COREGONE Lavarello

coregone.jpg (20278 byte)

NOME LATINO: Coregonus sp. (forma hybrida)
FAMIGLIA: Coregonidae
ORDINE: Salmoniformes
NOME INGLESE: Pollan (whitefish)
NOMI DIALETTALI: Lavarel (Piem. & Lomb.)
MORFOLOGIA: corpo affusolato e leggermente compresso lateralmente; squame circolari grandi; presenza della piccola pinna adiposa alla base del peduncolo caudale; bocca piccola e terminale; colorazione argentea, leggermente verdastra sul dorso, bianca sul ventre; branchiospine brevi e, mediamente, 28 per arco branchiale.
TAGLIA: 30-40 cm, pu˛ anche superare i 50 cm e raggiunge il peso di 1,6 kg.
DISTRIBUZIONE: principalmente nei grandi laghi prealpini, ma anche nei laghi vulcanici laziali.
HABITAT: nelle acque pelagiche; ha abitudini gregarie e si mantiene tra la superficie e poche decine di metri di profonditÓ, ma, comunque in acque relativamente fresche.
ALIMENTAZIONE: a base di zooplancton.
RIPRODUZIONE: la deposizione avviene in Dicembre in acque basse e preferibilmente nel tratto inferiore dei fiumi immissari; le uova misurano 2,5 mm; le larve schiudono dopo circa 60 giorni e misurano 11-13 mm; il sacco vitellino ha modestissime dimensioni e viene riassorbito in pochi giorni; lo sviluppo larvale Ŕ assai lento e richiede da due a tre mesi, successivamente a questa fase l'accrescimento Ŕ rapido ( a due anni pu˛ raggiungere la lunghezza di 30 cm); precoce Ŕ anche il raggiungimento della maturitÓ sessuale (1-2 anni).
VAL. ECONOMICO: elevato.
NOTE: introdotta dalla Svizzera nella seconda metÓ dell'800. Le presenze nei laghi italiani sono da considerare 'forma hybrida' derivanti dall'introduzione di C. wartmanni coeruleus (cor. azzurro), C. schinzii helveticus (cor. bianco) e C. maraena.