Il Restauro del Mobile Antico

 

le essenze Dure

dalla a alla m

| Home Page | Schede Tecniche | Forum | Consulenze | Invia un Commento |


 

Le Essenze

Acero

Agrifoglio

Bosso 

Castagno

Ciliegio

Ebano

Faggio

Frassino

Iroko

Mogano

Argomenti Correlati

Il Legno

Le Essenze dure dalla a- m

Le Essenze  dure dalla n alla z

Le Essenze Tenere

I difetti del legno

Patologia del Legno

Il legno nei secoli

Legno e Umidità

Sommario della Sezione:

 

Principi di Restauro

Il Laboratorio

Schede  tecniche

Ricettario

Glossario

 

Acero

 

  Acero Montano

 

 

Descrizione

E' un legno duro di colore rosastro con venature ondulate, ma lo si trova anche bianco giallastro a occhio  d'uccello (occhiolinato: piccole macchioline  simili, appunto ad occhi d'uccello). Questa specie  venne utilizzata per la tecnica dell'intarsio durante il XVIII e XIX sec., soprattutto in America  e nella Nuova Inghilterra, zone di grande produzione.

 

Caratteristiche

Provenienza: Legno nazionale, cresce spontaneamente nelle zone appenniniche fino a 1500 metri di altezza.

Aspetto: colore chiaro, lucentezza satinata, tessitura fine, fibre ravvicinate e talvolta ondulate

Durezza: media

Resistenza all'urto: media

Segagione: agevole

Stagionatura: buona e se eseguita lentamente, piuttosto stabile

Unione con chiodi e viti: agevole e di discreta tenuta

Unione a colla: non mostra problemi

Piallatura: agevole

Finiture: riceve ottimo pulimento e brillante lucidatura

Considerazioni

E' un legno dal quale si possono ricavare piallacci occhiolinati di particolare resa estetica ma è molto usato anche per le parti in massello. Si ottengono  mobili di lusso

 

Agrifoglio

immagine non disponibile

 

E' un legno di colore bianco, forse il più bianco esistente, pesante, dalla vena compatta . Cresce ovunque ma raggiunge il suo maggior sviluppo nelle zone temperate e calde. E' usato nel XVII sec. per inserti, impiallacciatura e lavori di tornitura. La sua qualità più importante è che può essere verniciato in qualsiasi maniera. Per questa sua peculiarità, tinto in nero, sostituisce egregiamente l' ebano. Nel restauro è solitamente usato per applicazioni ed inserti ed elementi torniti. Se non si ha a disposizione questo legno possono essere utilizzati al suo posto la maggior parte dei legni duri di colore chiaro e dalla vena compatta, che non abbiano caratteristiche particolari.

Bosso

  Bosso

 

Descrizione

Di origine orientale, particolarmente adatto, per la sua durezza a lavori di tornitura, per tarsie e per piccole sculture.

 

Caratteristiche

Provenienza: una specie di questo legno ha anche origine europea (bosso europeo) difficilmente lo si trova allo stato spontaneo.

Aspetto: colore biondo, tessitura finissima e regolare, fibratura elevata.

Durezza: elevata

Resistenza all'urto: mediocre

Segagione: difficoltosa a causa della elevata durezza del legno

Stagionatura: lenta per evitare fenditure e deformazioni

Unione con chiodi e viti: disagevole (occorre preparare prima la sede)

Unione a colla: non molto buona

Piallatura: faticosa ma di elevata resa estetica

Finiture: di facile esecuzione e di ottima riuscita

 

Considerazioni

Ottimo legno per lavorazioni al tornio e per l'intaglio. Molto usato per lavori di tarsia.

 

Castagno

 

  Castagno  

 

Descrizione

Giallo fulvo, abbastanza duro, ma di buona conservazione e utilizzato per mobili modesti per pavimenti e persiane.

 

Caratteristiche

Provenienza: legno indigeno diffuso in tutta la fascia appenninica.

Aspetto: colore chiaro rosato, fibre solitamente diritte, a volte spiralate.Ha alto contenuto di tannino.

