indietro                                             81                       avanti   

                                                                             

                                                                            Se po' fa'...demose na' mano!

                                                              News dalle dittature...(3)

                        (Metodi di instaurazione del totalitarismo)

 

Il  2006 è stato un anno particolare... senza dubbio... noi abbiamo avuto le prime elezioni mascarate,chissà che non siano passate dal satellite come l'Rfid...

!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!???????????????????????

On 6-6-6:Bush Announces Mark of The Beast System

 

 

2)le tecnologie :Rfid attualità, futuro e scopi

Segnalo  gli sviluppi attuali e futuri della tecnologia RFID alla base della SMART CARD e del microchip sottocutaneo,traggo anche un brano dal solito link:


DA: http://www.calaminta.net/?p=208

l’impianto di microchip sottocutanei per gli esseri umani (avete presente quelli che impiantano ai cani? E’ pronto anche per noi…) e sono anni che chiunque provi a parlarne viene ridicolizzato e deriso.
Ebbene, l’annuncio ufficiale è del sito RFID Italia:

Il prossimo 28 aprile potrebbe essere una giornata storica per l’Rfid nel settore della sanità. In Florida (Stati Uniti), infatti, la VeriChip – azienda nota per la produzione di chip impiantabili nel corpo umano – avvierà una campagna di marketing diretta a tutte le persone che vogliono impiantarsi un tag Rfid.
(…) Al momento i dettagli dell’offerta sono ancora tenuti nascosti, ma qualche informazione già la si conosce. Si sa, per esempio, che il tag avrà un codice a 16 cifre, sarà grande come un chicco di riso e verrà impiantato nel braccio destro.

Ora, per chi non lo sapesse, RFID sta a significare Identificazione a Radiofrequenza: il chip conterrà tutti i dati biometrici, sanitari, finanziari della persona in cui verrà impiantato, terrà traccia di ogni transazione, acquisto, spostamento e inoltre servirà a localizzare il soggetto umano in ogni istante della sua vita poichè il funzionamento dell’RFID è in stretta relazione con i satelliti. Funziona pressappoco come il GPS, simile al telepass ma molto più sofisticato.
Ogni persona potrà essere costantemente tracciata, controllata, sapranno tutto di noi, sarà sufficiente accedere al computer che terrà in memoria ogni dato inviato dal microchip.
Saremo schedati, ogni dettaglio delle nostre vite, perfino il più insignificante, sarà registrato e memorizzato da un computer.

Ad ognuno di noi corrisponderà una ID numerica, un numero, un’etichetta, un marchio.
La tecnologia RFID viene attualmente utilizzata nel settore farmaceutico e nella grande distribuzione per rintracciare le merci, registrare le vendite dei prodotti e controllarne gli spostamenti.

Tutto questo vi sembra fantascienza? Allora provate a dare un’occhiata al sito RFID Italia. Stanno preparando il terreno per un’azione persuasiva a tappeto, vogliono convincerci che impiantarsi uno schifoso chip sottopelle alimentato da una batteria al litio (cosa succederebbe se si danneggiasse?) sarebbe bellissimo, fantastico, meraviglioso! Prepariamoci ad una massiccia campagna pubblicitaria per illustrarci tutti i “vantaggi” di questa diabolica invenzione, vorrebbero farci credere che si tratta della soluzione ottimale per la nostra sicurezza e per la nostra protezione! Ricordatevi queste parole, sicurezza e protezione: le parole chiave per la persuasione di massa.
Vorrebbero addirittura impiantare questi aggeggi ai neonati: così le mamme saranno molto più tranquille, sapranno sempre dove si trovano i propri pargoli…

Ben presto, quando la massa di pecoroni avrà belato il suo assenso, il denaro sarà veramente un’allucinazione collettiva come cantava Battiato, il denaro sarà totalmente virtuale, al posto della carta di credito sarà necessario avere un microchip per acquistare e vendere ogni merce.
Attualmente i microchip vengono impiantati nel braccio destro e nella mano destra, come potete vedere qui.

.............................................................................................


Ecco il link della Verichips:

http://www.verichipcorp.com/index.html
potete vedere come sia indirizzato anche a mamme...protettive.

