IL GIOCO DEI NOVE


Raimondo Vianello

Introduzione

"Il gioco dei nove" è andato in onda per 3 edizioni su Canale5 e Italia1 dal 1988 al 1991. Due i conduttori: Raimondo Vianello e Gerry Scotti. Verrà riproposto dopo qualche anno su Italia1 da Zuzzurro e Gaspare col pessimo "Dido menica".

Il programma inizia ad andare in onda il 10 ottobre 1988 su Canale5 alle 18.55 A condurre c'è il mitico Raimondo Vianello, per la prima volta non in coppia con la moglie Sandra Mondaini: in realtà Sandra sarà molto spesso ospite del programma, fino a diventare ospite fissa. Il quiz di per sé è semplice, ma la simpatia di Vianello conquista tutti.

 

Il gioco

La formula del quiz ricalca quella di un quiz televisivo molto popolare negli Stati Uniti che si chiama "Holliwood Squares", trasmesso per la prima volta nell'ottobre del 1966 dalla rete televisiva Cbs, e di cui sono continuano ad andare in onda alcune "edizioni speciali" anche oggi. Insomma, un format americano opportunamente modificato per il pubblico italiano.

Il gioco è molto semplice: due concorrenti devono fare "tris" su un tabellone 3*3: in ognuna delle 9 caselle c'è un vip che formula una domanda "strampalata". Il concorrente deve indovinare se ciò che dice il vip è vero o falso. Scopo del gioco, per l'appunto, fare il maggior numero possibile di tris. Oltre a vincere gettoni d'oro, il campione può vincere una automobile Opel dovendo scegliere una chiave tra 5: se la chiave è quella della macchina, vince l'automobile, altrimenti, la sera successiva, avrà una chiave in meno tra cui scegliere.

   La storia

 

  • Il 19 settembre 1989 inizia l'edizione 1989/90: il programma ottiene un ascolto medio di 2.486.000 telespettatori con uno share del 14.67%. L'ascolto massimo si è registrato il 13 settembre '89 con 3.300.000 e uno share del 17.38%. Il 29 gennaio 1990 si è registrato un picco di 4.377.000. A giugno il programma si conclude con il passaggio di consegne: dalla stagione successiva il quiz sarà condotto da Gerry Scotti, che passa da Italia1 a Canale5, e quindi dal pubblico dei giovani ("Smile", "Candid camera show", "Festivalbar") al pubblico delle famiglie di Canale5. Tra gli ospiti più frequenti di questa edizione, Silva Koscina, che recita la parte dell'innamorata di Raimondo Vianello.

    Gerry Scotti

  • Edizione 1990/91: inizia la terza edizione del programma. Il programma viene anticipato alle 18.45. Il gioco dei 9 si può dunque considerare la partenza della carriera dello Scotti odierno. Non era certo facile sostituire Vianello, e invece Gerry stravolge il gioco con una scenografia moderna e dando grande spazio agli ospiti, per lo più comici, con i quali Gerry può scherzare: questo contribuisce al successo del programma. E' qui che si forma la coppia Gene Gnocchi e Teo Teocoli, che porta al successo il personaggio di Peo Pericoli. Inoltre, ad annunciare gli ospiti, non più Sandra Mondaini, ma un deejay, ovvero Federico L'Olandese Volante (vero nome Federico Van Stegeren). La sua voce, fuori campo, introduce gli ospiti e illustra i premi del gioco finale. La trasmissione continua ad avere un ascolto pressochè inalterato: viene seguita mediamente da 2.300.000 ascoltatori, con un massimo ascolto di 4.700.000, raggiunto nella puntata andata in onda il 16 novembre 1990.

L'esperienza è sicuramente molto positiva per Gerry, che è stato ripagato in popolarità.

Le presentazioni degli ospiti e le domande per i concorrenti sono scritte da un trio di autori: Dario Viola, Ambra Svanini e Maurizio De Romedis, che si dividono le "competenze". Viola si occupa delle presentazioni e delle domande "musicali", la Svanini raccoglie le curiosità e i pettegolezzi, De Romedis è l'esperto di sport.

In questa edizione "La ruota della fortuna" di Mike Bongiorno, in onda in orario d'ascolto inferiore, alle 19.00, ottiene però ascolti superiori a Gerry, e così, il 13 gennaio 1992, alle 20.00 si decide di partire col Tg5: la Ruota viene allungata fino alle 20.00 e "Il gioco dei nove" ne fa le spese passando, alle 19.50, su Italia1. La fine di questa stagione segna anche l'"addio" di Scotti, intelligente nel chiudere in bellezza prima che si fossero visti i segni della stanchezza. Scotti comunque pagherà caro il cambio di rotta: nella stagione successiva condurrà il programma di mezzogiorno di Canale5, in diretta, lo sfortunato "Ore 12", brutta copia de "I fatti vostri" di Raidue: nonostante i cambiamenti di formula, il programma non decollerà mai. Fu questa forse l’inizio della crisi del Mezzogiorno di Canale5 dopo tanti anni gloriosi con Mike e Corrado.

Il gioco dei nove tornerà la stagione successiva, bistrattato e rovinato, alla domenica sera su Italia1 con Zuzzurro e Gaspare e "Dido menica": un programma pessimo!

Enrico Papi

Il 13 settembre 2004 è tornerà lo storico "Gioco dei nove", in onda su Italia1 dalle 20.00 alle 21.05. Alla conduzione Enrico Papi, che per anni aveva occupato con successo questa fascia oraria con "Sarabanda". Il programma, ancora una volta firmato dalla grande Fatma Ruffini, va in onda dallo studio 11 di Cologno Monzese. La regia è affidata ad un grande del genere, Franco Bianca, mentre la scenografia (abbastanza semplice) di mario Catalano. Il format fondamentalmente è lo stesso del quiz di Scotti, anche se viene dato ancora più spazio agli ospiti vip, specie ai comici, molto "rumorosi". In più, viene aggiunto "Il gioco dei 9" finale che determina il campione della puntata e permette di vincere, nella prima settimana, 50.000€. Rimane la macchina alla fine, anche se non viene più scelta e c'è una probabilità su 5 ogni giorno. Dalla seconda settimana, il gioco della cassaforte, che coinvolge il pubblico a casa. Dopo 3 soli giorni, il 15 settembre, partecipa il sottoscritto, che vince la puntata e diventa campione...evviva! Una esperienza bellissima e divertente, dove ho potuto conoscere i miei miti Sandra Mondaini, Raimondo Vianello e Iva Zanicchi. Altre info in www.ivazanicchi.it 

Hei....aspetto le tue opinioni su Il gioco dei nove:  scrivimi  via mail!!

Solarium Dance TV e cinema Internet Amore e poesia