Durezza:media

Resistenza all'urto: mediocre

Segagione: agevole

Stagionatura: lenta per evitare fenditure e deformazioni

Unione con chiodi e viti: semplice da eseguire ma non di eccellente tenuta

Unione a colla:  buona

Piallatura:agevole ma non di ottimi risultati 

Finiture: la lucidatura ha buona resa estetica, ma necessita di una accurata chiusura dei pori

 

Considerazioni

essendo un legno di ampia diffusione è utilizzato nelle nostre zone per svariati scopi.

 

Ciliegio

  Ciliegio

 

Descrizione

E' un legno medio duro  (ciliegio dolce) molto usato in alcune zone d' Italia (Piemonte, Emilia) per costruire mobili in massello, meno usato come impiallacciatura. usato molto dai tornitori per fare le gambe dei tavoli e caratteristico anche dei mobili popolari francesi.

 

Ebano

 

 

Ebano

 

Descrizione

E' un legno di colore nero intenso illuminato da riflessi rosso cupo , la cui origine può essere riferita all'Africa, India, Cava e al Madagascar . Si screpola difficilmente, poiché la sua grana fine lo rende compatto e durissimo.  Considerato fin da tempi antichi (egizi e romani) un legno prezioso, venne quindi utilizzato per mobili o oggetti di gran valore.

 

Caratteristiche

Provenienza: fascia tropico equatoriale dell'Asia; savane e steppe alberate dell'Africa Orientale.

Aspetto: colore dal nero al nero-rossastro, tessitura fine, fibre prevalentemente diritte.

Durezza: assai elevata

Resistenza all'urto: mediocre

Segagione: difficoltosa (rovina la lama delle seghe) meglio se effettuata quando il legno non è ancora stagionato

Stagionatura: lunga e difficile; sconsigliata l' essiccazione artificiale che può provocare fessurazioni.

Unione con chiodi e viti: assai ardua e di poca tenuta: preparare sempre la sede

Unione a colla: buona

Piallatura: difficoltosa ma di ottima resa estetica (attenzione, la segatura di ebano è irritante) ottima resa alla tornitura

Finiture: l'ebano viene finito normalmente a cera e da ottimi risultati.

 

Considerazioni

Fra gli ebani asiatici, i più pregiati sono l'indiano, ed il Maccassar: quest' ultimo presenta evidenti marezzature. Fra gli ebani africani quello di Zanzibar e del Senegal. L'ebano è usato per ebanisteria, tornitura ed impiallacciatura decorativa.

 

Faggio

 

Faggio

 

Descrizione

E' un legno semiduro e compatto,venato un modo uniforme,di colore crema chiaro che muta in rosa se trattato a vapore.Si distingue per chiazze piccole e lucide radunate in alcune parti e visibili anche se l' essenza viene colorata. Utilizzato in passato per le famose creazioni di Thonet , per le parti interne dei mobili e per le strutture degli imbottiti. Purtroppo, viene facilmente aggredito  dai parassiti con tale frequenza da dover essere a volte sostituito. In alternativa si può usare il frassino o il noce americano.

 

Caratteristiche

Provenienza: legno indigeni diffuso su Alpi ed Appennini 

Aspetto:colore da biondo a biondo - rossiccio, tessitura fine e regolari, fibre generalmente diritte.

Durezza: medio  -alta 

Resistenza all'urto:medio  -alta 

Segagione:agevole

Stagionatura: lenta per evitare fessurazioni, deformazioni e velocissimi ritiri

Unione con chiodi e viti:di discreta tenuta (è consigliabile , preparare le sedi ). 

Unione a colla: buone 

Piallatura: agevole e di buona resa

Finiture: senza problemi. Molto diffuso il faggio vaporizzato, con tonalità rossastra.

 

Considerazioni

Il faggio è usatissimo in molti campi,dall'ebanisteria all' industria cartaria. Data la sua flessibilità il faggio era tradizionalmente utilizzato per le ruote dei carri; merito di Thonnet fu di applicare la piegatura a vapore del faggio anche nell'industria mobiliera ( notissime sono le sue sedie).  Raramente il faggio è usato come legno finito per i mobili, sono prodotti invece le carcasse e componenti strutturali. In passato era usato per mobili rustici o mobili che poi venivano dipinti. E' usato anche in  imitazione di legni più pregiati.  

