Restauro Oratorio di S. Francesco

in Confortino

| Home Page | Schede Tecniche | Forum | Consulenze | Invia un Commento |


L'iniziativa  La storia Stato attuale Interventi   I Sostenitori



 

Indice

 L'Iniziativa

     Il Comitato

   Testimonianze

 

 La Storia
 Stato attuale

 Interventi

 I Sostenitori


Argomenti Correlati

 Anzola Emilia
 Chiesa di Anzola
 Restauro Crocefisso


Approfondimenti

 Antiche Tecniche
 Manuale di Pittura
 Teoria dei Colori
 Generi pittorici
 La Tempera
 Metodi di Pulitura
 La Craquelure
 I Pigmenti
 I Pigmenti antichi
 Restauro dei dipinti
 Dipinti su tavola
 Pittura su tela
 Pittura su tavola
 Iconografia
 Solventi e pulitura
 I Solvent Gels
 Uso dei Chelanti
 Uso dei Tensioattivi
 Restauro Pala
 Montevergine
 Affresco Tecnica
 Restauro di Affresco
 Strappo e Stacco


Gli Sponsor

 

Fondazione Cassa di Risparmio Bologna

 

Comune di Anzola dell'Emilia

 

Comune di Crespellano

 


Link utili

 


 

ORATORIO DI SAN FRANCESCO IN CONFORTINO

La Storia

 

Qui di seguito riportiamo alcuni cenni storici, curati dalla d.ssa Silvia Rubini,  che riguardano le vicissitudini dell'Oratorio desunte da tradizione e documenti storici, in attesa di inserire la documentazione  inerente le fasi di restauro.

Segnalo che di recente è stato terminato il Restauro di un Crocefisso  in cartapesta del XVIII sec. di proprietà dell'Oratorio stesso. Il crocefisso di autore ignoto, era in condizioni pietose quando è stato portato nei laboratori di Restauro dell'Accademia di Belle Arti di Bologna e sotto la supervisione del prof. Lambertini William è stato restaurato e portato momentaneamente nella chiesa Parrocchiale in attesa che vengano ultimati i lavori di restauro dell'oratorio.

 

La Storia

 

Oratorio di San Francesco in Confortino.

Documenti e tradizione si intrecciano intorno all’origine dell’Oratorio francescano del Confortino.

La tradizione orale vuole infatti che il Santo sia passato da Crespellano in occasione del suo viaggio a Bologna, dove la presenza dei frati membri dell’ordine risale al 1211.

Il passaggio non improbabile di San Francesco in territorio crespellanese potrebbe essere motivo della diffusione precoce del relativo culto, già testimoniato pochi anni dopo la sua morte e canonizzazione dalla fondazione di un primo oratorio a lui dedicato, sito poco fuori dall’abitato.
I

Risulta invece documentata con certezza l’origine dell’Oratorio del Confortino, legata alla figura di Confortino Conforti che possedeva terreni nell’area che ancora oggi ne tramanda il nome: come si evince da uno Stato del Convento dei Padri Minori di San Francesco di Bologna conservato all’Archivio di Stato, il 4 ottobre del 1294 il Conforti aggiunse un codicillo al suo testamento del 1291 e con esso dispose che i suoi eredi avrebbero dovuto fabbricare

 “un convento e chiesa in onore della Beata Vergine e di San Francesco con tutti gli utensili necessari nel suo luogo del Castellare, che ora dicesi Confortino

dove, secondo la sua volontà avrebbero dovuto risiedere stabilmente i Padri Minori di San Francesco.

A questi ultimi Confortino Conforti, col testamento di tre anni prima, aveva già lasciato la cifra di 10 soldi, unitamente alla disposizione di essere sepolto nella loro chiesa di Bologna.

 

Il figlio di Confortino, Melchiorre, fece a sua volta testamento il 13 maggio 1303: poiché nell’atto si nominano i Padri Minori del luogo detto “Castellaro” (ovvero il Confortino), si deduce che la struttura destinata ad ospitarli fosse già stata costruita.

