h

IMPOSTA COME HOME PAGE

 

PARCO NAZIONALE DEL CILENTO - TREKKING - MAGLIANO NUOVO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Web Master 
Maucione M. Riccardo

MAGLIANO NUOVO PARCO NAZIONALE DEL CILENTO

Il Parco del Cilento -Magliano Nuovo-

Due piccoli paesi, situati all’interno del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, conservano nel loro territorio, uno dei luoghi più spettacolari e interessanti del Parco stesso.

Acque limpide e smeraldine incorniciate da rocce calcaree levigate dalla forza del fiume, fanno da sfondo ad un ecosistema molto interessante. Artefice di tutto ciò, il Calore Lucano uno dei pochi fiumi italiani ancora integri che nasce dal massiccio del monte Cervati, per poi intraprendere il suo discendere tra gole e valli creando ad un ambiente di notevole interesse. Nel tratto in cui attraversa ; prima la zona sottostante l’abitato di Magliano Nuovo e poi più a valle il comune di Felitto, questo fiume ha creato uno dei luoghi più particolari e affascinanti , le Gole del Calore.

Di notevole interesse dal punto di vista naturalistico, le gole sono uno scrigno che conserva varie rarità. Qui si nasconde ancora la Lontra, simpatico mammifero che vive tra l’acqua e la terra, dal carattere molto giocoso, trova in questo fiume uno dei suoi ultimi rifugi ; mentre sui versanti delle forre tra boschi di Salici, Ontani neri, Carpini e Lecci sono state censite circa ventidue specie botaniche considerate rare, che grazie a particolari condizioni climatiche dovute ad una ridotta durata dell’insolazione e all’alto tasso d'umidità, trovano in questo luogo un ecosistema ideale. La notevole umidità favorisce anche la presenza di varie specie di felci, tra le più comuni, la Polypodium interjctum tipica del  centro-sud Italia o la  particolare Asplenium onopteris che cresce tra le fessure della roccia. Tra gli animali, oltre all’importante presenza della Lontra, troviamo anche il Cinghiale che svela le sue scorribande notturne nei boschi, con le grufolate (sposta il terreno alla ricerca di radici, tuberi, lombrichi e ghiande) e poi la Volpe, la Faina e il Tasso, predatori dalle spiccate abitudini notturne.  Il fiume con le sue numerose cascatelle è il regno del Merlo acquaiolo e del Martin pescatore.

Le pareti rocciose che sovrastano le gole sono il dominio di altre specie d'uccelli, come il Passero solitario dal piumaggio grigio-bleu o il nero Corvo imperiale. Dai riflessi metallici, con il suo verso irrompe nella quiete delle gole che accompagnano il suono delle acque.  Molti i rapaci che hanno una presenza interessante fra queste forre, come il Falco pellegrino terrore dei Colombacci o il maestoso Nibbio reale dalla tipica coda forcuta che perlustra la valle alla ricerca di carogne.

Questo stupendo paesaggio ravvivato dalla presenza di tanta vita, si può visitare con un po’ di rispetto e  curiosità, infatti, l’intera gola è attraversata da un sentiero che parte presso un'area attrezzata per la sosta in località Remolino a circa 2Km l’abitato di Felitto, da qui, lasciata l’automobile, s'intraprende il sentiero che costeggia il fiume alla base delle gole con alcuni tratti a mezzacosta  fino a giungere dopo qualche ora ad un ponte in pietra situato sotto l’abitato di Magliano Nuovo che segna il termine del sentiero. La durata dell’itinerario e di circa tre ore per l’andata e il ritorno.

Questo luogo è visitabile tutto l’anno, pero è da preferire la primavera per le fioriture e l’autunno per l’esplosione di colori dei boschi, mentre in luglio e agosto a causa della notevole umidità e dell’ambiente chiuso tra costoni, l’escursione può essere più disagevole. 

Per raggiungere le Gole del Calore, si percorre l’autostrada SA-RC uscita Battipaglia, quindi si procede lungo la S.S : 18 per Capaccio Scalo, Roccadaspide, Castel San Lorenzo fino a giungere a Felitto.  Per arrivare a Magliano Nuovo si procede per Capaccio vecchio, Trentinara, Monteforte Cilento, Magliano Vetere fino ad arrivare a Magliano Nuovo da dove si possono ammirare le Gole del calore dall’alto.