 

Frassino

 

Frassino

 

Descrizione

Il frassino è un legno robusto e flessibile, usato più per le sue caratteristiche tecniche che per l'aspetto. E' un legno dalla colorazione abbastanza chiara che varia dal bianco grigiastro al marrone chiaro. Si piega e si lavora bene ed è usato per semplici mobili rustici. E' difficile la colorazione di pezzi nuovi usati come integrazione in un lavoro di restauro, perciò conviene sempre usare legno vecchio. Alcuni tagli di olmo e castagno assomigliano al frassino e possono essere usati in alternativa.

 

Caratteristiche

Provenienza: foreste di latifoglie di pianura, soprattutto vicino ai corsi d'acqua 

Aspetto:colore biondo - rosato, tessitura medio larga, fibre diritte e regolari.

Durezza: media 

Resistenza all'urto: buona, si flette senza spaccarsi 

Segagione:molto agevole

Stagionatura: discreta; tende a deformarsi e fessurarsi alla fine delle fibre.

Unione con chiodi e viti: agevole e di buona tenuta preparando la sede in precedenza

Unione a colla: agevole e di buona tenuta 

Piallatura: senza problemi 

Finiture: eccellenti: la lucidatura necessita di una ccurato riempimento dei pori

 

Considerazioni

usato in falegnameria e per la costruzione di utensili e attrezzature sportive 

 

Iroko

Iroko

 

Caratteristiche

Provenienza: foreste equatoriali africane 

Aspetto:colore giallo-bruno, talvolta variegato, dopo la stagionatura; tessitura media, fibre non sempre regolari.

Durezza: medio  -alta 

Resistenza all'urto:medio  -bassa 

Segagione:abbastanza agevole; la presenza di concrezioni minerali può renderla più difficoltosa.

Stagionatura: ottima con qualunque procedimento

Unione con chiodi e viti: agevole e di buona tenuta

Unione a colla: agevole e di buona tenuta 

Piallatura: abbastanza agevole, se non vi sono concrezioni calcare; la segatura dell'iroko è irritante

Finiture: con un  accurato riempimento dei pori, la lucidatura da buoni risultati; non usare vernici a base di olio di lino.

 

Considerazioni

usato in falegnameria di qualità per interni e pavimentazioni. Molto utilizzati i tranciati.  

 

Mogano

Mogano

 

Descrizione

E' un legno duro e resistente dal colore marrone rossiccio riccamente venato. ha grana fine ed uniforme, proprio per la sua compattezza venne preferito al noce, in quanto particolarmente adatto per intagli e finiture raffinate. Utilizzato fin dalla prima metà del XVIII  sec. in Inghilterra e in particolare durante tutto il XIX sec.soprattutto dai francesi che, con questa essenza diedero vita ad esemplari in stile Luigi XVI, Direttorio e Impero di notevole fattura. Questo legno venne inizialmente importato da Cuba o dall' Honduras, ma in tempi più recenti, essendo il mogano cubano quasi introvabile, e il secondo esageratamente costoso, venne fornito dall'Africa e dalle Filippine.Questi ultimi sono di qualità assai inferiore e mancano di venature. Per distinguere il vero mogano, basta inumidire una parte non lucidata (retro di un cassetto o il sotto di un piano) , questa assumerà una gradazione molto scura , mentre quello filippino diventerà chiaro-rosato e l'africano si mostrerà di un colore intermedio.

 

Caratteristiche

Provenienza: America Centrale

Aspetto: colore giallo rosato che vira al rosso bruno dorato se esposto all' aria , tessitura variabile, fibre spesso  intrecciate o ondulate con particolare effetto decorativo

Durezza: medio  

Resistenza all'urto:discreta 

Segagione:agevole

Stagionatura: buona

Unione con chiodi e viti: agevole e di buona tenuta 

Unione a colla: agevole 

Piallatura: senza difficoltà,dà buoni risultati 

Finiture: ottime

 

Considerazioni

Venne largamente impiegato nel corso del XVII secolo nell' ebanisteria inglese e nello stile Impero francese. Assai spesso sostituì il più pregiato Mogano di Cuba, ormai quasi introvabile.

 

Le informazioni sopra riportate sono state pazientemente tratte da documentazioni tecniche e da internet

( ...... continua ..... )

()

| Home Page | Schede Tecniche | Forum | Consulenze | Invia un Commento |

Ultimo Aggiornamento: 29/03/09.