Quando il Fuoco diventa Arte




    





Categorie




     

Entra nel nuovo sitoweb



http://www.nunziantelangellotto.com/

PIROGRAFIA: NEL SEGNO DEL FUOCO
La Pirografia è l'arte di realizzare immagini sul legno, pelle e su altri materiali usando degli attrezzi  incandescenti: pirografo, pezzi di metallo arroventati o una fiamma libera (tipo cannello).
E' una forma artistica primitiva cioè risale agli albori della civiltà umana.
Non sarebbe utopico immaginare che la scoperta di una primitiva forma di pirografia possa essere avvenuta  nel seguente modo: un uomo primitivo cerca di modellare una pietra o del metallo dinanzi al fuoco; la pietra   di colpo cade nel fuoco, lui la riprende tra le mani, si scotta e per istinto la lancia poco distante.
Nel momento  in cui  la raccoglie si accorge che la pietra ha lasciato un segno su un pezzo di legno sul quale   si era adagiata: una bruciatura…
L’uomo primitivo intuisce di poter realizzare delle incisioni a fuoco sul legno; incide prima dei segni poi delle   figure sempre più complesse; per poi tramandare quest’arte intuita per caso nel corso dei secoli.
Gli studi sulle culture pre e post colombiane hanno evidenziato come la pirografia sia stata usata per  "bruciare" dei progetti decorativi e sacri, su zucche essiccate e su legno.
Degli artisti Europei si riunivano nelle taverne dinanzi ai caminetti e ad una buona bevanda mentre con  verghe di metallo arroventate nel fuoco bruciavano delle immagini nei muri di legno delle taverne.
I cowboy americani incominciarono a marchiare le loro mucche con marchi a fuoco.
Successivamente, con la scoperta dell’elettricità la  pirografia è stata utilizzata maggiormente come mezzo  industriale per imprimere marchi a fuoco su particolari prodotti (tappi in sughero, casse da trasporto, marchi  su borse).  
La scoperta  dell’elettricità ha reso molto più semplice arroventare lo strumento con cui pirografare.

IL PIROGRAFO

Il pirografo è composto da 4 elementi fondamentali:
- un apparecchio elettrico che converte la corrente elettrica di rete in corrente a bassa tensione (un   trasformatore);     
- un variatore di temperatura;
- una penna sulla quale si inseriscono delle punte;
- punte intercambiabili (di varia forma e grandezza);
Il pirografo arroventandosi incide il legno lasciando delle bruciature nelle varie  gradazioni del marrone a   seconda dell’intensità del calore e della pressione esercitata dalla mano.
 
IL SEGNO

Il segno pirografato risulta differente a seconda del legno su cui si vuole realizzare la pirografia.
Con  i legni   teneri  appare   più  o   meno  sbavato   cioè    il  segno  non è  unifor-
me. Il pirografo tende   ad affondare   nel legno poiché lo brucia rapidamente.
Al contrario con i legni duri il segno risulta ben inciso,  preciso, liscio e lucido. 

La pirografia difficilmente ammette gli errori, non è facile correggere una sbavatura.

Nunziante Langellotto           

                                                     

 potete prelevare quest'articolo  solo nominando l'autore e la fonte