CAMPIONISSIMO

Due programmi uguali con nomi diversi


Nell'estate del 1993, dopo i successi di Canale5 "Il gioco dei 9" e "Sabato al circo", Gerry Scotti torna su Italia1, la rete che l'aveva portato al successo, con un quiz molto carino e originalissimo: "Campionissimo". Il programma, in onda tutte le sere, dal lunedì al sabato,  alle 20.00 su Italia1, vede scontrarsi 100 uomini contro 100 donne (per alcuni aspetti questo verrà ripreso in "Ciao darwin") a colpi di quiz. E il quiz anticipa "Chi vuol essere milionario" e tutti i quiz moderni: Gerry pone una domanda con 4 alternative di risposta e i concorrenti, seduti, schiacciano il pulsante corrispondente alla risposta per loro esatta. Chi indovina prosegue, chi sbaglia viene eliminato e simpaticamente "preso in giro" da Gerry. Si prosegue così per 30 minuti, finchè non esce il vincitore tra i pochi rimasti a non avere mai sbagliato. Le domande sono un mix di attualità e cultura..alcune difficili, altre estremamente semplici.

Nell'estate del 1996, dopo tanti anni di "Ruota della fortuna", il preserale di Canale5 viene nuovamente affidato a Gerry Scotti che propone "Vinca il migliore". Il quiz, nonostante un nome diverso, è esattamente "Campionissimo", che torna così dopo 3 anni in onda. Mentre su Italia1 durava 30 minuti, qui viene allungato a 75 minuti, in onda dal lunedì al sabato dalle 18.45 alle 20.00. Terminato il 28 settembre 1996, da ottobre il programma assume cadenza settimanale, ogni sabato alle 19.00. Tuttavia, visto l'ascolto notevolmente superiore di "Tira e molla", dopo poche settimane si decide di spostare "Vinca il migliore" su Italia1 e trasmettere "Tira e molla" anche al sabato. Così anche il bel "Vinca il migliore", come "Sì o no" qualche anno prima, chiude dopo poche settimane. Probabilmente due quiz mediaset non si possono fare concorrenza l'uno contro l'altro su reti diverse....forse l'ascoltatore medio di un quiz mediaset è sempre lo stesso e, tra due quiz, sceglie quello di maggior successo.

Solarium Dance TV e cinema Internet Amore e poesia