le facciate dipinte ad Acqui Terme

| Home Page | Schede Tecniche | Forum | Consulenze | Invia un Commento |


 

           

A cura di

arch. Antonella Caldini

 


 

Tratto dal libro

Il centro storico di Acqui Terme. I diversi momenti di una rinascita complessiva, De Ferrari Editore, Genova, 2003, pp.213-226

 Antonella Caldini

 Considerazioni sul recupero delle facciate dipinte del centro storico acquese, in Alberto Pirni (a cura di),


 

Restauro architettonico 

  San Vito a Morsasco

Palazzo Levi

Palazzo Madama Rossi

Le facciate dipinte

Palazzo Migliazzi

Fabbricato a Morsasco

S. Rocco a Felizzano


Link Utili


 

Considerazioni sul recupero delle facciate dipinte del centro storico acquese

 

1. Il cambiamento urbanistico della città e l’usanza di decorare le facciate

 Ad Acqui i primi esempi di facciate dipinte risalgono a prima del XIX secolo e sono contraddistinti da semplici motivi decorativi e da un uso del colore finalizzato alla ripartizione delle bucature. L’usanza vera e propria di

decorare le facciate con motivi più complessi, a temi geometrici o floreali[1], risale al pieno Ottocento e fa seguito ad alcuni importanti avvenimenti urbanistici che modificarono radicalmente l’assetto della città, favorendone il  potenziamento a livello turistico e termale.

[1] Sono pochi gli esempi di facciate acquesi decorate a temi figurativi: tuttora visibili, sebbene recentemente ristrutturati, quelli sul prospetto di un edificio di Piazza Bollente, non più visibili, invece, (poiché recentemente rimossi a seguito dei lavori di ristrutturazione) quelli dell’edificio contiguo a Palazzo Radicati, su Via Conciliazione.

Ripercorrere la cronologia di questi avvenimenti permette di scoprire su quali aree si venne maggiormente a diffondere l’usanza delle facciate dipinte e per quali motivi.

 

Particolare della decorazione sopra finestra di una facciata: prima e dopo l'ultimo intervento di ristrutturazione edilizia

 

 

Risale al 1731 l’istituzione del ghetto israelitico su Piazza Bollente[2], il cui realizzo richiese ad una vera e propria impresa di ristrutturazione ed adeguamento dei singoli edifici alla nuova destinazione: ne derivò una parcellizzazione dell’intera piazza così fitta da non trovare precedenti.

[2] «tutti gli Ebrei che abitavano sparsamente nella Città; ed anche quei pochi che dimoravano nel luogo di Monastero dovettero riunirsi nel Ghetto che per ordinato civico del 5 luglio 1731 fu fissato attorno alla piazza del mercato dove esiste la fontana dell’acqua bollente», B. Biorci, Storia d’Acqui, Ed. F.Rossi, Tortona, 1818, p. 216.

La successiva abolizione del ghetto (prima metà dell’Ottocento), attuata attraverso l’esproprio e l’abbattimento di buona parte delle vecchie case degli ebrei, rese evidente la necessità di ridefinire l’assetto della piazza anche grazie ad una nuova politica tesa a rilanciarne l’immagine.

Tra il 1780 e il 1781 si assiste alla copertura del corso del torrente Medrio e alla nascita di Strada Nuova (attuale Corso Italia) che si prepara a diventare uno dei maggiori assi viari di rappresentanza. Prima di questo avvenimento la via delineava il corso di un torrente divenuto, nel tempo, luogo di scarico dei liquami cittadini, quindi nessun affaccio o ingresso carraio vi si rivolgeva direttamente. In seguito, però, vista la nuova destinazione, fu stabilito il ripristino degli affacci precedentemente chiusi e il decoro dei singoli prospetti.

Intorno ai primi decenni dell’Ottocento si assiste alla demolizione della cinta muraria e alla progressiva espansione verso le aree abbattute, la parte più antica della città viene abbandonata e le funzioni politiche ed amministrative vengono decentrate dal vecchio borgo Pisterna verso i borghi Nuovo e San Pietro. Proprio su borgo San Pietro si sviluppa l’antico percorso romano del decumano massimo (attuale Via Garibaldi), il cui collegamento con Piazza Bollente avveniva attraverso un ponte sul torrente Medrio; tuttavia solo quando quest'ultimo fu definitivamente coperto e deviato l'unione tra le vie si consolidò.

Ritengo che la tradizione delle facciate decorate si sia sviluppata maggiormente lungo questi percorsi, per il fatto che svolsero un ruolo fortemente catalizzatore nella rappresentazione della città e nel rilancio della sua immagine turistica, contribuendo in questo modo anche al  potenziamento delle attività ricettive e termali


Link Utili


 

           

()

| Home Page | Schede Tecniche | Forum | Consulenze | Invia un Commento |

 Ultimo Aggiornamento: 04/04/09.