Molte informazioni sulle infinite applicazioni e sugli sviluppi di questa tecnologia potete trovarle a questo link:
http://www.newsrfid.com/notizie-rfid.php

Ecco alcune applicazioni interessanti e curiose:

Basta code...chiamami per nome

Da:
http://www.newsrfid.com/n/2006-01-20-RFID-per-eliminare-le-code-in-banca-86.htm

20 Gennaio 2006 - RFID per eliminare le code in banca

in "Varie"
Nella presentazione della nuova idea di “filiale bancaria”, Accenture sottolinea l'importanza dell'identificazione a radio frequenza per “avvicinare” la filiale ai propri clienti, realizzando operazioni personalizzate grazie al riconoscimento automatico utilizzando chip RFID.

Provate ad immaginare un “benvenuto” personalizzato a seconda del cliente, la diminuzione di code, la lettura dell'impronta digitale: bene, questa potrebbe essere la filiale della vostra banca in un futuro molto più prossimo di quanto vi possiate immaginare.
Accenture ha evidenziato tutto questo in una conferenza dedicata alla presentazione della filiale bancaria del futuro: “Le banche stanno cercando di differenziarsi sempre più tra di loro e le filiali rivestono un ruolo fondamentale in questo cambiamento: ecco perché si stanno sperimentano soluzioni sempre più all'avanguardia” sono le parole di Simon Jenkins, partner di Accenture in questa “avventura” nel mondo bancario.

Appena si passa tra le porte della nostra filiale, un messaggio vocale, anziché segnalarci la presenza di oggetti metallici, ci accoglierebbe con “Buongiorno signor Rossi, benvenuto presso la nostra banca”, grazie semplicemente ad un tag RFID inserito nella nostra carta normalmente custodita all'interno del portafogli; con lo stesso metodo si potranno realizzare presentazioni personalizzate allo sportello bancomat e così via, con lo scopo di far percepire la filiale come “più vicina” al cliente. Tecnicamente, grazie al riconoscimento automatico sarà possibile essere da subito a conoscenza dell'identità del cliente, quindi velocizzare molte operazioni bancarie, rendendo possibili vari tipi di pagamento con dispositivi RFID.
E' quindi anche nell'interesse delle banche, oltre che in quello dei produttori di dispositivi RFID, accelerare lo studio e l'implementazione di sistemi a radio frequenza, tecnologia che si dimostra contemporaneamente all'avanguardia ma anche attuale nelle possibilità che offre.

 

Un'applicazione  :"o mangi la minestra o salti la finestra"

Da:

http://www.newsrfid.com/n/2006-02-15-USA--azienda-inserisce-chip-sottopelle-a-due-dipendenti-107.htm

15 Febbraio 2006 - USA: azienda inserisce chip sottopelle a due dipendenti

in "Discussioni RFID"
Una società che opera nell’ambito della videosorveglianza ha deciso di inserire un minuscolo dispositivo a radiofrequenza sotto la pelle dei propri dipendenti: come previsto sono scaturite numerose polemiche su questioni che da sempre affiancano l’RFID come la libertà e l’invasione della privacy.

Una notizia destinata a far discutere tantissimo, e non potrebbe essere altrimenti; si parla dell’aspetto dell’RFID che offre maggiori spunti di riflessioni in quanto è più sociale che tecnologico: l’invasione della privacy.
Un’impresa americana, Citiwatcher.com, ha fatto inserire un chip a radiofrequenza sotto al pelle dei propri dipendenti; l’azienda opera nel settore della videosorveglianza ed i lavoratori “chippati” sono 2 con la motivazione di un maggiore controllo dei propri movimenti.
La motivazione e la giustificazione di questa scelta sono state spiegate dall’amministratore delegato della società, Sean Darks, il quale si è fatto a sua volta impiantare un minuscolo chip per ribadirne l’innocuità: “E semplicemente una carta di identità digitale, non emette alcun segnale, permette solamente, quando interrogato da uno speciale lettore, di fornire le informazioni della persona in cui è inserito” Dura la risposta delle associazioni che si battono contro la tecnologia di identificazione a radio frequenza: “I diritti alla privacy ed alla libertà spariscono davanti a questa tecnologia”.

