LE  CIALOME

Da secoli e secoli i tonnaroti eseguono gli stessi gesti, pronunciano le stesse preghiere e cantano le stesse "Cialome", (canti rituali). Il rito racchiude in sé qualcosa di sacro e segna la vita dell'isola, avendone determinato in passato anche la ricchezza.

I canti (cialome) che i tonnaroti eseguono prima, durante e dopo la pesca del tonno si tramandano dalla notte dei tempi e sono forse di origini arabe. Col passare del tempo hanno assunto un significato sempre più particolare: preghiera e rito propiziatorio si confondono fino a diventare un'unica cosa.
Quando dall’enorme barcone nero di levante i tonnaroti cominciano a tirare fuori dall’acqua le reti di fondo della camera della morte, tutti insieme – dopo che il cialomatore ha dato l’avvio - all’unisono, danno inizio alla prima cialoma cantata:

Il Coro ripete Aja móla, aja móla! ad ogni verso del cialomatore.

Cialomatore Aja mola e iemuninni

Jesu Cristu cu li Santi
E lu Santu Sarvaturi
Criasti luna e suli
Criasti tanta genti
Criasti i pisci ammari
Li tunni e li tunnari
U prumettiri e nun mancari
E stu Diu n'avi aiutari
E mannarini 'n salvamentu
Arbu ri mari e 'mpuppa u ventu
Nu gran portu suttaventu
E putirini ancurari.
Stu Diu n'avi aiutari
Ni scanzi d'ogni mali
A gran Santa parturienti
Virgini Santa parturiu
Fici un figghiu comu Diu
Pi nomu Jesú u chiamau
Tornami Jesu na bona fortuna
Una o l'àutra pocu rura
Una e l'autra pocu rurata.
Riggina 'ncurunata
Riggina di stu munnu

E il Santo Salvatore
Creasti la luna e il sole
Creasti tanta gente
Creasti i pesci nel mare
I tonni e le tonnare
L'hai promesso e non mancare!
Questo Dio deve aiutarci
E mandarci in salvamento
Calma di mare e vento in poppa
Trovare un porto sicuro sottovento
Per poterci fermare al riparo.
Questo Dio deve aiutarci
Ci eviti ogni male
La grande Santa partoriente
La Vergine Santa partorí
Nacque un figlio a somiglianza di Dio
Che di nome chiamò Gesú ;
Gesú portami buona fortuna
Una o l'altra dura poco
Una o l'altra è di poca durata.
Regina incoronata


 

Porta chiaru stu bon jornu
Stu jornu comu avemu
Comu avemu ricivutu
Comu Pasqua e Natali
sunnu festi principali
San Juseppi fustivu spusa
Fusti sposu di Maria
E Maria aiuta a nui
Chi semu figghi soi.
San Juseppi u vicchiareddu
Porta l'ascia e lu scarpeddu
'Nta na manu Jesu beddu
Purtava Jesu biatu
Di li verri bonu surdatu
Di li verri cumannaturi.
Omini beddi vaia c'amuri
Sunnu rosi cu li ciuri
Sunnu panni di culuri
Sunnu panni di suria
E st'annata sarva sia Forza moro (oppure: Allah,che muoia),
avviamoci

Gesú Cristo e tutti i SantiRegina di questo mondo
Fai che l'alba porti un bel giorno
Un giorno come abbiamo avuto
Come abbiamo ricevuto
Come Pasqua e Natale, che
sono feste importanti
A San Giuseppe siete stata sposa
Tu San Giuseppe sei stato sposo di Maria
E Maria aiuta noi
Perché siamo suoi figli.
San Giuseppe il vecchierello
Porta l'ascia e lo scalpello
E in una mano Gesú bello
Portava Gesú beato
Delle guerre buon soldato
Delle guerre condottiero.
Uomini belli, forza con amore!
Sono rose e fiori
Sono vestiti colorati
Sono vestiti pregiati
E quest'annata sia salva.

Nianzò
Quando il ritmo della "leva" e quindi il peso delle reti si fanno piú veloci e faticosi, il cialomatore dà inizio a questo canto.

