Anthony Ryan

Slab City Blues

Ed. Smashwords Edition 2015

 

WELCOME TO THE SLAB. A vast orbiting slum where rats grow big, sweat falls in rain and the gene-spliced come in all shapes and sizes.
Slab City Blues - There's a stranger on the Slab, a stranger with very sharp claws and a penchant for killing assassins. Finding him is the job of Inspector Alex McLeod, detective, disfigured war veteran and reluctant widower. Some days are worse than others on the Slab but today is going to be a gem.
A Song for Madame Choi - An old enemy embroils Inspector Alex McLeod in the hunt for a kidnapped girl. With no leads he finds himself reluctantly seeking help from drug dealer and fellow war veteran Madame Choi. But can he really trust her?
A Hymn to Gods Long Dead -Inspector Alex McLeod, recently suspended for excessive force and nurturing a growing addiction to bourbon, has been reduced to tending bar when an improbably beautiful vampire comes to him with a bizarre theory: there’s a killer on the Slab, a killer with a liking for recreating ancient myth, in bloody and spectacular fashion. But who exactly is this vampire, and how does she know so much? And what kind of killer can walk through security systems without a trace, leaving deadly traps for those hunting him?
The Ballad of Bad Jack - The Asteroid Belt, home to mining corporations and those who prefer to live beyond the heavily policed habitats of Earth orbit – the perfect hunting ground for Bad Jack, captain of the Dead Reckoning and the most feared pirate in the solar system. About to embark upon the biggest job of his career, Jack finds himself in need of a specialist, but is unaware his latest recruit has a new face, a new name and an agenda of his own. Chief Inspector Alex McLeod has been reset to war mode, and things are about to get very ugly. The fourth story in the Slab City Blues series, The Ballad of Bad Jack is an all-action future-crime thriller from the best-selling author of the Raven’s Shadow trilogy.
An Aria for Ragnarok - Alex McLeod has a score to settle. Back on the Slab and newly promoted to head of Special Homicide, Alex decides it’s time to finally bring down Mr Mac - his longest-standing enemy and the most powerful criminal kingpin in the Confederation of Autonomous Orbiting States. But, before the hunt can begin he finds himself lumbered with the inconvenient and spectacularly bloody murder of a famous industrialist. A swift but violent resolution to the case raises more questions than it answers and Alex’s inability to tolerate a mystery soon uncovers a far greater threat than he has ever faced before. Ragnarok is coming. To stop it, Alex must call on the help of both friends and foes, as well as placing himself in an alien and hostile environment: it’s time for a return visit to Planet Earth.

Una raccolta di 5 novelle che però formano di fatto un vero romanzo. Le prime due sono semplicemente dei racconti, che servono ad introdurre l'ambientazione, davvero particolare, ed i personaggi principali, anche se non mancano di interesse specifico. Le successive due sono delle vere novelle di ampio respiro narrativo, mentre l'ultima è praticamente un romanzo completo. La assoluta continuità temporale, e la mancanza di ripetizioni di antefatti o riproposizioni di descrizioni già fatte in precedenza rendono la narrazione davvero continua, e le cinque novelle possono benissimo essere considerate capitoli di un unico ampio romanzo.
Che Anthony Ryan sapesse scrivere bene l'avevo già notato dalla lettura della sua opera prima, la trilogia Fantasy L'Ombra del Corvo. Anche se la conclusione mi aveva lasciato molto insoddisfatto, sostanzialmente perché Ryan dimostrava di non saper gestire al meglio la quantità di personaggi che erano seguiti direttamente, uno per capitolo, in una narrazione fin troppo lunga, la sua capacità narrativa non è mai stata in discussione, e l'avevo anche paragonato, come qualità evocativa della sua prosa, al Rothfuss de Il Nome del Vento. Ora Ryan sta scrivendo una nuova serie fantasy The Draconis Memoria, che sembra molto ben valutata, almeno per il primo volume, The Waking Fire, che è al momento l'unico disponibile, ma prima di questo aveva scritto una serie di racconti di pura fantascienza, che sono quelli raccolti nel volume di cui sto parlando.
Leggendo le presentazioni, e qualche recensione di lettori americani, avevo inizialmente pensato che si trattasse di una versione fantascientifica del Grimdark Fantasy (o semplicemente Grim Fantasy) che Ryan aveva dimostrato saper maneggiare bene. In realtà, dopo averlo letto, devo invece convenire che si tratta di un hardboiled fantascientifico, del tipo già visto nella trilogia di Takeshi Kovacs di Richard K. Morgan. Le opere di Morgan erano state etichettate come Cyberpunk, ma la stessa definizione non credo si possa applicare a queste novelle di Ryan, sopratutto perché l'aspetto fantascientifico è saldo e coerente, scientificamente solido, ma è anche accompagnato da un vero aspetto hardboiled, con un personaggio principale duro e inarrestabile, eroe di una guerra spietata, che risolve i casi criminali che gli vengono proposti con un notevole acume, ma sopratutto con un'immediata azione diretta.
Il linguaggio di Ryan è però molto più articolato e ben costruito rispetto ai vecchi harboiled alla Hammett, e più vicino alla qualità narrativa di Chandler.
Lo scenario è quello di una Terra che a prezzo di grandi sacrifici ha risolto il problema del riscaldamento globale, e ha colonizzato lo spazio costruendo grossi habitat spaziali sia intorno alla Terra stessa, sia dispersi nel Sistema Solare, in particolare dove attività di estrazione di materiali e loro processamento potevano essere portate avanti in modo economicamente proficuo. Diverse nuove tecnologie e sviluppi scientifici rendono questa ambientazione del tutto ragionevole. Le colonie spaziali hanno poi combattuto e vinto una guerra feroce contro il governo terrestre per conquistare la propria indipendenza, sia economica che politica, e non essere solo luogo di sfruttamento.
Alex McLeod, eroe di guerra e ora ispettore di polizia sullo Slab, il più popolato degli habitat, dove ricchezza e benessere convivono con squallore e criminalità, è il protagonista di queste storie. Come avevo anticipato, si tratta di un vero duro con principi morali molto saldi e chiari, ma con qualche problema personale derivante sostanzialmente dalle vicissitudini della guerra, in cui è rimasta uccisa la moglie, morte che inizialmente non è in grado di accettare. Ma diversi altri personaggi appaiono nella vicenda, alcuni anche piuttosto strani, perché le capacità di controllo genetico sono ormai molto sviluppate ed è possibile modificare quasi a piacere la struttura fisica ed emotiva umana.
Raccontare anche brevemente la trama di queste storie non è normalmente nelle intenzioni di queste mia presentazioni, specialmente se contiene elementi di mistery, mi limito perciò a dire che è ben costruita, emozionalmente coinvolgente e salda nelle mani dell'autore. Un libro che invito apertamente a leggere.
 

Torna a: elenco mesi - SF&Fantasy - Home Page