NURYA
DANZATRICE,(DAL 1985) COREOGRAFA INSEGNANTE (DAL 1994 INSEGNANTE DI DANZA DEL VENTRE)
DIPLOMATA ANMB E ISDAS MAESTRA DI DANZA ORIENTALE

TECNICO FIDS/CONI (DAL 2004)MAESTRA DI DANZA ORIENTALE. brevetto internazionale di istruttore Fids-coni.

NURYA DA MOLTISSIMI ANNI LAVORA PER ASSOCIAZIONI BENEFICHE ,TRA CUI LA CROCE ROSSA ITALIANA PER L'ADMO E TANTE ALTRE ASSOCIAZIONI NO PROFIT PER LA CURA DELLE DONNE E PER PROBLEMATICHE FEMMINILI (GRAVIDANZA, POST PARTO, MENOPAUSA, ANORESSIA E MOLTO ALTRO)CON CORSI, SPETTACOLI, CALENDARI E INIZIATIVE IL CUI RICAVATO VIENE DEVOLUTO TOTALMENTE PER BENEFICENZA.
The Book of Nurya (flavia De Marco) of belly dance:
“THE OLDEST OF DANCES AND ITS CURATIVE POWER – BELLY DANCING”
LAMPI DI STAMPA PRESS
BY NURYA FLAVIA DE MARCO

The authoress presents belly dancing in a different and innovative way and how this art, exactly for its oldest origin, contains in itself archaic, magical and curative powers.
Benefits induced by this subject practice are explained by means of a comparison between exercises of belly dancing and exercises recommended by professional doctors for perineum rehabilitation, vulvitises treatment, frigidity, depression and others pathologies.

To support this theory the authoress, moreover, collects thirteen unaffected tales and the results of a questionnaire handed out and completed by 200 dancers, to the valuation of psycho-physical and sexual benefits reached thanks to belly dancing. Moreover, she tells a dancing lesson, stiles, accessories and how much they can unchain fantasy and help to recover femininity.

Belly dancing is told by an unusual point of view. It isn’t an exercises book, but our exercises are confronted with those suggested by well-known gynaecologists and doctors for pelvic floor and perineum rehabilitation to treat psycho-physical blocks, frigidity etc.

The authoress, Flavia De Marco, teaches belly dancing for years. Knowledge and experience, that she could concentrate on her publishing work, origin in her professional route including studies about lyrical songs, mime, drama, folk dancing, mid-eastern dancing, study, practise and teaching of belly dancing, “live” and television performances on RAI and Mediaset

The book is full of historical and mythological quotations that refer to the origins of this kind of dance but, above all, it shows the curative power of its exercises.
While from hands to hips until ankles the whole body co-ordinates itself in the most delicate and sinuous movements to the rhythm of music, muscles gain benefit from these gestures: pelvic floor and muscles, perineum, urethra… are beneficently stirred supporting functions bound in general traits to health and, in particular ones, to fertility and sexuality.
In the specimen face problems such as lack of orgasm, enuresis, menopause disorders, etc. one another.
But belly dancing efficacy for health extends its range to others spheres as the psychological one, for example, in cases of lack of self-esteem, depression and drug addictions even.

Special importance is given to Wilhelm Reich for his contribution about the “armour theory” that, if assures from one hand a sort of psycho-emotional capacity, to other hand slackens the free flowing of vital energy. With short and involving tales, Flavia De Marco investigates the technical aspects and the employment of accessories in her dance, transposing them in their symbolic and cultural origins: use of veil, bound to Salomè tale; the tray-candelabrum on dancer’s head, proof of her grace and balance capability, that refers to ancient marries and stands for “the Knowledge” and “the Enlightenment”; jars full of water, symbol of fertility bound to Api, god of the flooding of Nile; and so on. Pictures and portraits, personal histories of women become dancers with Nurya, hints to principal dancing-stiles and to some “steps”, harmonize the tale.