In essa, rispettando l’originaria volontà del Conforti, presero dimora i Padri Minori di San Francesco rimanendovi sino al 1462: in quell’anno papa Pio II emanò una Bolla con la quale soppresse il convento francescano del Confortino, dal quale i frati dovettero partire. Vi rimase solo un rettore, nominato dal Capitolo di Bologna, per la cura spirituale delle anime del luogo.

Vista del Campanile

()


Ma anche quest’ultima figura, stabilmente residente in Confortino, dovette lasciare la chiesa in seguito alle disposizioni contenute in un’ulteriore Bolla, emanata due secoli più tardi (nel 1651) da Innocenzo X: attraverso tale documento, il pontefice proibiva ai Regolari di pernottare nei conventi del contado.

Da quel momento, ad officiare la messa nell’oratorio del Confortino venne inviato un sacerdote secolare, al quale i Padri Minori Conventuali pagavano una cifra pattuita per ogni messa festiva.

I Padri Francescani di Bologna mantennero comunque le proprietà del Confortino, documentate tra l’altro da una bella mappa del XVII secolo conservata in Archivio di Stato.

 

Prospetto laterale con finestre ogivali

Nel 1793 l’oratorio di San Francesco fu venduto a privati: come si evince dal rogito del notaio Annibale Brusa, datato 18 ottobre 1793, i Padri Minori Conventuali di Bologna procedettero alla vendita in favore del marchese senatore Antonio Bovio Silvestri, che l’anno precedente aveva acquistato il Palazzo.

Il marchese, con tale acquisto, si impegnava “a sborsare lire 5000 prezzo del piccolo podere annesso alla Chiesa detta di Confortino”, “a mantenere la Chiesa risarcita e della medesima struttura e grandezza che si trova al presente” e a “fare celebrare la messa tutte le feste dell’anno”.

I Padri di San Francesco mantennero tuttavia il giuspatronato direttivo, così come chiesero fosse esplicitamente espresso attraverso una lapide murata nell’edificio.

Dal 1842, sino alla fine del secolo, l’oratorio appartenne ai marchesi Rusconi, che vi detennero anche il giuspatronato.

Nel resoconto della visita pastorale effettuata nel 1879 dal cardinale Parocchi si legge che l’oratorio di San Francesco d’Assisi in Confortino è officiato dal solo custode. Dal documento si evince l’importanza dell’edificio nella vita quotidiana del luogo, proprio per la posizione in cui è ubicato: trovandosi in una zona di “confine” tra le parrocchie di Anzola, di Pragatto e di Calcara, aveva il compito di raccogliere i parrocchiani delle tre località citate che vivevano lontani dalle rispettive chiese per offrire loro un servizio liturgico. A tal fine, l’arciprete custode si era accordato con gli stessi sugli orari delle funzioni.

Oltre al mantenimento del sacerdote e del campanaro, i marchesi Rusconi si occuparono anche dell’edificio, che nel resoconto del cardinale Morichini (1878) risulta “di fresco restaurato e decente in ogni sua parte”.

Qualche anno più tardi, nel 1886, risulta che la proprietà del palazzo del Confortino e dell’oratorio di San Francesco spettano ai fratelli Garagnani, fu Luigi, dai quali all’inizio del nuovo secolo, più precisamente nel 1911 passarono a Giulio Rocca Lucca di Venezia.

Nell’ottobre del 1951, l’allora proprietario avvocato Giovanni Nagliati Bravi lo donò alla parrocchia di Anzola dell’ Emilia, cui ancora oggi appartiene.

 

 

Descrizione

 

Mentre per il convento le trasformazioni successive rendono difficile individuarne un'origine così antica, la chiesa di San Francesco appare ancora oggi nei suoi tratti originari, nei quali si mescolano influssi romantici e suggestioni di derivazione gotica.

 

La struttura in laterizio ancora oggi visibile appare concepita secondo canoni semplici, in linea con la spiritualità francescana: il prospetto è a capanna,aperto da un portale ogivale e da un oculo vetrato. Il tralcio fitomorfo in cotto che lo orna bordandone la circonferenza costituisce l'unica, delicata concessione alla decorazione in tutto l'esterno dell'edificio.

