Il Restauro del Mobile Antico

analisi Critica

| Home Page | Schede Tecniche | Forum | Consulenze | Invia un Commento |


Argomenti correlati

 

Per Iniziare

Analisi Critica

Regole del Restauro

 

Approfondimenti

Le Colle

Lo Stucco 

Lo Sverniciatore

I Mordenti

Schiarire il legno

La Cera 

La Gommalacca

Gli Olii

I Consolidanti

I Solventi

I Tensioattivi

Finitura dei Mobili

Sommario della Sezione:

Principi di Restauro

Il Laboratorio

Schede  tecniche

Ricettario

Glossario

 

 

 

E' importantissimo effettuare un'analisi dell'oggetto da restaurare per individuarne epoca e stile, valutare i danni e progettare eventuali interventi, escludendo qualsiasi intromissione a livello formale e stilistico. Il restauratore deve attenersi alle regole etico-comportamentali che diverranno "guida" per l'esecuzione dell'opera. Da questa attenta analisi scaturirà la scelta tipologica e dei materiali più idonei poiché non sempre un buon restauro abbisogna di tutte le fasi della lavorazione.

Iniziamo così la nostra avventura facendo un piccolo esame di coscienza quando, trovandoci di fronte al pezzo da restaurare, chiuse alle spalle le porte del nostro laboratorio,  cerchiamo di annotare gli interventi necessari e quindi capire se saremo in grado o meno di farlo da soli. Non conviene partire con un lavoro che temiamo di non essere in grado di completare, per due motivi: uno economico, nel senso che eventuali danni fatti da noi, se corretti da un restauratore professionista ci costeranno cari. Il secondo motivo riguarda il nostro amor proprio. Un fallimento ci porterebbe a scoraggiarci e abbandonare in breve la nostra attività. 

Pulizia superficiale 1
Trattamento antitarlo 1/2
Consolidamento 3
Sverniciatura con sverniciatore 1/2
Smontaggio 3
Ricostruzione parti mancanti 4/5
Ricostruzione impiallacciatura 4
Ricostruzione delle guide dei cassetti 3
Stuccatura con terre colorate e gesso 3
Stuccatura a cera  1
Levigatura 2
Rivestimento a stoffa dei cassetti  3/4
Rivestimento a carta dei cassetti 2
Lucidatura a metodo misto  2
Lucidatura a stoppino 4/5
Lavorazione a foglia d'oro 5
()

Nella seguente tabella cerco di codificare la fattibilità e quindi la difficoltà di ogni probabile intervento possa richiedere il nostro manufatto: nella colonna di sinistra ho riportato una breve descrizione del tipo di intervento che riteniamo si debba effettuare, e nella colonna di destra ho inserito il grado di difficoltà su una scala da 1 a 5 dove possiamo definire la difficoltà:

1: facile, alla portata di tutti

2: richiede una certa pratica del faidate

3: difficile

4: molto difficile

5: solo per addetti ai lavori

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Argomenti correlati

Per Iniziare

Analisi Critica

Regole del Restauro

Selezione dal Forum


Selezione dal Forum

Credenza: come procedere?
Mi piace lavorare con il legno (ho costruito qualche mobiletto, faccio modellini di navi), ma non ho mai provato a restaurare qualche vecchio mobile, adesso mi è capitata fra le mani una vecchia credenza recuperata in una nostra casa di campagna e l'idea di rimetterla su mi stimola abbastanza. 
Come prima cosa pensavo ad un trattamento antitarlo iniettando il prodotto con delle siringhe e chiudendo i vari pezzi in della plastica per un po' di giorni. Ma per il seguito ho un po' di dubbi.
Si tratta di un mobile impiallacciato con alcuni pannelli in massello e manca una delle colonnine decorative 
come dovrei procedere???


Giampiero domenica 24 febbraio 2002 - 13.13.24 

Risponde: Pino
Prima di tutto devi completare l'analisi del mobile e fornire qualche notizia in più. In particolare, dopo aver stabilito che c'è qualche tarlo, è bene verificare quali danni abbia, quindi se la struttura è solida i piedi sani, le ante chiudono bene, i cassetti hanno le guide buone, gli incastri fermi, le fodere ben fissate e sane. Poi verifica che non abbia subito sostituzioni, manomissioni e restauri e se si domandati se sono bene eseguiti con l'essenza corretta e se si possono conservare. Poi osserva la parte decorativa: impiallacciature mancanti (della colonnina hai già detto), ferramenta (maniglie, pomoli cerniere, serrature chiavi), quindi analizza la finitura per stabilire quale fosse quella originale (cera, mezza cera, gommalacca od altro). Fatto tutto questo stila un elenco degli interventi di riparazione da effettuare. Dalle riparazioni dipende l'impostazione del lavoro anche con riferimento alla finitura, poiché se hai necessità di sostituzioni (colonnina ad esempio) devi programmare interventi con mordente per uniformare le tinte.
Una volta stabilito di cosa il mobile ha bisogno consulta le varie parti del sito per farti un'idea di come procedere e se hai dubbi facci sapere. 

Buon lavoro. domenica 24 febbraio 2002 - 20.33.18 

 

 

 


 

| Home Page | Schede Tecniche | Forum | Consulenze | Invia un Commento |

Ultimo Aggiornamento: 29/03/09