CENTURIONE IN PENDANT CON LA CANANEA

XII-XIII secolo

Anteprima
Notizie
Fonti e Bibliografia

Chiostro dell’abbazia di Moissac, 1100 (datato con un’iscrizione).

Capitello n. 65, galleria sud. Centurione e cananea abbinati insieme nella decorazione del capitello.

 
 

 

XVII-XVIII secolo

Anteprima
Notizie
Fonti e Bibliografia

Mattia Preti,

Palermo, Galleria regionale della Sicilia, 230x170 (centurione).

Probabile commissione del duca di Maddaloni Diomede Carafa, 1565 ca.

 

Mattia Preti,

Stoccarda, Staatsgalerie, 231x178 (cananea).

Probabile commissione del duca di Maddaloni Diomede Carafa, 1565 ca.

 
 

Sebastiano Ricci, Cristo e il centurione

Napoli, Capodimonte, 1729

 
 

Sebastiano Ricci, Cristo e la cananea, 42x60

Napoli, Capodimonte, 1729

 

 

CENTURIONE IN PENDANT CON ALTRI SOGGETTI

XVI secolo

Anteprima
Notizie
Fonti e Bibliografia
 

Paolo Veronese e bottega, Cristo e il centurione

Venezia, coll. Rossi, 100x41 (in pendant con una Predica del Battista)

 

Antonio Campi, Cristo e il Centurione, 1582.
Cremona, presbiterio del duomo.

La cattedrale di Cremona. Affreschi e sculture, a cura di Alessandro Tomei, Milano, Silvana Editoriale, 2001, p. 156.
Bernardino Campi, Ingresso di Cristo in Gerusalemme, 1574
Cremona, presbiterio del duomo.
 

Alvise dal Friso, Cristo e il centurione, 1587.
Venezia, Chiesa dell’Angelo Raffaele, Presbiterio lato sinistro

Commissione Foscarini (stemma sulla tela)

"Sulla parete laterale sinistra [del presbiterio] Alvise Dal Friso dipinse il quadro appostovi rappresentante il Centurione che prostrato dinanzi a Cristo e supplichevole per la salute del Servo è circondato da sontuoso corteo di militi, paggi e cavalli. Cristo commosso da tanta fede si volge ad esprimergli la confortevol parola, mentre gli apostoli e discepoli osservano e ammirano l’atto umile e la fiduciosa prece del superbo romano. Sono quattordici bellissime figure. Lo stemma di casa Foscarini e qualche ritratto di famiglia riprodotto fra gli astanti determinano la commissione, il nome scritto assicura sull’autore che lo dipinse nel 1587, quand’anche nol dimostrassero abbastanza il suo fare paolesco e il colorito vivace."

Luigi Scoffo, Cenni storici sulla chiesa e parrocchia di San Raffaele arcangelo di Venezia,Venezia, Tipografia di Antonio Clementi, 1862, pag. 51

Antonio Vassilacchi detto l'Aliense, Il castigo dei serpenti, 1588

Venezia, Chiesa dell’Angelo Raffaele, Presbiterio lato destro

"Sulla parete laterale destra, Vassilacchi Antonio detto l’Aliense (1555-1629) dipinse nel 1588 il Castigo dei Serpenti. Lo spavento, la confusione, il dolore, la contrizione, la fede giuocano nei volti e negli atteggiamenti delle venti figure maggiori e delle molte minori di questo quadro, le quali disposte in diversi ripiani tendono tutte verso il simbolo salutifero, l’eneo serpente eretto sul monte, dalle esortazioni attiratevi del condottiere Mosè.[…]"

Luigi Scoffo, Cenni storici sulla chiesa e parrocchia di San Raffaele arcangelo di Venezia,Venezia, Tipografia di Antonio Clementi, 1862, pag. 52

 

ILLUSTRAZIONI DELLE SACRE SCRITTURE: BIBBIE E LIBRI DEVOZIONALI

X secolo

Anteprima
Notizie
Fonti e Bibliografia

Evangeliario di Echternach

 


XIII secolo

Anteprima
Notizie
Fonti e Bibliografia

Evangeliario di Erfurt, ca. 1210, f. 134

 
 

Holkham Bible

 

 

XVI secolo

Anteprima
Notizie

Fonti e Bibliografia

Vita di Giesu Christo nostro redentore scritta da Landolfo di Sassonia e di nuovo tradotta da M. Francesco Sansovino, Venezia, Iacopo Sansovino il Giovane, 1570, cc. 116v-118v.  