Cialomatore Oh, cazzamu.
Coro Nianzò! (ripetuto ad ogni verso).
Cialomatore San Giuliano scunfunnici paani
Diu ni scanzi di cursari
di chiddi turchi cani
turchi e mori
saracini
livantini
chi nun cririnu alla firi cristiana.
Corpu santu Sarvaturi
a livanti nesci u suli
a punenti fa lu sbrannuri
la stidda di l'arburi
la stidda mattutina.
O mia bedda Catarina
di lu 'nfernu fusti riggina
di lu 'nfernu autri mari
Palermu e Munriali
Palermu la to cala
Varda recu e tramuntana
a Puglia terra chiana
'sta varca malfitana
come è bedda la so varca
arrispunni a cu ti chiama.
Arrispunni cu è chiamatu

Corpu Santu luriatu
e la ciurma nun si stanca
e assumma o coppu
sa tunnara fussi mia

San Giuliano liberaci dai pagani
Dio ci scansi dai corsari
da quei turchi cani
turchi e mori
saraceni
levantini
che non credono nella fede cristiana.
Corpo Santo Salvatore
quando a levante nasce il sole
si diffonde la luce a ponente
la stella dell'alba
la stella mattutina.
O mia bella Caterina
regina fosti dell'inferno
dell'inferno e di altri mari
Palermo e Monreale
Palermo la tua cala
guarda a greco e tramontana
la Puglia pianeggiante
Santa Vergine della scala
di Levanzo alla Dogana
la Formica vanitosa
sfidò Favignana
Favignana pianeggiante
Forza, tiriamo la Formica
da Trapani alla Colombaia
ancora un poco.



 



Santa Virgu di la Scala
di Levanzu a duana

a Furmicula baggiana
sfidau a Faugnana
Faugnana terra chiana
Nianzò a Furmicula
di Trapani a Culummara
n'autru pocu.
Nianzò la ciuri
omini beddi vai c'amuri
est stanca 'sta ciurma
tutta quanta.
O canta canta
San Petru varvabianca
porta i chiavi da spiranza
porta i chiavi ru pararisu
comu Diu ci l'ha prumiso
San Petru piscaturi
piscava ca so varca

gran mircanti mi faria
u patruni est gran signuri
lu rais cumannaturi
capi vardia gran sbirruni
vardiani gran 'nfamuna
muciara raisi mangia 'nghiumi
muciara suari arrobba lattumi
vintureri gran 'mbriacuni
rimorchieri scula bicchieri.
Forza, tiriamo al meglio
uomini belli, forza con amore
è stanca questa ciurma
tutta quanta.
Cantiamo, cantiamo
San Pietro barbabianca
porta le chiavi della speranza
porta le chiavi del paradiso
così come Dio ce l'ha promesso
San Pietro pescatore
pescava con la sua barca
questa barca amalfitana
com'è bella la sua barca
rispondi a chi ti invoca.
Risponde chi è chiamato
Corpo Santo lodato
e la ciurma non si stanca
e porta a galla il coppo
se la tonnara fosse mia
grande impresario diventerei
il proprietario è gran signore

il rais abile nel comando
i capi guardia gran delatori
i guardiani grandi tragediatori
il capo muciara mangia interiora di tonno
il muciaroto ruba lattume
venturieri grandi ubriaconi
rimorchieri scola bicchieri
Coro Assumma, assumma!... Tira, tira!...


 

Eee Lina, Lina!
È questo il canto che i tonnaroti fanno quando cominciano a tirare le reti in barca: in esso si evidenziano le doti fisiche, anche intime, di una bella fanciulla che viene promessa in sposa al Rais che costituisce per lei un buon partito. Il canto vuole essere di augurio per una pesca abbondante



Chi beddi capiddi teni a signorina
Chi bedda facci teni a signorina
Chi beddi occhi tenii a signorina
Chi beddi aricchi teni a signorina
Chi bedda vucca teni a signorina
Chi beddu coddu teni a signorina
Chi beddu pettu teni a signorina
Chi beddi minni teni a signorina
Chi bedda panza teni a signorina
Chi beddu biddicu teni a signorina
Chi beddu culu teni a signorina
Chi beddi cosci teni a signorina
Chi beddu sticchiu. teni a signorina
E l’emu a maritari a signorina
Viremu a cu ramu a signorina
E la ramu o Raisi a signorina
In coro
– E Raisi si la marita a signorina


 

che bei capelli ha la signorina
che bella faccia ha la signorina
che begli occhi ha la signorina
che begli orecchi ha la signorina
che bella bocca ha la signorina
che bel collo ha la signorina
che bel fisico ha la signorina
che bel seno ha la signorina
che bella pancia ha la signorina
che bell’ombelico ha la signorina
che bel sedere ha la signorina
che belle gambe ha la signorina
che bella…..ha la signorina
facciamola sposare
a chi la dobbiamo dare
la diamo al Rais

e il Rais sposa la signorina