The treatment of benefits about health is testified by medical and scientific sources quoted in text, by the direct co-operation with doctors and psychologists and by a questionnaire submitted to 200 dancers whose answers draw together on psycho-physical advantages about which it speaks. In the book, the authoress will share with the other women her discoveries about health and recovery of a deep and natural femininity that too often, in our world, leaves place to duty of “looking” without “being”.

Flavia De Marco teaches belly dancing for years. Knowledge and experience, that she could concentrate on her publishing work, origin in her professional route including studies about lyrical songs, mime , drama, folk dancing, mid-eastern dancing, study, practise and teaching of belly dancing, “live” and television performances on RAI and Mediaset.
Cell. 338.6243074
Site: www.nurya-danzadelventre.it

Mail nurya8@gmail.com


TITOLO
presentazione del libro di nurya a l Turquaz ristorante a milano dicembre 2007
presentazione del libro di nurya a torino fiera del libro


TITOLO
Presentazione del libro di Nurya a torino
"fiera del libro di torino"
 
TITOLO
DAL LIBRO SCRITTO DA NURYA "LA PIU' ANTICA DELLE DANZE E IL SUO POTERE CURATIVO" EDIZIONI LAMPI DI STAMPA:

Gli esercizi e i movimenti che eseguiamo di DANZA DEL VENTRE AIUTANO la donna A RIPRENDERE PADRONANZA DEL PAVIMENTO PELVICO, DEL PERINEO, DELLA VAGINA ….E A TROVARE IL” PUNTO G.”.

Nei tempi primordiali i genitali femminili erano considerati magici e misteriosi ,pieni di energie e potenze benefiche e paragonati in certi casi a dei fiori, a dei frutti od anche a dei fenomeni naturali………
Tale identificazione tra donna,natura e divinita’ faceva si che in tempi arcaici l’intimo femminile fosse inteso come un tempio che trascendeva l’identita’ personale della donna…….
………anche in un’altra zona mediterranea ,quella babilonese ,riscontriamo la medesima sacralita’ dell’intimita’ femminile,tanto che la massima divinita’ femminile ,la dea ISHTAR ,riceveva spesso in dono l’offerta di un simbolo che era la massima rappresentazione ,ovvero una vulva scolpita in una pietra di Lapislazzuli.(tratto da “delle antiche danze femminili” di Irina Naceo)-


PERCIO’ PARLARE DI QUESTO ARGOMENTO NON DOVREBBE ESSERE COSI’ DIFFICILE, INVECE NON SE NE PARLA.
ESEMPIO: QUANTE DI NOI SONO AL CORRENTE DEI PROBLEMI GENITALI DELLA PROPRIA SORELLA O MIGLIORE AMICA? QUANTE DI NOI HANNO PARLATO LIBERAMENTE DELLA PROPRIA ESPERIENZA ORGASMICA O SEMPLICEMENTE DEL PUNTO G?


ORA VEDIAMO perché DOVREBBE VALERE LA PENA DI PARLARE DI QUESTA PARTE COSI NASCOSTA DI NOI STESSE..
ALLEGO CIO’ CHE MOLTI STUDIOSI HANNO SCOPERTO CIRCA LE FUNZIONI DEL PAVIMENTO PERLVICO, DELLA VAGINA, DEL PERINEO E COME NON UTILIZZARE QUESTE FASCE MUSCOLARI POSSA PORTARE A VARI PROBLEMI E MALATTIE SIA FISICHE CHE PSICHICHE ….PIU’ E MENO GRAVI CHE VANNO DA:

PROBLEMI DI INCONTINENZA URINARIA E PROLASSO
PROBLEMI NELLA FASE ESPULSIVA DEL PARTO
PROBLEMI DI FRIGIDITA’ TOTALE O PARZIALE
DOLORI VARI LEGATI A VULVITI E VAGINITI
ARMATURE PSICOFISICHE ( “LA CORAZZA”…REICH)
PROBLEMI FISICI/PSICHICI DURANTE IL RAPPORTO SESSUALE
CANCRO (ORIGINE BIOENERGETICA)
NON CONOSCENZA DEL PROPRIO CORPO E DEL PROPRIO PUNTO G











PAVIMENTO PELVICO E PERINEO


Cos’è il perineo
Dizionario: Regione muscolare della parte inferiore del bacino.


