home