STORIONE

acsturio.jpg (23712 byte)

NOME LATINO: Acipenser sturio (Linnaeus 1758)
FAMIGLIA: Acipenseridae
ORDINE: Acipenseriformes
NOME INGLESE: Sturgeon
NOMI DIALETTALI: Sutrion armÓ (Lomb.)
MORFOLOGIA: forma del corpo affusolata a sezione approssimativamente semicircolare; testa coperta da una placca ossea; muso prominente lungo circa metÓ della lunghezza del capo; bocca inferiore anteriormente alla quale sporgono quattro barbigli; pinna caudale con lobo superiore pi¨ sviluppato; cinque serie di placche ossee rivestono la superficie corporea; colorazione verdastra sul dorso, fianchi di varie tonalitÓ di grigio, ventre bianco.
TAGLIA: fino a 2 m i maschi e fino a 6 m le femmine (circa 400 kg di peso); Ŕ tuttavia sempre pi¨ rara la cattura di grossi esemplari.
DISTRIBUZIONE: risale nel Fiume Po ed in altri corsi d'acqua che sboccano nell'Adriatico settentrionale.
HABITAT: migra periodicamente dal mare in ambiente fluviale e vive in rapporto con i sedimenti.
ALIMENTAZIONE: molluschi, vermi, insetti acquatici e loro larve.
RIPRODUZIONE: avviene in acque fluviali a forte corrente e depone un numero assai elevato di piccole uova (fino ad oltre 2,5 milioni per femmina) che aderiscono alle pietre. La schiusa avviene in 3-6 giorni e la larva Ŕ lunga circa 9 mm. La migrazione dei giovani verso il mare avviene nel corso del secondo anno di vita. La maturitÓ sessuale Ŕ raggiunta all'etÓ di circa 8 anni per il maschio e di 12 anni per la femmina. Gli individui di taglia inferiore ad 1 m sono immaturi. Si conoscono ibridi ed anche con Huso.
VAL. ECONOMICO: elevato.
NOTE: fino al 1963 si riteneva che questa specie fosse presente anche lungo le coste atlantiche del Nord America. Si constat˛ poi che quella specie era diversa (forma degli scudi ossei e numero branchiospine) e fu classificata come A. oxyrhynchus.