Quando il Fuoco diventa Arte




    





Categorie




     Interviste



Intervista tratta da:

Segreti di Pulcinella

rivista di letteratura e cultura varia

Pirografia, quando il fuoco diventa arte: 


Intervista a Nunziante Langellotto
 

Intervista a cura di Massimo Acciai

Confesso di non aver mai sentito parlare di "pirografia" fino al momento in cui Nunziante non mi ha invitato a visitare il suo sito, qualche mese fa. L'idea dell'intervista è stata spontanea da parte mia, visto che mi piace proporre ai nostri lettori argomenti insoliti e curiosi, e non solo. Tutto si è svolto tramite mail; Nunziante mi ha risposto il 4 giugno 2008. Buona lettura.


Per questa intervista prendo spunto dal tuo sito, che dice già molte cose di te. Iniziamo dal tuo percorso di studi…

Per quando riguarda i miei studi mi sono diplomato in Ragioneria con ottimi voti e sto per laurearmi in Giurisprudenza, un tantino in ritardo per varie vicissitudini personali. Per quanto riguarda la mia l'arte, la pirografia, non ho mai frequentato ne scuole e ne corsi, quindi mi ritengo un autodidatta. L'arte in generale mi ha sempre attratto, sin da bambino ho sempre prediletto disegnare, il mio sogno era realizzare dei quadri ad olio.

Come ti sei avvicinato alla pirografia? Quando ne hai sentito parlare? Certo non è una tecnica molto nota, almeno tra noi profani d'arte…

La Pirografia è l'arte di realizzare immagini su legno, pelle e su altri materiali usando degli attrezzi incandescenti: pirografo, pezzi di metallo arroventati o una fiamma.
Tale arte è entrata a far parte della mia vita grazie ad un documentario visto alcuni anni fa in televisione, un'artista esponeva le sue opere e descriveva il modo in cui le realizzava, sono rimasto totalmente affascinato. Il primo contatto con un pirografo, così si chiama il mio attrezzo da lavoro, è avvenuto per caso in un centro commerciale della mia città, Pompei, a marzo 2007, l'ho comprato pur non sapendo se fossi capace di pirografare.
Da ricerche fatte in internet, posso dirti che hai ragione, la pirografia non è molto conosciuta almeno in Italia, benché anche da noi ci siano dei maestri in tale arte.

Quali difficoltà deve affrontare chi vuole iniziare questa tecnica? Dove è possibile apprenderla?

Per chi vuole praticare la pirografia posso affermare che non ci siano particolari difficoltà anche da un punto di vista economico.
Un pirografo non professionale costa pochi euro; le tavole di legno sono facilmente reperibili nei bricocenter o nelle falegnamerie; è richiesta un po' di attitudine al disegno, chi ne è sprovvisto può sempre ricorrere alla carta carbone per ricalcare il disegno da pirografare.
L'unica vera difficoltà riscontrabile è la mancanza di corsi dove poter imparare la pirografia, ma in compenso esistono dei manuali facilmente reperibili in internet che trattano in modo esauriente l'argomento.

Per quanto riguarda i tuoi soggetti, nella galleria presente sul sito si nota una tua preferenza per le tematiche religiose, ma anche esotiche e fantastiche…

L'arte sacra ha sempre avuto un ruolo di rilievo nel mondo artistico italiano, i più grandi artisti si sono cimentati in essa, il connubio Arte e Religione ha dato vita a dei capolavori che in tutto il mondo ci invidiano.
I soggetti delle mie opere vengono da me scelti senza seguire una tematica in particolare, se un soggetto suscita il mio interesse lo riproduco, quanto più è complesso maggiore è la voglia di vederlo realizzato.


E' molto bello anche il tuo omaggio a Caravaggio (il celebre cesto di frutta)…

Il mio omaggio a Caravaggio è nato sia dalla voglia di cimentarmi con colui che reputo uno dei maggiori artisti del passato ma soprattutto nasce dalla curiosità di constatare se fossi stato in grado di ricreare nella mia pirografia le stesse sfumature senza l'ausilio di colori, il risultato a mio modesto parere sembra aver soddisfatto in modo ottimale tale curiosità.


Quali artisti ti hanno influenzato maggiormente?

