Nicola Bruni - Continuazione delle pagine "Mi presento e vi racconto..."
Immagini, personaggi, notizie, battute e commenti dal piccolo mondo di Nicolaus
La Luna rossa sul XIII Raduno nazionale della Compagnia dei Birbaccioni a Santa Maria di Leuca
.












.
I 12 Birbaccioni doc (ex allievi ufficiali del 1968) con l'ex generale Palazzo, davanti alla torta del Raduno di Leuca: da sinistra, Orazio Azzarito, Pietro Pedone, Enzo Cuttini,
Nicola Bruni, Peppino Fortunato, Walter Gelosini, Leonello Soavi, Lucio Lombardo, Gianni Brusasca, Mino Palazzo, Bruno Amati, Antonio Schioppa, Franco Morichi.
Nel fondo pagina, la Luna rossa comparsa la sera del 14 giugno 2014 sul mare di Leuca.
Foto di Nicola Bruni
Ricordo di Bartolo Ciccardini
Bartolo Ciccardini il 3 febbraio 2014, foto di Nicola Bruni
Bartolo Ciccardini ha lasciato questo
mondo per un mancamento improvviso
nella notte tra l’11 e il 12 giugno 2014,
al termine di una cena con amici.
Il Signore lo ha chiamato all’età di 85
anni, trovandolo da buon cristiano
“con le valigie pronte”.
Appena una settimana prima aveva
pubblicato il suo ultimo articolo
nella rivista online “Camaldoli”,
da lui diretta e alla quale anche io
mi onoravo di collaborare.
E negli ultimi giorni aveva abbozzato
un editoriale, ricco di citazioni bibliche,
sulla "Resurrezione, che è stato pubblicato
postumo (www.camaldoli.org) e che così
si conclude: "Il Cristo storico è una luce
insostenibile che travolge con il suo amore...
Ditelo a tutti, portatelo a tutti gli uomini:
è l’amore che fa risorgere".

Democristiano idealista fin dall’età
giovanile, persona di temprata
integrità morale, intellettuale raffinato
e di grande cultura, giornalista
e scrittore, appassionato di studi
storici, deputato dc dal 1968 al 1992,
eletto e rieletto nel Lazio con decine
di migliaia di preferenze, sottosegretario
di Stato in sei governi negli anni ’70 e ’80,
è stato a lungo un punto di riferimento
e una guida per un gran numero
di giovani ed ex giovani animati
dai genuini ideali
della Democrazia Cristiana.

Avevo collaborato con lui per molti anni
da giornalista, quando era direttore
del settimanale “La Discussione”
e quando era dirigente del settore
stampa e propaganda della DC.
In tempi recenti ci eravamo ritrovati,
e con mia sorpresa mi aveva proposto
di far parte del comitato di redazione
del suo settimanale “Camaldoli”.

Di quest’ultimo periodo, mi è rimasta
particolarmente impressa una sua
mirabile conferenza su Santa Caterina
da Siena patrona d’Italia, tenuta due
anni fa a Roma presso il Centro
Internazionale di Studi Cateriniani.

Mi piace immaginare che nel bagaglio
spirituale con cui Bartolo ha affrontato
il suo viaggio verso la vita eterna
ci sia, tra i valori più preziosi, il servizio
da lui prestato alla politica come
“la più alta forma di carità” verso
il prossimo (definizione di Paolo VI).

Un pensiero affettuoso
alla moglie Rosaria.

Nicola Bruni
12 giugno 2014
In alto, Bartolo Ciccardini il 3 febbraio 2014
durante un convegno dell'Associazione
Nazionale Partigiani Cristiani a Roma
nella sede dell'Istituto Sturzo.
Foto di Nicola Bruni
L'Hotel Terminal di Santa Maria di Leuca, foto di Nicola Bruni
Una fantastica Luna rossa (foto nel fondo
pagina) è scesa sulla serata inaugurale
del XIII Raduno nazionale della Compagnia
dei Birbaccioni. All’incontro vacanziero,
che si è tenuto nel magnifico Hotel Terminal
di Santa Maria di Leuca (di fronte al mare)
dal 14 al 18 giugno 2014, ho partecipato
anche io con mia moglie Elina
e una quarantina di amici e amiche,
provenienti da diverse regioni d’Italia.