Come al solito le due fazioni portano motivazioni valide, ma come al solito è necessaria una mediazione tra le due parti per cercare di comprendere le motivazioni di una scelta come quella fatta dalla Citywatcher: il chip è stato inserito nei due dipendenti che hanno accesso alle registrazioni delle telecamere di videosorveglianza della polizia, quindi è necessario un altissimo livello di attenzione e massimo controllo dei movimenti perché si ha a che fare con dei documenti molto delicati (nel senso meno “materiale” del termine); è altrettanto vero che se iniziative come queste venissero prese da un numero sempre maggiore di aziende, il timore di ritrovarci in un mondo di individui “chippati” diventerebbe più reale.
Resta comunque fondamentale il fattore “chiarezza” in vicende del genere: è indispensabile la massima trasparenza da parte dell’azienda riguardo le modalità di controllo, rendere l’operazione facoltativa senza obbligare alcun dipendente, ed informare sulle caratteristiche tecniche del dispositivo che verrà implementato, onde evitare inutili paure e garantire la massima serenità del proprio dipendente.

 

Il vasto successo della tecnologia nel paese più liberale del mondo!

Da:

http://www.newsrfid.com/n/2006-03-09-Cina--identificazione-dei-cittadini-affidata-alla-radio-frequenza-123.htm

9 Marzo 2006 - Cina, identificazione dei cittadini affidata alla radio frequenza

in "Progetti RFID"
I chip RFID inseriti nelle carte d’identità riscuotono molto successo in terra cinese, ed il governo prevede un’immissione massiccia di dispositivi, sino a raggiungere e superare il miliardo di persone dotate di carta a radio frequenza.

La Cina presenta uno scenario molto interessante per lo sviluppo di nuove tecnologie: è notizia di questi giorni dell’approvazione di un progetto che prevede l’introduzione massiccia dell’identificazione a radio frequenza all’interno dei documenti di identità.
Attualmente sono ben 102 milioni le schede RFID immesse nel paese, ma l’obiettivo che il Ministro della pubblica sicurezza cinese ha dichiarato di voler raggiungere, parla di un miliardo e 300 milioni di schede emesse.

Numericamente parlando (ma non solo) queste dichiarazioni assumono una notevole importanza, e dimostrano come la tecnologia RFID abbia raggiunto una diffusione ed un’affidabilità tale da permettere l’avvio di progetti così ambiziosi.
Analizzando nel dettaglio la situazione cinese, possiamo affermare che nel solo 2005 sono stati prodotti e venduti ben 100 milioni di etichette, ma il governo intende aumentare il ritmo (supportato sia dalla maggior richiesta da parte delle aziende che dalla diminuzione dei costi di produzione) fino a raggiungere i 300 milioni di tag venduti l’anno, che porterebbero, secondo le previsioni, nell’anno 2009 ben 2,9 miliardi di dispositivi a radio frequenza nel solo territorio cinese.

 

Non può mancare l'approvazione dei Garanti della privacy:

http://www.newsrfid.com/n/2006-03-28-Il-Garante-promuove-la-radio-frequenza-136.htm

28 Marzo 2006 - Il Garante promuove la radio frequenza

in "Discussioni RFID"
Ha dato esito positivo la consultazione in merito alla tutela della privacy dei nuovi sistemi RFID, in particolare il nuovo progetto "Filiale High Tech". Superato l'ultimo "ostacolo", la radiofrequenza si appresta ad entrare intensamente nel settore bancario.

Dopo attese e preoccupazioni, finalmente è arrivata la notizia che allieta tutto l'ambiente RFID: il Garante che si occupa della tutela della privacy ha approvato le nuove modalità dei servizi bancari che sfruttano le nuove tecnologie a radiofrequenza.
Si tratta di una vera e propria rivoluzione nel mondo delle banche, non solamente dalla parte della filiale, ma anche (e soprattutto) da quella del cliente.

Grazie infatti ad un apposito chip RFID inserito all'interno di una tessera, il cliente verrà riconosciuto automaticamente dalla propria banca ed avrà a disposizione tutti i servizi bancari, semplicemente grazie al riconoscimento del codice univoco contenuto nel chip.
Naturalmente sono presenti alcuni limiti e misure di sicurezza per tutelare maggiormente l'utente, il quale sarà l'unico possessore dei codici ID. Ora quindi partirà un'intensa fase di sperimentazione, al termine della quale, davanti agli esiti, toccherà ancora al Garante decidere in merito ai servizi di e-banking RFID.