E’ una parte centrale del corpo femminile, situato nella parte più profonda del bacino. E’ il muscolo che circonda l’uretra, la vagina e l’ano.
Questo muscolo è formato da vari strati muscolari composti sia da fibre lisce che da fibre striate quindi ad azione sia involontaria che volontaria.(noi occidentali quasi non ne conosciamo l’uso volontario!!) Viene chiamato anche pavimento pelvico o diaframma pelvico. Si puo’ immaginare la sua forma simile un imbuto o un ombrello e ne puoi vedere e sentire la parte più profonda tracciando con le dita un 8 sulla pelle attorno ad ano e vagina (i movimenti di danza del ventre tracciano otto ovunque…:sara’ un caso?):
1. Il perineo sostiene tutti gli organi interni del ventre e durante i 9 mesi di gestazione contiene la gravidanza, tiene chiuso il corpo….e al momento del parto si “distende” per permettere la fuoriuscita del bambino. .
Possiede quindi una doppia funzione: contenere e portare all’esterno, lasciare uscire.
La sua funzione principale è quella di proteggere, quindi è estremamente sensibile ai segnali di aggressione e di pericolo, alla minima percezione si pone in stato di allarme, di difesa e si contrae.
TITOLO
TITOLO
DAL LIBRO DI nURYA
LA PIU' ANTICA DELLE DANZE E IL SUO POTERE CURATIVO:

LA DANZA DEL VENTRE AIUTA LA DONNA A CONOSCERE INTIMAMENTE SE STESSA , IL PROPRIO CORPO, AIUTA
A MIGLIORARE LA PERCEZIONE DEI PROPRI ORGANI INTERNI ..PERCIO’ MIGLIORA LA SESSUALITA’………NON SOLO dal punto di vista PSICOLOGICO
Gli esercizi e i movimenti che eseguiamo di DANZA DEL VENTRE AIUTANO la donna A RIPRENDERE PADRONANZA DEL PAVIMENTO PELVICO, DEL PERINEO, DELLA VAGINA ….E A TROVARE IL” PUNTO G.”.

Nei tempi primordiali i genitali femminili erano considerati magici e misteriosi ,pieni di energie e potenze benefiche e paragonati in certi casi a dei fiori, a dei frutti od anche a dei fenomeni naturali………
Tale identificazione tra donna,natura e divinita’ faceva si che in tempi arcaici l’intimo femminile fosse inteso come un tempio che trascendeva l’identita’ personale della donna…….
………anche in un’altra zona mediterranea ,quella babilonese ,riscontriamo la medesima sacralita’ dell’intimita’ femminile,tanto che la massima divinita’ femminile ,la dea ISHTAR ,riceveva spesso in dono l’offerta di un simbolo che era la massima rappresentazione ,ovvero una vulva scolpita in una pietra di Lapislazzuli.(tratto da “delle antiche danze femminili” di Irina Naceo)-


PERCIO’ PARLARE DI QUESTO ARGOMENTO NON DOVREBBE ESSERE COSI’ DIFFICILE, INVECE NON SE NE PARLA.
 