Se per artisti intendi in generale allora ti posso dire che non c'è un artista che preferisco in particolare, ne del passato e ne contemporaneo, io ricerco il soggetto e non l'artista.
Se per artisti intendi coloro che si occupano di pirografia allora non posso non citare colui che reputo un vero Maestro in tale arte, Luigi Conci, gli sono molto grato sia per i suoi consigli sulla pirografia sia per quelli sulla realizzazione del mio sito.
Il suo modo di pirografare è unico, le sue pirografie ispirate a grandi artisti sono identiche agli originali anche se lui dice che sono solo copie non conformi. E' grazie a lui se oggi posso dire di saper pirografare, anche se per arrivare al suo livello ne devo ancora "bruciare" di legno.

Sul sito è dedicata anche una parte dedicata all'oggettistica, anche questa molto interessante…

In origine, la pirografia è nata come strumento per decorare oggetti, studi sulle culture pre e post colombiane hanno evidenziato come la pirografia sia stata utilizzata per "bruciare" dei progetti, decorativi e sacri, su zucche essiccate e su legno.
I miei oggetti sono complementi di arredo, portagioie, orologi, taglieri, tutti unici nel loro genere poiché anche se riprodotti non potranno mai essere uguali.
La pirografia su oggetti è un ramo di tale arte che trova i maggiori artisti ed estimatori negli Stati Uniti, comunque chi si occupa di pirografia finisce sempre col pirografare anche su oggetti, spinto dal desiderio di fare nuove sperimentazioni.


Nella sezione "lavori in corso" si può vedere più in dettaglio come lavori. Quanto tempo occorre in media per realizzare una pirografia? In particolare, quanto tempo ci hai messo per realizzare quella mostrata in questa parte del sito?

La sezione "lavori in corso" è stata da me ideata proprio con lo scopo di permettere al visitatore del mio sito di comprendere come nascano le mie pirografie, io la definisco un "manuale concentrato" poiché vi sono descritti tutti i passaggi per poter realizzare una pirografia, dal disegno iniziale alla rifinitura finale, in essa spiego i così detti trucchi del mestiere.
Il tempo per realizzare una pirografia dipende, in parte, dalle dimensioni della tavola di legno, ma soprattutto dalla complessità del disegno, la vera pirografia quella che io sto cercando di imparare è fatta di miliardi di puntini e poche linee.
In sintesi ti dico che il tempo può variare da pochi giorni ad alcuni mesi.
La pirografia di cui tu parli, SAMURAI, l'ho realizzata in 4 giorni lavorandoci in media sulle 4 ore giornaliere, ed è una delle più semplici.

Qual è stata la prima mostra a cui hai partecipato? Hai ricordi particolari di una mostra o di un evento?

La prima mostra a cui ho partecipato si è svolta in un paese vicino al mio, Nocera Inferiore (SA), la cosa che mi colpisce ogni volta è lo stupore delle persone quando guardano le mie pirografie, a prima vista credono che siano dei disegni poi avvicinandosi restano incantate dai segni lasciati dal pirografo sulla superficie del legno, tali segni donano alla pirografia un effetto tridimensionale.

A cosa stai lavorando adesso?

Attualmente sono in cantiere due opere.
Dewdrop, goccia di rugiada, un'opera del grande artista Escher, una pirografia molto complessa che sto realizzando mediante la tecnica del puntinismo, la complessità dell'opera risiede maggiormente nel realizzare la goccia d'acqua al centro della foglia. Tale opera è visibile sul mio sito nella sezione "pyrography in progress", sezione in cui posto le foto sul progredire dell'opera che sto realizzando.
Il Vicolo, un disegno da me realizzato avente ad oggetto un vicolo medievale, la difficoltà di tale opera risiede nel dare alla pirografia un effetto notte con le luci e le relative ombre.

Progetti per il futuro?

Un progetto a cui tengo particolarmente sto cercando di realizzarlo con l'aiuto della cooperativa in cui lavoro, Coop sociale "Il Canguro" sita in Scafati (SA), stiamo cercando di realizzare un laboratorio d'arte, dove oltre alle mie pirografie si realizzeranno anche altre forme d'arte. Il mio obbiettivo è realizzare dei corsi di pirografia per far si che tale arte venga conosciuta ed apprezzata in modo più approfondito al pari delle altre arti.

Ti ringrazio, buon lavoro!
Potete prelevare  quest'articolo o parte di esso solo nominando la fonte  e l'autore

Top