OP1, mini diffusore di qualità.

 

Per i dati tecnici e le misure visitate il sito del progettista a questo link: Peerless HDS 830860.

 

 

Thanks to Troels Gravesen.

 

 


Qui di seguito una descrizione illustrata delle varie fasi di realizzazione.

  HDS134_PPB_01

Mantenendo il volume interno netto uguale al progetto originario, circa 8,2 litri e accordo reflex a 58 Hertz, ho realizzato un diffusore dalle linee più arrotondate. Tale accorgimento oltre che estetico è anche funzionale perché mi permette, visto l’esiguo spazio a disposizione che ho, di poter aprire e chiudere la porta del soggiorno senza dover spostare il diffusore stesso. Inoltre, vista la posizione poco felice dei diffusori, all’interno della libreria (l’uno) e comunque a poca distanza dalla parete di fondo (l’altro), ho deciso di spostare il condotto reflex sulla faccia anteriore del diffusore, riducendo così gli effetti di colorizzazione in gamma bassa. Per la realizzazione del mobile ho utilizzato MDF da 19mm per le facce piane e 16 mm per le quelle curve laterali (ottenute stratificando 5 fogli da 3,2 mm di MDF).

 

Particolari della dima che ho realizzato per tagliare con la fresatrice le parti sagomate.

 

 

 

 

 

 

Parte dei pannelli tagliati e prima prova di assemblaggio.



 

Incollaggio.

 

 

Smussatura effettuata a mano sugli angoli delle facce posteriore e anteriore. Realizzata con una lunga lima fatta di un listello dritto sufficientemente largo con incollato un foglio di carta vetrata su un lato (una faticaccia).

 

 

Stratificazione facce laterali con 5 fogli da 3.2 mm di MDF per lato. Solo vinilica e morsetti.

 

Primo mobile pronto per la levigatura delle sporgenze superflue.

 

 

Piallaccio di faggio spessore 2 mm circa, incollato sulle facce laterali con Bostik.

 

 

Incollaggio piallaccio finito. Incollato sulle restanti facce con vinilica.

 

 

Resta solo da levigare per ben con carta fine. Ma adesso passiamo alla foratura.

 

  

Foratura

 

  

Prova assemblaggio

 

     

Crossover

 

  

Finitura realizzata con una mano di impregnante alle aniline, miscelate per ottenere un colore ciliegio chiaro, tre mani di fondo nitro intermezzate da carteggiatura fine (grana 400) e infine protezione con finitura trasparente alla nitro data a spruzzo.

 

To be continued...