 

Master Card si lancia:

Da:

http://www.rfiditalia.com/index.php?option=com_content&task=view&id=171&Itemid=41

 

MasterCard prova l'Rfid
15 Giugno 2006

 

La Royal Bank of Scotland (Rbs) e MasterCard hanno unito le forze per sperimentare carte di pagamento contactless basate su Rfid per i piccoli pagamenti. La sperimentazione inizierà la settimana prossima presso il quartier generale della Rbs a Edinburgo, dove hanno sede alcuni negozi frequentati dai 3.000 dipendenti della banca. Tra questi vi sono un locale della catena di caffè Starbucks e un supermercato Tesco. Sinora, riferiscono fonti della banca, circa 1.000 dipendenti hanno fatto domanda per ricevere una delle carte Maestro opportunamente adattate.

Ognuna di esse comprende un chip che trasmette dati a un lettore presente nel negozio. Il possessore della carta dovrà solo passarla vicino al lettore per pagare, senza bisogno di digitare un Pin o firmare una ricevuta. Il sistema funziona solo per transazioni di valore fino a 10 sterline, e saranno effettuati controlli casuali in cui verrà richiesto ai possessori di carta di inserire il loro Pin per conferma. Il sistema permette quindi all'utente di non portare in giro contante per piccoli pagamenti, e al negoziante di risparmiare tempo alla cassa.

E' la prima volta che Master Card testa questo sistema nel Regno Unito. Secondo i responsabili della Rbs, consentirà presto di eliminare l'uso del denaro contante per i piccoli pagamenti, semplificando le procedure attualmente richieste da carte di credito e debito.

Ecco quali saranno i prossimi sviluppi futuri quelli che potrebbero,insieme a una crisi economica senza precedenti,obbligare chi vuole comprare,vendere o  sopravvivere 
a innestarsi un chip sottocutaneo di cui qualche giorno fa è stato così opportunamente dichiarato il fallimento,vedi link :
http://www.rfiditalia.com/index.php?option=com_content&task=view&id=938&Itemid=29)

La provvidenziale sparizione dei contanti è programmata per il 2012,
quindi è previsto  il passaggio a una moneta fatta di bit che i nostri cari banchieri internazionali potranno variare a loro piacimento senza alcuna interferenza.
N.B: entro il 2008 doveva esserci obbligatoriamente il ritorno della Banca d'Italia dal privato al Pubblico,qualcuno sa come è finita la cosa?

da:
http://it.wikipedia.org/wiki/Banca_d'Italia
......................................
Il 28 dicembre 2005 viene pubblicata nella gazzetta ufficiale la legge n. 262 atta a ritrasferire, entro il 2008, le quote di partecipazione a Bankitalia attualmente in mano a imprese private, allo Stato ed agli enti pubblici [2].

 


Un dubbio atroce ma un programma chiaro e inequivocabile con scadenze precise:fine dei contanti nel 2012

Da:
http://www.rfiditalia.com/index.php?option=com_content&task=view&id=517&Itemid=29

.........................................................................................

Ma, è lecito chiedersi, esiste un mercato per una soluzione del genere? Quanti saranno disposti a usare la carta di credito per acquistare un caffè come avviene già negli Stati Uniti? Effettivamente i numeri non sono incoraggianti anche se è proprio da qui che parte la sfida di Visa. Al momento, infatti, in Europa l’85 per cento delle transazioni avvengono con contante (361 miliardi in contanti contro i 60 miliardi con carte di pagamento), numero che sale al 93 per cento in Italia. In Gran Bretagna la media è pari al 72 per cento con circa 27,1 miliardi di transazioni annue per un valore di circa 390 miliardi di euro. Quasi 21 miliardi di queste transazioni sono per un valore inferiore ai 15 euro. “Più del 75 per cento di tutti i pagamenti in contanti ha un valore inferiore ai 15 euro”, ha dichiarato Sandra Alzetta, Senior Vice President Consumer Market Development di Visa Europe: “L’introduzione dei pagamenti contactless giocherà un ruolo significativo nell‘incoraggiare l’uso delle carte al posto dei contanti nelle transazioni di basso importo. Inoltre, la decisione di rendere operativa la tecnologia contactless in meno di un anno è funzionale al nostro progetto di completa sostituzione dei contanti per i Giochi Olimpici di Londra 2012”.

