Kristine Kathryn Rusch

Retraival Artist
The Disappeared
Extremes

Ed. Roc - 2002
Ed. Roc - 2003

 

 

This first title in a new series introduces the Retrieval Artists, specialized private detectives who investigate the most unusual crimes in the galaxy and help the "Disappeared" find their way home. When three people aboard a stolen space yacht are found murdered in the signature style of an alien vengeance killing, that ship and another ship are linked to a Disappeared--a reluctant female outlaw on Mars.

 

 

 

 

Miles Flint suspects foul play in the death of an ailing fellow Retrieval Artist. Equally suspicious is the sudden death of a young woman during the Moon's prestigious Extreme Marathon. As Flint investigates, he finds an ominous connection. Original.

Avevo letto e apprezzato molto The Retrieval Artist, il racconto di Kristine Kathryn Rusch che è all'origine di questa lunga serie, arrivata ora a nove romanzi più alcuni racconti e novelle. Nel racconto Miles Flint è all'apice della sua carriera come Retrieval Artist, cioè una persona capace di ritrovare gli individui che sono stati fatti scomparire, per loro volontà, con una nuova falsa identità per sfuggire alle sanzioni delle leggi delle varie razze aliene che la Terra ha dovuto accettare per poter far parte di questa enclave galattica. Come detto, il racconto mi era piaciuto molto, con la trama che è di fatto un mistery in un ambiente fantascientifico molto originale e ricco di possibilità, poi però mi ero fermato lì. Una delle ragioni era dovuta al fatto che di Kristine Kathryn Rusch avevo solo letto la Saga dei Fey pubblicata dalla Nord in cinque volumi a partire dal 1999. Questa saga fantasy mi era piaciuta davvero poco, tanto che non ve ne è traccia in queste pagine, e quindi ero prevenuto nei riguardi di questa autrice, che è invece molto prolifica, anche in collaborazione con altri autori, ed ha nella fantascienza la sua forza maggiore, ma le sue opere migliori non sono mai state tradotte in italiano se non di recente.
Su consiglio di Sandro Pergameno, che è stato curatore di diverse collane sia per la Nord che per Fanucci, ho deciso di dare più fiducia a questa scrittrice e incominciare a leggere la serie dei romanzi del Retrieval Artist.
Il primo, come mi aveva anticipato Sandro per invogliarmi a leggerlo, è davvero notevole. Ricostruisce la storia di Miles Flint come Investigatore della polizia della Cupola di Amstrong sulla Luna, dopo essere stato poliziotto nel corpo del controllo aereospaziale, e del perché alla fine lascerà l'incarico, nonostante il successo incontrato, per svolgere invece la libera attività di Retrieval Artist. La necessità di indagare su alcuni episodi di Scomparsi ritrovati dai loro persecutori dopo decenni fanno emergere in Miles alcuni dubbi sulla correttezza morale della legge che la l'Alleanza Terrestre ha dovuto accettare, e permette amche al lettore di capire meglio questa società spaziale complessa con regole dovute a logiche completamente diverse.
Nel secondo romanzo il ruolo di Miles Flint è praticamente secondario, se non inesistente, per larga parte della storia, che è invece centrata sulla persona di Noelle DeRicci, che era stata la superiore di Miles quando faceva parte del corpo di polizia, e che nonostante le sue capacità ha sempre avuto grossi problemi con la gerarchia. L'ambientazione di questa storia è particolarmente suggestiva, quella di una maratona all'esterno delle cupole indossando una tuta di sopravvivenza e in un ambiente a bassa gravità come la Luna che richiede una specifica tecnica di corsa. Anche l'aspetto mistery è ben costruito, essendo il centro della vicenda, e i diversi personaggi sono perfettamente focalizzati. Miles entra in gioco alla fine, risolvendo per così dire il problema, ma non svolge certo un ruolo predominante.
Pur essendo molto gradevole e coinvolgente, mi sembra un passo sotto il precedente.
Ora me ne rimangono solo altri sette...

Torna a: elenco mesi - SF&Fantasy - Home Page