Meditationi sopra li evangelii che tutto l’anno si leggono nella messa e principali misterij della vita e passione di Nostro Signore, composte dal R. P. Agostino Vivaldi della compagnia di Giesù, respondenti alle immagini del Padre Girolamo Natale della medesima compagnia, Roma, Luigi Zannetti, 1599, Tav. 27.
  Vita di Giesu Christo nostro redentore scritta da Landolfo di Sassonia e di nuovo tradotta da M. Francesco Sansovino, Venezia, Iacopo Sansovino il Giovane, 1570, cc. 229r-230v.  
Meditationi sopra li evangelii che tutto l’anno si leggono nella messa e principali misterij della vita e passione di Nostro Signore, composte dal R. P. Agostino Vivaldi della compagnia di Giesù, respondenti alle immagini del Padre Girolamo Natale della medesima compagnia, Roma, Luigi Zannetti, 1599, Tav. 61.

 


CICLI DECORATIVI

IX secolo

Anteprima
Notizie
Fonti e Bibliografia
 

Paliotto di Sant’Ambrogio, Milano (?)

 

 


XII-XIII secolo

Anteprima
Notizie
Fonti e Bibliografia
 

Monreale, chiesa cattedrale di Santa Maria La Nuova.

Centurione (navata sinistra) e cananea (navata destra)

parte di un ciclo musivo con la vita di Cristo.

Navata sinistra:
Cristo raddrizza una donna curva tra le proteste del capo della sinagoga; risana un idropico, guarisce dieci lebbrosi e ridona la vista a due ciechi. Seguono quindi la cacciata dei profanatori dal tempio; il perdono all’adultera che rischia la lapidazione; la guarigione di un paralitico calato giù dal tetto e di zoppi e ciechi; il perdono alla Maddalena; la guarigione del figlio paralitico del centurione
Navata destra:
nella navata laterale destra vi sono: la Cananea che implora la guarigione della figlia; Gesù che prima guarisce l’indemoniato, poi il lebbroso e quindi un uomo dalla mano arida; Gesù che cammina sulle acque; resuscita il figlio della vedova; guarisce una donna che perde sangue; ridona la vita al capo della Sinagoga; risana la suocera di Pietro ed infine moltiplica pani e pesci sfamando cinquemila persone.

Fonte: http://www.iccd.beniculturali.it/medioevosiciliano/index.php?it/130/ca

 

XVI secolo

Anteprima
Notizie
Fonti e Bibliografia
 

Perin del Vaga,

Trinità de’ Monti, cappella Massimi, storie del nuovo testamento: Probatica piscina, resurrezione di

Lazzaro, “fede del Centurione in favellando a Christo”, Farisei scacciati dal Tempio, Trasfigurazione e “un’altra simile”. Fonte: Borghini, Il riposo, Firenze, Marescotti, 1584, p. 466. Citato anche in Vasari che chiama l’episodio del centurione “il centurione dice a Christo che liberi con una parola il figliuolo che more” (Vasari, 1568, vol II, p. 365)

 
 

Federico Zuccari,

Palazzo di Pio IV nei giardini del Vaticano, affreschi nella volta di una stanza, insieme ad altre storie del Nuovo Testamento: la Trasfigurazione, “la fede del Centurione”, le nozze di Cana, la moltiplicazione dei cinque pani, i Farisei cacciati dal tempio. Fonte: Borghini, Il riposo, Firenze, Marescotti, 1584, p. 570.

 
 

Giovanni delle corniole,

"e per due candelieri d’argento fece in cristallo sei tondi. Nel primo è il Centurione che prega Cristo che sani il figliuolo. Nel secondo la probatica piscina; nel terzo la Trasfigurazione sul monte Tabor; nel quarto il miracolo dei cinque pani e due pesci; nel quinto, quando cacciò i venditori dal tempio; e nell’ultimo la Resurrezione di Lazzaro, che furono tutti rarissimi” Vasari, Le Vite, 1568, vol II, p. 287.

 

Paolo Veronese e bottega,

Vienna, Kunsthistorisches Museum, 146x288,

parte del cosiddetto ciclo di Buckingham, con storie del Vecchio e del Nuovo Testamento.

 

 


SOLO  CENTURIONE

 

Anteprima
Notizie
Fonti e Bibliografia
 

Sarcofago romano del 390 d.C., Leida, museo di antichità ???

 

 

X secolo

Anteprima
Notizie
Fonti e Bibliografia
 

Egbert codex (997-993)

 

 


XVI secolo

Anteprima
Notizie
Fonti e Bibliografia

Giovanni Maria Butteri, 1575.
Firenze, Chiesa del Carmine, cappella Baldovinetti, già Gambereschi.
 

Paris Bordon, 1555 ca..
194,5 x 305. Coll. privata.

 

Bibl.
Alexandra Jackson, “The first Renaissance centurion”, in Apollo, 160 (2004),510, pp. 42-49.

The Age of Titian, cat. mostra (Edimburgo, 2004) a cura di P. Humfrey et al., scheda n. 50, pp. 152-153.