Rfid contro l'assenteismo

http://www.rfiditalia.com/index.php?option=com_content&task=view&id=735&Itemid=29

Shopping interattivo con l'Rfid

http://www.rfiditalia.com/index.php?option=com_content&task=view&id=649&Itemid=29

Sempre più Rfid con CartaSì

http://www.rfiditalia.com/index.php?option=com_content&task=view&id=887&Itemid=41http://www.rfiditalia.com/index.php?option=com_content&task=view&id=887&Itemid=41

 

Per chi vuole ulteriore documentazione

Articoli collegati:
  Metti un tag in un arancio
  I primi della classe nel business mobile
  Tag a prova di lavatrice
  L'Rfid sposa il Wi-Fi
  In metro con il tag
  Nasce l'Rfid Lab di Parma
  Tag Uhf per i farmaci? Si può
  Tag a prova di hacker. O no?
  Le aziende temono la complessità
  Rfid University
  “La sicurezza prima di tutto”
  Gb, un network per la tracciabilità alimentare
  Biblioteche, l’Rfid funziona
  Usa, allo studio nuovi documenti Rfid
  Un software anti-interferenze
  Un tag per mangiare sicuri
  Un gruppo di ricerca contro gli hacker
  Italia e Austria alleati per l'Rfid
  Rfid: frequenze Uhf libere entro la fine dell'anno
  Virginia, Rfid nei porti
  Milano, nasce l'Rfid Solution Center
  Usa: carte di credito poco sicure
  Un pieno di elettricità con l'Rfid
  Università S.p.a.
  Rfid, nasce la comunità open source
  Alleanza Rfid per Eurotech
  L'Rfid entra in negozio
  Tracciabilità = Rfid
  Tag in polvere
  Un tag per aiutare chi è affetto da Alzheimer
  Rfid e medicina: parla il giurista
  Usa, in arrivo la patente Rfid
  Forze armate Rfid
  Turista fai-da-te (con l'Rfid)
  Un nuovo partner per Rfid Italia
  Rfid al servizio dei disabili
  Rfid in elicottero
  Bisturi con il tag
  La marina Usa sceglie l'Rfid
  Un tag è per sempre
  Nasce la Global Rf Lab Alliance
  Il futuro dei pagamenti è (anche) Rfid
  Con l'Rfid il post-it è intelligente
  Rfid e farmaci, quale futuro?
  Un nuovo partner per Rfid Italia
  Nanotech ed Rfid alleate contro i terremoti
  Rfid italiano: avanti ma adagio
  Rfid dal cielo
  Com’è difficile giustificare l’Rfid
  Braccialetto antibiotico
  Rfid e sanità, bando da Bruxelles
  Sanità, è boom negli Usa
  Giappone leader nei circuiti stampati
  Un cellulare Rfid “multi-uso” per la sanità
  Gsk a tutto Rfid
  Shopping interattivo con l'Rfid
  Tag Rfid sicuri, parola di esperto
  Esercito Usa, bye bye barcode
  I grandi nomi del food uniti a Parma dall’Rfid
  Epc - Nfc, matrimonio possibile?
  Rfid e largo consumo, produttori avanti a tutti
  L’Rfid fa bene alla Sanità
  Rfid, l'ospedale è portatile
  A Lecce va in onda l'Rfid
  Rfid contro l'assenteismo
  Tag sottopelle, dibattito negli Usa
  Ibm punta sull'Rfid per conquistare l'India
  Monsanto nella famiglia Rfid
  Il tag attira i capitali
  Onde radio conto le calamità naturali
  Rfid, è la sanità il settore a tutto Roi
  Ecco il tag dalla super memoria
  Uruguay, tutti i bovini taggati entro il 2012
  Lite, a caccia di oggetti
  L'Rfid aiuta chi aiuta
  Rfid, ecco i benefici per il consumatore
  Tim accelera sull'Nfc
  Rfid via satellite
  Rfid for Africa
  Metti in “Banca” il tuo progetto Rfid
  Bisturi a prova di batteri con l'Rfid
  Rfid motore del trasporto pubblico locale
  Il cibo è più “bio” se taggato
  Tag “stampati”, manca ancora qualche anno
  L'Rfid sfida i "predoni" della Via della Seta
  Sempre più Rfid per CartaSi
  Tag più sicuri se la password è condivisa
  Se la borsa è Rfid
  Cercasi tracciabilità evoluta
  Epc Lab: “Sì all'Rfid per le caldaie”
  Esercito all'avanguardia nell'Rfid
  Ospedali controllati centimetro per centimetro
  A Sondrio si paga con l'Rfid

 indietro                                             81                       avanti