Città dimenticate: Augusta di Sicilia

di Giuseppe Tringali
Clicca sul sito Aristotele
Eccoli gli avamposti della memoria,
dispersi in perimetri di esiliata felicità
dal gioco di infide correnti senza meta.

Stanno come lacrime di pietra
sui mari della noia,
abbandonate in muti miraggi d'orizzonte.

Sono il sogno blasfemo
di rinascere alle sconfitte,
le ultime eresie del pensiero.

"Isole" di Giuseppe Risica
Il motore di ricerca siciliano
Mulino di Salina Regina
Mulino di salina Regina
Porta di mare
Porta di Terra
Foto di famiglia
Foto di famiglia
Sia binirittu cu fici lu munnu,
e cu lu fici lu sappi ben fari.
Fici lu celu cu lu circu tunnu,
fici la luna a crisciri e mancari;
fici lu mari c'un si viri lu funnu,
fici la varca pi lu navigari,
fici la bedda di tuttu lu munnu,
cchiu' bedda di Maria 'n potti fari.
Hangar
Hangar
Sotto: Veduta aerea del castello svevo
Il Castello di Federico II di Svevia
Peschereccio Adalgisa
Peschereccio Adalgisa
Distinto personaggio
Forte Vittoria
Forte Vittoria
Pescatori ai ponti
Sotto: Porta Spagnola
Oh furestieri 'ca lu munnu giri
'ncerca di cosi rari e di biddizzi
Vieni 'n Sicilia 'ca li gran ricchizzi
Lu Signuruzzu li cria 'cca.
Cerca 'ca trovi 'sta terra d'amuri
'stu paradisu 'nterra di splennuri.
Unni tu viri zagara
Fimmini spetti e beddi
Ddocu c'è la Sicilia, si arrivatu già.

canto : " Sicilia 'ncantata
Attraverso il linguaggio delle immagini, si vuole presentare la ridente
e soleggiata isola di Augusta, ancorata alla piu' vasta isola di Sicilia.
L'isola nell'isola, in tutti i sensi: dal profumo delle zagare all'azzurro colore del cielo, alla melodia prodotta dalla schiuma del mare.

Il bianco nero anticato delle immagini, la favola antica di una città magnifica quanto mal posseduta, saccheggiata dall'industria della
morte e del tumore, in un mare balneato da una periodica morìa di colorati pesci.

Giuseppe Tringali
Intestazione