Laura Schirru

New Babel

eBook Vanilla 2011

Terra, un imprecisato futuro qualche secolo dopo la nostra epoca, nella quale Internet ha acquisito vita e consapevolezza di sé, divenendo un’entità senziente, il Dace. Sono state chiuse le colonne d’Ercole per prosciugare il mare, allo scopo di aumentare lo spazio vitale della razza umana, e una immensa torre di Babele è stata creata nel bacino Mediterraneo, dove ormai vivono piu’ di duecento milioni di persone. Il sovraffollamento globale è un problema complesso e virtualmente irrisolvibile. In un punto qualsiasi di un qualsiasi livello della megalopoli, si muove Irene ‘Lem’ Nakamura, giovane biologa frustrata e compressa in un lavoro senza prospettive. La sua ricerca di un posto al sole, nell’atmosfera soffocante di New Babel, perderà le caratteristiche di semplice ‘ricerca di un lavoro migliore’, diventando lotta spietata per la sopravvivenza, una sopravvivenza che potrebbe non riguardare soltanto lei come individuo, ma l’intera specie cui appartiene… C’è chi ritiene che sia in corso una selezione in cui non c’è più spazio per i sapiens. La specie sembra aver raggiunto la fine della sua linea evolutiva, e una nuova umanità inizia lentamente a prenderne il posto. Probabilmente è davvero così, e la concretezza dell’ipotesi non rende più semplice la forzata coabitazione di ben quattro specie senzienti su una Terra sempre più stretta, sempre più contesa. In fondo, se paragonato al Dace, ai Drod e ai dualis, nati dall’ibridazione tra sapiens e Drod, dotati di facoltà ESP e della preziosa capacità di sconnettersi dalla Rete a piacimento, cosa può fare un semplice essere umano?

Una sorpresa veramente inaspettata. Un romanzo distribuito gratuitamente in rete in formato elettronico che ha, secondo me, tutte le qualità per essere una vera pubblicazione a pagamento. La qualità del romanzo è molto al di sopra della media delle pubblicazioni professionali di autori italiani, e può competere alla pari con buona parte della letteratura fantascientifica estera. Io avrei pagato molto volentieri qualche € per questo romanzo, dopo averne letto anche solo qualche pagina. La filosofia delle pubblicazioni elettroniche deve essere proprio questa: mettere a disposizione gratuitamente le prime opere, fino a conquistarsi un pubblico che gradisce quanto viene proposto, e poi porre a pagamento a prezzo limitato le opere successive, con disponibilità gratuita di brani, incipit o che altro per convincere della qualità dello scritto proposto.
In questo caso l'intero romanzo era a disposizione gratuita e di questo ringrazio l'autrice.
Avevo letto con piacere Le Cronache di un Mondo Strambo, ma si trattava di un racconto-parodia, genere che è sempre stato alla portata degli autori italiani, mentre New Babel è un vero romanzo di fantascienza, con un tema di fondo serio e in linea con molte speculazioni in campo internazionale. E' un romanzo che ha ovviamente anche molti difetti e degli evidenti punti deboli, che potrebbero essere facilmente rimossi da una ulteriore editing nemmeno tanto profondo, ma già così è del tutto leggibile e molto gradevole. Non voglio volutamente insistere molto sui punti deboli, come la descrizione molto carente della struttura della città stessa, per cui non si capisce cosa sia in concreto un "livello", che pure ha un ruolo importante nella narrazione, o la stessa natura dei
Droid, mezzi umani e mezzi macchine, ma senza una giustificazione realistica della loro nascita. Rimane il forte impatto di una realtà nata da una specie di espansione inflattiva, tipo quella dell'universo dopo il Big Bang, e molto simile alla singolarità descritta da Vinge e sviluppata anche da Stross e altri. Lo stile narrativo è all'altezza di una storia che vuole tenere alta la tensione e che privilegia l'azione rispetto all'introspezione, che pure è ben presente, ottenendo un risultato positivo ed estremamente raro nella letteratura di genere italiana. L'aspetto biologico è trattato con consapevolezza (ignoro se per studi accademici o documentazione occasionale) e occupa il suo giusto ruolo nella vicenda, anche se poi il tema di fondo è la possibile coesistenza di razze diverse con diverso potenziale evolutivo e in conflitto in un mondo sovraffollato. La narrazione è per un lettore adulto e consapevole, coerentemente con il livello dei temi trattati.
La mia valutazione soffre quasi sicuramente di un eccesso di sorpresa positiva, ma quando ci vuole ci vuole.

Torna a: elenco mesi - SF&Fantasy - Home Page