Torna alla home page






La filosofia cristiana dal I al XIV sec.
quadro sintetico
di Marco Giunti





Con la prima diffusione del Cristianesimo, cominciò ad affiancarsi alla tradizione filosofica greca una nuova tradizione, quella della filosofia cristiana. Tale tradizione, nata nel I sec. d.C., è tuttora esistente.

Essa diventò la forma di filosofia dominante in occidente a partire dalla fine del V sec. d.C., quando, a seguito degli sconvolgimenti culturali e sociali dovuti alla caduta dell'Impero Romano d'Occidente (476 d.C.), la tradizione filosofica greca si esaurì. L'evento che può essere preso come simbolo del definitivo tramonto della tradizione greca è la chiusura della scuola neoplatonica di Atene (529 d.C.) da parte dell'imperatore d'Oriente Giustiniano, fervente seguace della fede cristiana. La filosofia cristiana restò dominante in occidente fino a tutto il XIV sec.

Soltanto a partire dalla fine di quel secolo, con l'Umanesimo ed il Rinascimento, la filosofia cristiana perse il suo primato e fu nuovamente affiancata da altri tipi di indagine che, idealmente, si ricollegavano all'antica tradizione greca e che, per molti aspetti, la rinnovarono realmente.


La filosofia cristiana fra i secoli I e XIV d.C. viene usualmente suddivisa in due periodi: Patristica e Scolastica.

  1. Patristica
  2. Scolastica


La Patristica, a sua volta, può essere suddivisa in tre periodi: quello della difesa contro pagani e gnostici, quello della formulazione dottrinale delle credenze cristiane e, infine, quello della trasmissione della cultura cristiana al mondo medioevale.

  1. La difesa contro pagani e gnostici
  2. La formulazione dottrinale delle credenze cristiane
  3. La trasmissione della cultura cristiana al mondo medioevale


All'interno della Scolastica si possono distinguere quattro diverse fasi: la prescolastica, l'alta scolastica, il culmine della scolastica e la crisi della scolastica.
 

  1. La prescolastica
  2. L'alta scolastica
  3. Il culmine della scolastica
  4. La crisi della scolastica



Torna alla home page
vai alle domande per il
controllo dell’apprendimento
Torna all'inizio