statua lignea Policroma del XVIII sec.

| Home Page | Schede Tecniche | Forum | Consulenze | Invia un Commento |


 

Queste pagine sono a cura de 

  Istituto Lignarius


Argomenti Correlati

 Antiche Tecniche
 Manuale di Pittura
 Teoria dei Colori
 Generi pittorici
 La Tempera

 Metodi di Pulitura
 La Craquelure

 I Pigmenti
 I Pigmenti antichi

Restauro dei dipinti

Dipinti su tavola

Pittura su tela

Pittura su tavola

Iconografia

 Solventi e pulitura
 I Solvent Gels
 Uso dei Chelanti
 Uso dei Tensioattivi

Restauro Pala

Montevergine

 Affresco Tecnica

 Restauro di Affresco

 Strappo e Stacco

Restauro di una statua lignea policroma raffigurante santa Filomena del XVII sec.

 

Direzione lavori

Stefano Nespoli - Antonietta Gravina

Oggetto

Statua lignea policroma raffigurante santa Filomena - XVIII secolo

Descrizione

La statua lignea raffigura santa Filomena con in mano una piuma e sul capo una corona di ottone sbalzato. La santa ha una veste di colore verde con bordature e decorazioni dorate, sotto la quale sbuca un abito celeste decorato con piccoli mazzi di fiori policromi. Sulle sue spalle poggiato un manto di colore rosso, anch'esso con bordature dorate. La statua poggia su un basamento di forma rettangolare decorato ad imitazione del lapislazzuli con bordature meccate.

Stato di conservazione

Cadute di colore su tutto il corpo ad eccezione del volto, che appare annerito ma integro. La statua infestata da insetti xilofagi, che hanno causato anche lo sgretolamento di numerose piccole parti. Manca la parte finale di alcune dita della mano destra. Tutta la statua annerita, il basamento riverniciato.

 

Gruppo di lavoro

 

Claudia Borri - Monica Denis

Alessandra Legnaioli - Monica Magnante

Lucia Oliva - Andrea Orgitano - Roberta Tedesco

Intervento di restauro

 

Pulitura

Il colore della statua era annerito da strati di sporco accumulati col tempo. Per la pulitura abbiamo usato ammoniaca, acetone, alcool e acqua in soluzione. In alcune parti siamo intervenuti con l'essenza di trementina, utilizzata sia per la pulitura sia per fermare l'azione corrosiva dei solventi.

L'operazione ha richiesto una particolare attenzione, in quanto lo scopo era quello di rimuovere lo sporco senza intaccare il colore originario sottostante. Per la rimozione delle vernici del basamento abbiamo usato lo sverniciatore; sotto le recenti vernici comparsa una decorazione a finto lapislazzuli con cornici in argento a mecca.

A pulitura ultimata la statua presentava numerose piccole cadute di colore e di parti lignee. Complessivamente siamo riusciti a salvare quasi completamente il colore originario.

 

 

Disinfestazione e consolidamento

Siamo quindi passati alla fase successiva consistente nel consolidamento del supporto in legno e della pittura. Per quanto riguarda il supporto in legno abbiamo innanzi tutto eseguito la disinfestazione, dato che comparivano evidenti tracce di insetti xilofagi.

La disinfestazione stata eseguita impregnando il legno con liquidi antitarlo ecologico e sigillando la statua all'interno di un contenitore che fungeva da camera a gas. Il consolidamento stato effettuato iniettando all'interno dei fori dei tarli e delle fessure paraloid diluito 1 a 5. Abbiamo inoltre effettuato l'incollaggio di frammenti, il consolidamento dello stucco sollevato e fragile con paraloid.

 

 

 

 

Ricostruzione di parti mancanti

Abbiamo ricostruito con legno di cirmolo tutte le parti di legno mancanti. Con gesso di Bologna e colla di coniglio abbiamo stuccato le parti dove il colore era caduto.

Finitura

Dopo aver pareggiato gli stucchi abbiamo eseguito i ritocchi di colore con tempere composte da pigmenti, acqua e colla di coniglio. Le lacune sulle parti dorate sono state colmate con oro zecchino in foglia.

Per il basamento abbiamo ricostruito le mancanze di colore e ripreso le cornici con fogli di argento successivamente meccato.

 

Il fissaggio stato effettuato con vernice "retoucher". La finitura eseguita a cera d'api.


()

| Home Page | Schede Tecniche | Forum | Consulenze | Invia un Commento |

 Ultimo Aggiornamento: 29/03/09.