 
ALTRO PASSO TRATTODAL LIBRO
LA PIU' ANTICA DELLE DANZE E IL SUO POTERE CURATIVO(DI NURYA PROSSIMA PUBBLICAZIONE):


DANZA E PSICHE

Utilita’ nell’ambito lavorativo


La nostra danza aumenta l’autostima, la considerazione di se, la sicurezza l’accettazione della propria persona e puo’ esserci molto utile anche nei contatti di lavoro…. esprime quella gioia speciale che viene dal cuore e fa sentire giovani a qualsiasi età…. FAVORENDO COSI’ L’INIZIATIVA PERSONALE, LA CREATIVITA’ ECC
Realizzare una danza semplice esige il cambiamento degli schemi motori, i vari impulsi di adattamento ad ogni movimento della danza comportano una complessità molto superiore di quella messa in gioco da semplici esercizi eseguiti meccanicamente. Il contatto affettivo all'interno del gruppo ristabilisce la comunicazione e fortifica la coscienza della propria identità, minacciata gravemente dalla malattia, mentre la fiducia in sé stessi e l'autostima .
Le danze ritmiche innalzano il tono dell'umore, che superando transitoriamente lo stato depressivo, dopo un certo tempo, si stabilizza a livelli più elevati.
Questi concetti sono sempre stati associati ALla BIODANZA ma io sostengo siano molto piu’ associabili con la nostra danza…CHE TRA PARENTESI è NATA MOLTO PRIMA (DI ALMENO 2000 ANNI!!)inoltre la nostra danza ho in piu’ la preparazione del costume “da danzatrice”, il travestimento come gioco, l’esibizione pubblica in gruppo……TUTTE COSE CHE RAFFORZANO ANXORA DI PIU’ L’AUTOSTIMA, L’AUTOMOTIVAZIONE, LA SICUREZZA ECC.
Inoltre la musica orientale accompagnando le lezioni di danza del ventre, amplifica e rafforza le potenzialità terapeutiche di quest'ultima.
Infatti anche la musica orientale ha un effetto benefico e curativo.
Essa infatti possiede alcune peculiarità, da lungo tempo studiate nell'ambito della musicoterapia, che hanno specifiche influenze fisiche e psichiche globalmente definite "effetto di rilassamento".
Il "la musica orientale"ha ritmi distensivi, tranquillizzanti, sensuali, lenti ma, allo stesso tempo rallegranti che attivano facilmente una risonanza sui nostri ritmi fisiologici e tendono ad entrare in sintonia con essi.
Le esperienze vissute in questi anni con le mie allieve me lo hanno confermato…:
Dopo un corso “ben riuscito” di danza del ventre , le allieve mi comunicano di sentirsi piu’ sicure nel rapporto con gli altri,….proprio perché si vedono piu’ belle, piu’ sciolte, piu’ armoniose,piu’ femminili, piu’ sicure, piu’ consapevoli di se stesse.
I difetti fisici, che ognuna di noi ha (anche la piu’ bella) vengono rielaborati e accettati o migliorati…comunque cambia in positivo la percezione che abbiamo di noi stesse.
Il gruppo poi fa il resto: ci si sostiene , ci si incita, ci si aiuta……(e lo sappiamo che nella nostra attuale societa’ non è cosi’ comune avere questo sostegno…..); inoltre col gioco del travestimento e con l’esibizione delle coreografie durante il saggio di fine anno…le “ragazze” (dai 18 ai 78 anni) provano un esperienza nuova e grossa e positiva: L’ESIBIZIONE PUBBLICA IN GRUPPO AIUTA LA DONNA A CAPIRE CHE PUO’ OSARE. …e ci insegna l’autoironia.
MOLTE ALLIEVE PARLANDOMI DELL’ESPERIENZA DEL SAGGIO MI HANNO CONFIDATO CHE anche LA LORO VITA LAVORATIVA è CAMBIATA …:HANNO INIZIATO A PENSARE CHE SE A 40/50/60 O “PASSA” ANNI, AVEVANO AVUTO IL CORAGGIO DI BALLARE IN TEATRO DANZA DEL VENTRE ed erano state apprezzate,FORSE DOVEVANO AVERE PIU’ FIDUCIA IN SE STESSE, E NEI CONTATTI CON GLI ALTRI……….
A LAVORO,percio’, ERANO DIVENTATE MOLTO PIU’ DINAMICHE, SICURE, VOLITIVE ,COMUNICATIVE,AUTOIRONICHE.
 
