corso di Intarsio su Legno

| Home Page | Schede Tecniche | Forum | Consulenze | Invia un Commento |


La Storia

        Parte 1 Parte 2 Parte 3


Queste pagine sono curate da  

Antonio Rubino titolare del laboratorio di restauro presentato sul sito 

Alta Ebanisteria


Indice

La Storia

La Tecnica

Gli Utensili

Le essenze

I Materiali

I Metodi


Esperienze

Intarsio a Buio

Certosino a Toppo

Intarsio a Incastro

Intarsio Pittorico


Argomenti Correlati Restauro dell'Intarsio

Fuseruole e Filetti

Intarsio sorrentino


 

()

 

 

 

Aspetti generali della tecnica

 

L'INTARSIO è una tecnica di decorazione di superfici piane, curve o lievemente accidentate di oggetti in legno. Con questo tipo di lavorazione si personalizzano i mobili, poiché si ottengono degli effetti cromatici non esistenti in natura. Esso si basa sul contrasto armonico di vari toni di tasselli di legno di diverse qualità, ma anche lamine metalliche, argento, scaglie di madreperla, avorio, tartaruga, ecc.

L'intarsio in genere è eseguito dall'intarsiatore ma anche da un ebanista esperto nel disegno, i quali eseguono tagli con l'ausilio di seghetti finissimi, seguendo tutte le sinuosità, le svolte e le morbidezze del disegno ed ottenendone vari pezzi, detti "cavature", talora anche minutissimi, che, a traforo finito, costituiscono le "tessere" per la ricostruzione del disegno originale. In ciascun pacchetto di cavature poi, l'intarsiatore sceglie quella che, per colore, gli occorre alla ricomposizione.

Particolare di un secrètaire Luigi XVI, in boise satinè e amaranto

Particolare di un secrètaire Luigi XVI, in boise satinè e amaranto

 

 

Tipi di intarsi

Particolare di uno scrittoio Luigi XIV lastronato

Particolare di uno scrittoio Luigi XIV lastronato  in corno verde con intarsi in rame, stagno cesellato e in madreperla

  • certosina: in cui vengono impiegate piccole tarsie di massello con essenze chiare e scure applicate a toppa.

  • marquetterie: è forse la tecnica più utilizzata, sovrapponendo fogli di varie essenze con uguale spessore e dimensione, con una sola operazione di taglio si ottiene il negativo e il positivo del disegno.

  • intarsio pirografato: è una tecnica di lavorazione che consiste nell'eseguire il disegno incidendo la superficie con una punta arroventata, ciò naturalmente non si addice ad un mobile d'arte.

 

 

Gli strumenti

L'arte dell'intarsio è molto antica, la si fà risalire a circa 3000 anni fa nell'Egitto, dove la si realizzava corrodendo con acidi il legno. La tecnica è molto migliorata nell'800 e '900 con l'uso di finissime lame e seghette azionate a mano o a pedale.

Oggi per fortuna, gli strumenti sono molto migliorati, quasi all'inverosimile, per cui a livello professionale si utilizzano macchine traforatici alternative azionate a motore, con le quali è possibile ottenere una precisione elevatissima anche su grossi spessori di legno, unita ad un'elevata velocità di esecuzione

Intarsio: seghetto a mano (traforo)

Intarsio: seghetto a pedali Intarsio: moderna macchina traforatrice

La Storia

        Parte 1 Parte 2 Parte 3


| Home Page | Schede Tecniche | Forum | Consulenze | Invia un Commento |

 Ultimo Aggiornamento: 29/03/09.