Le Ciabattine

(14/08/2008)

 

Un altro pane bianco, anche questo a conservazione limitata, ma piuĠ morbido e lievitato, eĠ la classica ciabatta.

Questa mia prima interpretazione, in pezzature un poĠ ridotte, lĠho chiamata ciabattine.

Tutto sommato non eĠ venuta male.

Inizio con la solita biga che, per la vigilia di ferragosto, eĠ prevista per tre impasti, ed eĠ quindi fatta con:

 

300 gr di farina Manitoba

180 gr di acqua

1 gr di lievito di birra fresco

 

Impasto velocemente e lascio lievitare in una ciotola coperta da pellicola trasparente. Data lĠalta temperatura del momento, faccio lievitare per sole 10 ore, quando la biga si presenta cosiĠ:

 

 

Per le ciabattine ne uso un terzo. La ricetta completa eĠ:

 

1/3 di biga

300 gr di farina 0

180 gr di acqua

5 gr di lievito di birra fresco

6 gr di olio EVO

8 gr di sale

 

Sciolgo il lievito nellĠacqua, con un pizzico di zucchero, e stempero la biga con questĠacqua nellĠimpastatrice per alcuni minuti.

Aggiungo gli altri ingredienti ed impasto fino ad avere una massa omogenea e molto morbida.

Metto lĠimpasto in una ciotola e copro con la pellicola, lasciando lievitare per unĠora e mezza. Al termine eĠ cosiĠ:

 

 

Rovescio lĠimpasto sul tavolo ben infarinato e lo divido in due parti, infarinando abbondantemente anche la parte superiore. Formo due pagnottelle che metto in due teglie da pizza

 

 

e copro con pellicola e con uno strofinaccio

 

 

Lascio lievitare per mezzĠora

 

 

Nel frattempo ho scaldato il forno a 250ûC con due ciotole dĠacqua calda per inumidirlo.

Inforno le teglie a questa temperatura per 10 minuti, poi abbasso a 200ûC.

Dato che la temperatura del forno non eĠ uniforme, e le due teglie stanno in posizioni diverse, ne lascio cuocere una per altri 15 minuti, e la seconda per 20.

Queste sono le ciabattine cotte

 

 

e questo eĠ lĠinterno

 

 

Come prima esperienza sono soddisfatto.

La prossima volta cercheroĠ di ottenere una lievitazione un poĠ maggiore e una cottura appena piuĠ pronunciata.

Ma vanno giaĠ molto bene cosiĠ, se mangiate in giornata o al massimo il giorno dopo.

Ritorna a: home, Il Pane