TITOLO
PERCHè CI SI ACCOSTA A QUESTA DANZA?

DAL LIBRO "LA PIU' ANTICA DELLE DANZE E IL SUO POTERE CURATIVO"DI NURYA :
Molte donne iniziano questa danza per noia o per curiosita’ o per fare ginnastica senza annoiarsi (verissimo :questa danza fa bene come una ginnastica e non annoia per niente!)…..E POI SI TRASFORMANO!!!
Ma non basta…: ho visto arrivare moltissime donne “in bianco e nero” spente, vuote deluse…e uscirne a colori…piene di nuova energia, ringiovanite, di nuovo con la voglia di giocare, travestirsi; …con nuove amiche.
C’è stato addirittura un anno che volevo fotografare le allieve il primo giorno e poi alla fine dell’anno…perché proprio la faccia cambiava…; la mimica l’espressione , i tratti del viso…!!!comunque questo spero di potervelo raccontare con storie vere.
La validità terapeutica della danza dipende soprattutto dal fatto che i linguaggi non verbali possiedono una maggiore universalità ed efficacia…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….
7777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777777
Allego 2 parole tratte da uno scritto della mia Maestra e amica Jamila Zaky su questo argomento
…………..Infatti il bacino è considerato in bio-energetica come uno dei maggiori ricettacoli di tensioni tanto da un punto di vista fisico quanto da quello psicologico; normalmente esso tende ad essere talmente imprigionato da queste tensioni da sottrarre al soggetto gran parte della sua vitalità; la persona non è più quello che Lowen definirebbe “viva in materia vibrante”; esso consente la scarica dell’eccitazione sessuale e dello stress, con seri contraccolpi sull’intero organismo nel caso in cui queste funzioni non vengano svolte correttamente. Il grounding, un’altro dei concetti fondamentali sui quali si appoggia questa disciplina,è più in generale condiviso come la base per la maggior parte delle tecniche di movimento di derivazione orientale, danza orientale compresa;esso si basa sulla sensazione del contatto tra i piedi e il terreno,connettendo in un senso più ampio e simbolico l’individuo con le basi della propria esistenza; il grounding implica che una persona abbassi il proprio centro di gravità, collocando nel basso ventre l’origine del movimento primario;esso va mantenuto attraverso ginocchia flesse e ventre rilassato;le ginocchia flesse ammortizzano il corpo e permettono all’energia di scorrere,diversamente essa può rimanere intrappolata nel fondo della schiena producendo stress nella zona lombo-sacrale.Un molleggiamento ritmico delle ginocchia, che appartiene un po’ a tutta la tradizione dell’Africa, è quello che può portare a questa condizione di rilassamento non solo fisico,ma anche mentale ed emotivo;esso appartiene a tutte le danze rituali,di trance praticate in caso di disturbi nervosi,depressioni e contro gli spiriti maligni. Inoltre la pratica della danza vissuta collettivamente sta assumendo nella nostra società un ruolo sempre più importante,che va a colmare dei “vuoti” lasciati dalla perdita di molti momenti fondamentali che in passato facevano parte della vita sociale dell’individuo;oggi come ieri essa rappresenta un ponte tra le generazioni che,al contrario di quanto normalmente succede nel quotidiano, si ritrovano insieme a danzare riscoprendo lo stesso piacere; danzare ma anche ,ridere,chiacchierare e,perché no?riscoprire il trucco del travestimento trovando combinazioni nuove di costumi,cinture, gioielli ed acconciature,attingendo all’abbondanza e ricchezza dei modelli ed ornamenti che fanno parte di un immaginario comune a tutte le donne,assai spesso sacrificato dalle esigenze della vita di tutti i giorni, dove spesso l’essenzialità nel look è ritenuta indispensabile;è un aiuto ad uscire da schemi e mode ricercando un proprio personale stile e modo di essere………………di Jamila Zaky.
 
Inserire testo