gli artisti della galleria Artanda

| Home Page | Schede Tecniche | Forum | Consulenze | Invia un Commento |


 ARTISTI IN PERMANENZA NELLA GALLERIA ARTANDA

 

Galleria Artanda

vai al sito ufficiale di Galleria Artanda

 

di

 Carmelina Barbato

 

ACQUI TERME,

VIA ALLA BOLLENTE 11

 

TEL. 0144/325479

CELL.380/2922098

 

()

 

Gli Artisti della Galleria

 Carmelina Barbato
 Renato Allegro
 Gian Carlo Moncalvo
 Valentina Delli Ponti
 SantaGà
 Giorgio Gatto
 Carlo Merello
 Ruggero Radaele
 Victor Simonetti
 Benvenuto Succi
 Franco Vasconi
 Simone Fareri
 Elisabetta Chiappino
 Peter Nussbaum
 Hans Faes

Torna alla Galleria

 

  

 Hans Faes

Nato in Svizzera nel 1949, dal 1988  residente a Cessole. Gli studi di disegnatore  e  di ingegneria influiscono sulle forme e la tecnica dei quadri costruiti instrati di colori sovrapposti

 

 

H. Faes  Regione Sampò 2  14050 Cessole, Asti

Tel. 0144 80164             email:  hfaes@libero.it

 

La produzione pittorica di Hans Faes si gioca tutta sopra un doppio registro che, di volta in volta, vede la fantasmagoria dei colori o il tratto definito ed inciso, la linea curva, prestarsi ad infinite e stupefatte interpretazioni di un mondo che l'autore ha largamente gustato, sedimentato, franto e ricomposto.

 

Non a caso Faes, per le sue opere, ripudia i titoli: titoli che, indicando un intento o un disegno che non c'é e non c'é stato, limiterebbero la massima libertà interpretativa dello spettatore. Il segno e la macchia recitano così un'arcana partita, densa di suggestioni ed inviti, senza che mai l'autore si riveli, senza che mai il colore e la linea si decidano a lasciare testimonianze: di una fede, di una partecipazione, di un urlo o di un grido che ci faccia trasalire ed approdare a qualche certezza.

I rari volti che qua e là talora emergono dai fondi opachi della notte o da quelli persi dell'inferno sono facce senza nome e senza età, enigmatici, e - li diresti - pure occorrenze incidentali: così come le case di alcune tele poste in sequenza richiamano ad una "unreal city" piuttosto che cedere e alludere a qualche riferimento della memoria. E ti pare allora che nell'informe materia trattata dalla spatola e dal pennello, ti accada, d'improvviso, di sorprendere la Natura stessa, con i suoi semplici, impassibili mezzi, intenta a mimare il Creatore.

Ecco sgorgare così da un verde primordiale cespugli di lamiera o esplodere dal blu di Prussia i fiammati di oniriche galassie.
Rispetto a quanto dicemmo di lui in anni passati, crediamo di cogliere oggi nelle opere di Hans Faes un sempre più marcato e significativo abbandono di ogni mezzo figurativo, e, parimenti, la ricerca di una maggiore espressività affidata al colore, "specchio dell'anima"; tale intensità cromatica è stata raggiunta soprattutto attraverso una ricerca strumentale, che lo ha portato a privilegiare una materia pittorica più corposa e rilevata, più aggettante e aggressiva, grazie alla quale la luce gioca con infinite nuances di chiaroscuri sul travagliato ordito della tela.

di Riccardo Brondolo estratto da "L'Ancora", settimanale di informazione acquese

 

ARTISTI IN PERMANENZA NELLA GALLERIA ARTANDA

 


| Home Page | Schede Tecniche | Forum | Consulenze | Invia un Commento |

 Ultimo Aggiornamento: 29/03/09.