Paolo Veronese, Cristo e il centurione,
Madrid, Museo del Prado, 192x297. Provenienza coll. Arundel.

 

Veronese e bottega
Kansas City, Museum of Art, 142x208

Fehl Philip, “Question of identity in Veronese’s Christ and the centurion”, in The Art Bulletin, XXXIX, 4 (dic. 1957), pp. 301-303.

Veronese e bottega
Dresda, Gemäldegalerie, 178x275.

Provenienza coll. Grimani dai Servi.

 

Alvise dal Friso, Cristo e il centurione,1587.
Venezia, Chiesa dell’Angelo Raffaele, Presbiterio lato sinistro

Commissione Foscarini (stemma sulla tela)

 
Alvise dal Friso
Würzburg, Martin von Wagner Museum
 
  Alvise dal Friso
Monaco, Bayr. Staatsgemäldesammlungen
 
 

Maestro anversano dell'Altare Bitterleiden, 1510 circa, Jùlich, Sankt Martin

 
 

Maestro dell’adorazione di Anversa (attivo ca. 1520-30)

Lotto Christie’s 99/ 2351 (Amsterdam 10 nov. 1997), poi lotto Sotheby’s 224 (vendita New York 28 gennaio 1999). Si vede il miracolo nello sfondo e il centurione ha un cartiglio con la scritta “Domine non sunt dignus”

 
 

Aurelio Luini,

Lugano, ****.
Fonte: Lomazzo, Trattato dell’arte de la pittura, Milano, Paolo Gottardo Pontio, 1584, lib. IV, cap. 14, p. 228: “…e Aurelio Louino il qual non mostra punto d’esser bastardo figliuolo di Bernardo Louino pittore eccellentissimo, come si può vedere per le diverse capelle e opere che egli ha fatto in Milano e fuori e massime a Lugano in un Centurione e un Christo in croce”.

 

 

XVII secolo

Anteprima
Notizie
Fonti e Bibliografia
 

Jan Lievens (Leida 1607-1674 Amsterdam),

86 x 69 cm. Firmato e datato 'I.L. 1657'

 
 

Sebastien Bourdon (monografia del 2001 in PVEN ABC 2768)

1665

 

 


SOLO  CANANEA

XV secolo

Anteprima
Notizie
Fonti e Bibliografia

Le très riches heures du duc de Berry

 

 

XVI secolo

Anteprima
Notizie
Fonti e Bibliografia

Juan de Flandes, Cristo e la cananea, ca. 1500
olio su tavola, 20 x 15 cm
Madrid, Palazzo Reale

Parte del polittico per Isabella la Cattolica, di cui sopravvivono circa 27 dei 47 piccoli pannelli che lo componevano.

Lazzaro Bastiani, Cristo e la cananea, part.
Venezia, Gallerie dell’Accademia
 

Alessandro Allori, Cristo e la cananea, 1590.
Chiesa di San Giovannino, Firenze, cappella Ammannati.
Commissione di Bartolomeo Ammannati

(con ritratti dell’Ammannati e della defunta moglie, la poetessa Laura Battiferri)

Bibl:
Victoria Kirkham,”Laura Battiferra degli Ammannati benefattrice dei Gesuiti fiorentini”,

in Quaderni storici, XXXV, 104 (2000), fasc. n. 2, pp. 331-354.

Annibale Carracci, Cristo e la cananea, 1595.
Parma, palazzo municipale.
Commissionata dai Farnese per la cappella di Palazzo Farnese a Roma.

Bibliografia:
* Barocelli Francesco, “La Cananea di Annibale Carracci”, in Aurea Parma, 71 (1987), pp. 14-34.

* Annibale Carracci, catalogo della mostra a cura di Daniele Benati e Eugenio Riccomini (Bologna-Roma, 2006-2007), Milano 2006, scheda n. VII.1, pp. 298-299

Ludovico Carracci, Cristo e la cananea,
Milano, Brera.
Provenienza coll. Sampieri Bologna.
 

Lavinia Fontana, Cristo e la cananea

Collezione Privata.

Bibl:
Caroline P. Murphy, Lavinia Fontana: a painter and her patrons in sixteenth-century

Bologna, New Haven [u.a.], Yale University Press, 2003.

 

XVII - XVIII secolo

Anteprima
Notizie
Fonti e Bibliografia
 

Valentin Lefèvre, Cristo e la cananea
78x110, vendita Christie’s New York 12 gennaio 1978, lotto n. 105

 
  Philippe de Champaigne,
Parigi, Galerie Heim, 2,50x1,39, 1635 ca.
 
Jean Germaine Drouais, Cristo e la cananea, 1784.
Parigi, Louvre,
(cat. Mostra 1985 rennes in PVEN o424A)

 

a cura di Claudia Terribile

(ultimo aggiornamento 18 dicembre 2009)