Impianto semintegrato da 18 kw/p
Impianti Fotovoltaici





Schema di funzionamento del "Conto Energia"

L'energia prodotta dall'impianto fotovoltaico viene convertita dall'inverter e immessa nella rete locale a bassa tensione. Il contatore 1, posizionato dal gestore di rete a valle dell'inverter, conteggia tutta l'energia prodotta dall'impianto ed il GSE riconose al produttore, per 20 anni e a seconda della classe di appartenenza definita in base alla potenza ed al tipo di integrazione architettonica, le tariffe incentivanti. L'energia prodotta viene ceduta al gestore locale (solitamante ENEL) e conteggiata dal contatore 2 che rileva i KWh immessi alla rete. La rete nazionale è come "una batteria" di capacità infinita dove il produttore immette l'energia prodotta e quando necessita la preleva. Il contatore 3 è il contatore che conteggia l'energia prelevata dalla rete che sarà pagata con le normali bollette al fornitore di energia da noi scelto, è il valore di queste bollette che saranno rimborsate dal meccanismo di "Scambio sul posto". In sintesi: il contatore 2 ha la caratteristica di misurare l'energia immessa nella rete nazionale, mentre il contatore 3 quello di misurare l'energia prelevata. La soluzione tecnica che si sta adottando attualmente è che il contatore 2 e 3 vengono condensati in un unico contatore bidirezionale.

TABELLA INCENTIVI PER L'ANNO 2010

Potenza dell'impianto  (Kw)Tipologia di integrazione
Non integratoParzialmente integratoIntegrato
Da 1 a 3 Kw0,384 €/Kw0,422 €/Kw0,470 €/Kw
Da 3 a 20 Kw0,365 €/Kw0,404 €/Kw0,442 €/Kw
Oltre i 20 Kw0,346 €/Kw0,384 €/Kw0,422 €/Kw

Il "Conto Energia" è uno strumento di incentivazione a cui possono avere accesso: persone fisiche, persone giuridiche, soggetti pubblici, condomini di unità abitative o di edifici.
La tabella sopra riportata sintetizza il valore dell’incentivo per l'anno 2010.Una volta stipulato il contratto con il GSE vengono percepiti questi incentivi per 20 anni, tramite assegno o bonifico bancario bimestrale.
Se ad esempio abbiamo installato un impianto f.v. integrato, della potenza nominale di 3 Kw (con una produzione annua di circa 3600 Kw) intascheremo annualmente 1.692 € (0,47 x 3600) per 20 anni con un totale di 33.840 €.
Inoltre grazie all'utilizzo diretto dell'energia prodotta e dalla vendita dell'energia in eccesso avremo un ulteriore risparmio sulla bolletta.

ALTRI VANTAGGI DEL FOTOVOLTAICO

   1. L’energia prodotta da fotovoltaico  non fa rumore, non produce scorie, non emette cattivi odori e non inquina;
   2. Gli edifici che incorporano elementi fotovoltaici trasmettono un’immagine positiva, legata alla cura per l’ambiente e allo sviluppo sostenibile. La tecnologia Fotovoltaica si presta bene per essere utilizzata come strumento di comunicazione e marketing ( Insegne luminose, cartelli, infopoint).
   3. La tecnologia Fotovoltaica non ha bisogno di aree apposite in quanto sfrutta zone che altrimenti rimarrebbero inutilizzate come ad esempio le ampie superfici delle coperture dei capannoni industriali ma non solo, infatti anche tetti, pensiline, facciate di edifici, e aree compromesse possono venir sfruttate al meglio.
   4. L’energia elettrica viene generata direttamente sul punto di consumo evitando perdite dovute al trasporto e prodotta quando più ce n’è bisogno (d’estate durante le ore più calde della giornata).  L’obiettivo, sebbene ambizioso e certamente di lungo periodo, è “livellare” i picchi giornalieri delle curve di domanda, ai quali solitamente corrispondono le produzioni energetiche più costose. E’ quindi un’alternativa interessante, in particolare alla luce della crescente diffusione dei sistemi di condizionamento negli edifici residenziali e commerciali;
5.  Non ha un impatto visivo negativo e non deturpa l’ambiente,  i moduli FV si prestano molto bene per l’integrazione architettonica urbana e abitativa, su  edifici ed altri elementi di arredo urbano ( lampioni fotovoltaici , barriere autostradali antirumore).
   6. Ha durata di vita superiore ai 30 anni;
   7.  Ha costi di manutenzione inferiori a tutte le altre fonti energetiche (rinnovabili e non) non avendo parti in movimento e quindi ciò contribuisce a far sì che possa essere utilizzato per fornire alimentazione alle stazioni di comunicazione in alta montagna, per le boe di navigazione in mare, o per gli edifici lontani dalle linee elettriche.
   8. Un Generatore Fotovoltaico è molto veloce e semplice da installare, ad esempio un Impianto da 20 kWp connesso alla rete ed installato su di un tetto, viene realizzato in circa 7-10 giorni dall’inizio dei lavori.
   9. Modularità: un sistema Fotovoltaico può alimentare da una calcolatrice tascabile ad un intero paese; infatti gli impianti possono essere ampliati a piacere aumentando anche successivamente la capacità produttiva;
   10. Il fotovoltaico si integra ottimamente con le tematiche legate al risparmio energetico. L’edilizia sostenibile e la progettazione di utenze a basso consumo stanno prendendo velocemente piede attraverso l’attuazione della normativa energetica degli edifici.