Il Raduno, allietato da bagni in mare
e in piscina, piacevoli conversazioni
e un’ottima gastronomia, è stato
movimentato da una gita turistica
a Otranto e, nella serata del 17 giugno,
da una raffinata e scoppiettante cena
di gala, seguita da musica e danze.

L’allegra Compagnia dei Birbaccioni
è stata costituita nel 2002
da una sessantina di ex ufficiali
di complemento carristi che per sei
mesi nel 1968 avevano condiviso
l’esperienza del 52° corso Auc
nella caserma Ferrari Orsi di Caserta.

L’associazione, che ha finalità
esclusivamente amicali, è stata estesa
alle mogli “Birbaccione” e aperta
alla partecipazione di figli “Birbaccini”,
nipoti “Birbaccettini” e amici “Birbacciofili”.

La Compagnia ha un suo blog riservato
(del quale io sono caporedattore)
e ogni anno organizza un raduno
nazionale in una località turistica
o balneare e alcuni miniraduni
gastronomici locali, ai quali partecipa
di volta in volta chi può.

Questa volta la partecipazione
è stata meno numerosa del solito,
per la coincidenza di impegni personali
e familiari di molti Birbaccioni.

Nicola Bruni
La torta del XIII Raduno della Compagnia dei Birbaccioni a Leuca, foto di Nicola Bruni
La grande Torta Birbacciona della cena di gala
del Raduno di Santa Maria di Leuca, inaugurata
con l'accensione di due fiaccole scoppiettanti.
Dietro la torta, i Birbaccioni Nicola Bruni,
Walter Gelosini e Orazio Azzarito.

In alto, l'Hotel Terminal, sede del Raduno.
Foto di Nicola Bruni
Compagnia dei Birbaccioni - link con la pagina sulla Naia
Elina e Nicola, 40 anni di matrimonio
Nicola ed Elina Bruni con il nipotino Gabriel
Il 3 luglio 2014 abbiamo compiuto, per grazia
di Dio, 40 anni del nostro felice matrimonio,
dal quale sono nati due bravissimi
figli, Paolo e Fabio, e attraverso di loro,
nel 2013, due bellissimi nipoti, Leo e Gabriel.
Abbiamo celebrato l'anniversario a Santa
Maria di Leuca, dove trascorrevamo un periodo
di vacanza, con una Messa di ringraziamento
nella chiesa di Cristo Re, durante la quale
il parroco don Giuseppe Indino ci ha
impartito una particolare benedizione.
Elina e Nicola Bruni
In alto, Nicola ed Elina Bruni con il nipotino
Gabriel il 3 luglio 2014 a Santa Maria di Leuca.
Foto di Paolo Bruni
Link con la pagina su IL BELLO DELLA FAMIGLIA
I cento anni di don Salvatore
storico "arciprete" di Dasà
Don Salvatore Santaguida e il vescovo Luigi Renzo a Dasà il 18.6.2014
Una grande festa popolare, con fuochi
d'artificio e cena comunitaria in piazza,
è stata organizzata il 18 giugno 2014
a Dasà, il paese di origine di mio padre
nelle Serre calabre (Vibo Valentia),
per i 100 anni di don Salvatore Santaguida,
storico "arciprete" del luogo.
La festa è stata aperta da una Santa
Messa all'aperto, presieduta dal vescovo
di Mileto Luigi Renzo e concelebrata
da don Salvatore e da numerosi
parroci del Vibonese.
Don Salvatore è la personalità più
eminente, amata e rispettata del paese,
che attualmente conta circa 1200 abitanti.
Sacerdote da 73 anni (cioè dal 1941),
dei quali 68 trascorsi in servizio pastorale
a Dasà (53 come parroco, dal 1946,
e 15 come coadiutore del parroco,
dal 1999), questo "uomo di Dio" ancora
cammina senza bastone, legge senza
occhiali, parla con voce ferma, e celebra
la Santa Messa con sapienti omelie.
Io lo conosco fin da quando ero bambino
e gli voglio molto bene.
Nicola Bruni
Nella foto (di Nicola Pace) Don Salvatore Santaguida
accanto al vescovo Luigi Renzo, durante la Messa
di ringraziamento per i suoi 100 anni.
Link con la pagina su Dasà
*
VISITATORI: