Il Restauro del Mobile Antico

riparazione di un tavolo Restaurazione

| Home Page | Schede Tecniche | Forum | Consulenze | Invia un Commento |


 

Queste pagine sono curate da  

Milo Soldati restauratore in Trezzano S.N. (Mi)



 

Argomenti correlati

Pulizia superficiale

La Disinfestazione

Trattamento Antitarlo

Il Consolidamento

Lo Smontaggio

Gli incastri

Le deformazioni

L'impiallacciatura

La sverniciatura

La stuccatura

La colorazione

Pulire gli accessori

La finitura del mobile

Finitura a cera

Finitura a Gommalacca

 


 

Sommario della Sezione:

Principi di Restauro

Il Laboratorio

Schede  tecniche

Ricettario

Glossario

 

Tavolo Restaurazione lastronato in noce.

 

Tipo di intervento: RICOSTRUZIONE DEL BASAMENTO.

Stato di conservazione                                                                                                                     

La piattaforma trilobata di sostegno presenta un evidente distruzione nell’ estremità di uno dei terminali.

Il danno, causato da un cane, interessa sia la lastronatura che la struttura sottostante in abete.

 Intervento:

     Dato che il danno interessava in profondità il pezzo l’ intervento è stato diviso in due parti:

L’estremità del basamento era così rovinata da richiedere un intervento drastico. Dopo aver staccato il piede, il pezzo è stato tagliato diagonalmente (rimanendo il più esterni possibile in modo da minimizzare il rifacimento). Il taglio eseguito diagonalmente ha un duplice scopo: Primo, di aumentare la superficie di contatto nella giunzione tra il basamento e il pezzo nuovo;  Secondo, di mimetizzare l’ intervento, in quanto una giunzione tra due parti aventi stessa venatura risulta meno visibile se questa è diagonale e non perpendicolare al senso delle fibre.

Un pezzo in abete opportunamente sagomato è stato poi applicato mediante spinatura per ricostruire la parte mancante.

Per il danno più arretrato invece è stato praticato uno scasso ed applicato un tassello in abete.

In entrambe le ricostruzioni andava ben tenuto presente che lo spessore finale delle parti doveva considerare anche la lastronatura in noce di 2 millimetri , quindi i tasselli in abete dovevano risultare più bassi rispetto al basamento di 2 mm e più stretti di 4 mm ( 2mm per parte); questa considerazione è molto importante per un buon risultato del lavoro.

Per poter ottenere  queste misure precise di applicazione dei tasselli, occorre avvalersi di validi strumenti di misurazione (calibro ) e di taglio. Va comunque considerato che si possono correggere eventuali  errori dopo il fissaggio degli stessi: se lo spessore risulta eccessivo, si può abbassare con l’ ausilio di uno scalpello; se è carente, si può incollare un lastroncino sagomato per aumentarne lo spessore ( intervento che causa un certo dispendio di tempo).

 

Per la ricostruzione dei lastroni in noce non  ci sono particolari difficoltà , solo qualche piccolo accorgimento nell’ ordine di applicazione delle parti; bisogna infatti incollare prima le parti laterali, poi quella frontale e poi le superiori: questo per evitare inestetismi e per ridurre la fragilità dei lastroncini applicati .

Riparazione del piede prima della lucidatura

Per evitare che i lastroni appena incollati si muovano, ci si può avvalere di strisce di scotch di carta .

Eventuali gradini possono essere livellati con uno scalpello o un po’ di carta vetrata; attenzione però a non eccedere, in quanto un abbassamento accessivo rischierebbe di far affiorare la struttura sottostante in abete ( in gergo si dice “andare in terra santa”).

()

| Home Page | Schede Tecniche | Forum | Consulenze | Invia un Commento |

Ultimo Aggiornamento: 29/03/09.