Mike Resnick

Astronave Mercenaria

Ed. Urania 2014

 

Nel vasto conflitto che oppone i pianeti della Repubblica alla Federazione Teroni, il capitano Wilson Cole ha fatto prodigi di eroismo, fino a quando un'infamante accusa di ammutinamento lo ha costretto a trasformare la sua nave in un mezzo d'assalto pirata. Ma un uomo d'onore resta un uomo d'onore e Cole decide di cambiare pelle ancora una volta: questa volta diventerà un combattente a pagamento. Le sue intenzioni sono diverse da quelle dei soliti mercenari e comprendono la possibilità di evacuare ospedali, correre in soccorso di popolazioni in pericolo e salvare vite, ma quel progetto lungimirante è stroncato dall'incontro con la valchiria, un'ex alleata ora divenuta regina dei corsari. Nella stazione in cui si sono preparati a resistere, Cole e i suoi alleati sanno bene che sarà uno scontro d'inferno.

Terzo capitolo di questa saga di fantascienza militare che continua a piacermi poco. Dopo Gli Ammutinati dell'Astronave, pieno di banalità, stereotipi e continui colpi di genio senza spiegazioni razionali da parte dell'eroe di turno, ne I Pirati e l'Astronave mi sembrava di cogliere una piccola evoluzione positiva del personaggio principale, che non era più l'uomo dalle intuizioni sempre vincenti e anzi prendeva anche decisioni sbagliate, diventando più umano. In questo terzo romanzo torna ad essere infallibile nelle sue intuizioni, risolvendo in modo banale situazioni apparentemente disperate. È vero che è ormai circondato da superuomini (e superdonne) sempre superiori ai vari avversari che inizialmente sembrano degli squali invincibili, ma in ogni situazione è la sua visione strategica che risolve il problema irrisolvibile. In questo romanzo inizia poi l'escalation che al momento non so dove finirà, anche se posso immaginarlo senza troppe difficoltà, e la sua flotta, inizialmente consistente in una vecchia unità militare, diventa rapidamente molto più consistente, lasciando presagire... vabbè, lo sappiamo tutti.
Indubbiamente se uno lascia perdere queste incongruenze, queste esagerazioni, e si lascia andare nella lettura disimpegnata, i romanzetti si leggono piacevolmente, ed un paio d'ore di evasione li valgono anche.
Ma non più di questo.

Torna a: elenco mesi - SF&Fantasy - Home Page