 

Varcato l'ingresso, il medesimo principio ritorna a regolare lo spazio interno, ad aula unica coperta da capriate lignee con altari alle pareti. Questi ultimi, evidentemente successivi rispetto all'impianto medioevale della chiesa, necessitano di urgenti interventi di restauro.

 

veduta dell'interno

soffitto a capriate lignee

 

 Il primo altare alla sinistra di chi entra mostra l'effige di Sant'Antonio da Padova, francescano di origini portoghesi rappresentato con il suo principale attributo: il giglio, sorretto dal Bambino al cospetto del quale è inginocchiato in preghiera.

 

Sant'Antonio da Padova

Crocifissione

 

Proseguendo sullo stesso lato è visibile la riproduzione fotografica di una bella Pala d'altare riconducibile alla prima metà del Seicento già all'interno della chiesa, in cui è rappresentata una Crocifissione: l'impianto ricorda analoghe opere di Bartolomeo Cesi, col Cristo in Croce al centro della composizione. Ai piedi del Crocifisso l'anonimo artista ha raffigurato la Maddalena: riconoscibile dai lunghi capelli, con i quali asciugò le lacrime con cui aveva bagnato i piedi del Cristo, è rappresentata in atteggiamento dolente mentre si stringe al braccio verticale della Croce. Sul lato destro di quest'ultima è rappresentata la Madonna mentre a sinistra si trova San Francesco. Il buio che oscura l'orizzonte dietro la Croce richiama le Sacre Scritture: nei Vangeli si narra che poco prima della morte di Cristo il cielo si Oscurò e si fece buio su tutta la terra. Gesù si rivolse in quel momento al Padre (il dipinto lo mostra infatti con gli occhi rivolti al cielo) e poco dopo spirò: il candore perlaceo evanescente, del corpo sublima la carne dell'uomo evidenziando la natura divina del Cristo.

 

Pala Altare Maggiore

Sull'Altare Maggiore si conserva un'ancona lignea di impianto Cinquecentesco in cui una mano ancora anonima ha rappresentato una Sacra Conversazione: la Madonna col bambino siedono in trono al centro della composizione attorniati, partendo dalla sinistra di chi guarda, da San Nicola, San Francesco, Sant'Antonio da Padova, una Santa, San Giuseppe e San Giovannino seduto davanti al trono ad introdurre la scena.

Come si evince dal già citato Stato del Convento dei Padri di San Francesco, nel 1788 padre Nicola Cavallini fece restaurare l'altare maggiore ornandolo con un Ciborio, candelieri e nuove cassette per le elemosine; dotò il campanile di due nuove campane che pagò così come gli altri oggetti citati, con il denaro delle "limosene" e per quanto riguarda una delle due campane in particolare, grazie la contributo degli abitanti del luogo.

 



Riferimenti

A. Penzo, La chiesa di S. Francesco sita nella parocchia di S. Savino V.M. di Crespellano,2006

S. Rubini, Il Confortino. Il territorio e i suoi edifici storici nei secoli, Vignola 2007 (ISBN 88-95232-01-2)

 


 

I Sostenitori

 

L’iniziativa è stata resa possibile dalla generosità e disponibilità di numerosi sostenitori, sia pubblici sia privati: tra i pubblici segnaliamo particolarmente l’entusiastica disponibilità da parte della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna e dei Sindaci di Anzola Emilia, Loris Ropa e di Crespellano, Gianni Gamberini.

Le risorse economiche sin qui acquisite consentono la realizzazione di alcuni lavori assolutamente indispensabili; restano però alcune altre opere (restauro del campanile romanico, restauro di alcune opere d’arte interne, impianto di riscaldamento ed illuminazione, sistemazione a parcheggio di eventuali aree esterne)

 



Sito ufficiale
www.oratorioconfortino.it

 


Link utili


 

 

L'iniziativa  La storia Stato attuale Interventi   I Sostenitori

| Home Page | Schede Tecniche | Forum | Consulenze | Invia un Commento |

 Ultimo Aggiornamento: 29/03/09.