I miei libri
           
                                                                                             ATTENZIONE

Sarà disponibile dal 4 giugno 2012 il saggio "Il terremoto del 1832 nel Marchesato Crotonese - I danni e la ricostruzione di Caccuri". Chi è interessato all'acquisto può richiederlo direttamente al webmaster.  Il costo è di 8 euro. 
Recapiti: 
0984 998126 - 334 7984638 - mail marino50@libero.it

 Un saggio sul terremoto del 1832
 Il nuovo libro di Peppino Marino

"E’ in questo contesto che, all’1,35 dell’8 marzo 1832  una violentissima scossa di terremoto del X grado della scala MCS che si protrae per 11 interminabili secondi, fa tremare dalle fondamenta la Calabria centrale e soprattutto il Marchesato di Crotone. In pochi attimi decine e decine di abitazioni,  da Cutro a Marcedusa, da Isola Capo Rizzuto a Caccuri, da Petilia Policastro a Roccaferdinandea (l’attuale Rocca di Neto), crollano al suolo, seppellendo sotto le macerie  centinaia di morti, mentre altre risulteranno danneggiate più o meno gravemente."
    
G. Marino - Il terremoto del 1832 nel Marchesato Crotonese 

  

            

   Uscirà nei prossimi giorni, presso l'Editoriale progetto 2000 di Cosenza, nella collana Città e paesi di Calabria, il nuovo libro del webmaster di questo sito. Si tratta di un saggio storico dal titolo Il terremoto del 1832 nel Marchesato Crotonese - I danni e la ricostruzione di Caccuri e si avvale della presentazione del professor Massimo Veltri, docente dell'Università della Calabria, dipartimento Difesa del suolo. L'opera ricostruisce  minuziosamente i danni prodotti dal terremoto del marzo del 1832 che sconvolse una vasta area della Calabria, danni prodotti a Catanzaro, Nicastro, Cutro, Santa Severina, Crotone, Mesoraca, Petilia, Caccuri e in altri centri dell'antico Marchesato, i morti, le devastazioni delle infrastrutture e l'opera di ricostruzione delle popolazioni e della burocrazia borbonica, con particolare riferimento alle vicende di Caccuri, Cutro, Mesoraca e altri paesi della zona. 
   Il prezzo di copertina del volume è 8 euro. Chi fosse interessato all'acquisto può prenotarlo sin da ora scrivendo al webmaster a questo indirizzo: marino50@libero.it. 

Così come Placanica si fa leggere come un romanzo, tanto è scorrevole e ammaliante, così Marino risulta frizzante e piacevole, pagina dopo pagina.
     
Dalla presentazione di Massimo Veltri

 

 

   Negli anni '80 e '90 ho scritto due volumi sulla storia di Caccuri mettendo insieme alcune notizie sparse tratte da antichi testi e documenti che mi sono capitati tra le mani. Sono libri che non hanno la pretesa di ricostruire fedelmente le storia di questo umile , ma,  nel contempo, illustre borgo; vogliono solo costituire una provocazione affinché altri possano interessarsene, magari con più profitto.

                 In viaggio per una vita migliore

                  Dal sito italiangenealogy.tardio.com  

Il primo, scritto nel 1983, ha per titolo "Caccuri e la sua Storia" e ricostruisce le vicende che vanno dalla fondazione della cittadina alla fine del XIX° secolo

                       

      Il secondo, che ha per titolo "Caccuri nella Storia" che è stato scritto nel 1993, descrive le lotte, le vittorie e le sconfitte dei combattenti reduci della "Grande       guerra nella loro battaglia per la rottura del latifondo e l'assegnazione delle terre incolte. Abbraccia un periodo storico che va dal 1919 al 1950.

                      

 

    Nel 2003 ho scritto il mio terzo libro, "Cronache di poveri briganti - Il brigantaggio nel XIX secolo a Caccuri e dintorni", Pubblisfera Ed., Luglio 2003,  presentazione del prof. Cesare Mulè, disegni di Daniela Secchiari.  Si tratta di  un saggio sul brigantaggio antifrancese dell'inizio del XIX secolo, su quello criminale e su quello anti unitario che oppose una parte consistente della popolazione meridionale ai "Piemontesi", ritenuti invasori e avversati per la loro politica  di nuove tasse e intollerabili balzelli. Il  libro,  frutto della consultazione di centinaia di fascicoli penali presenti negli archivi di Stato di Catanzaro e Cosenza e degli archivi dello stato civile di alcuni comuni della zona, ricostruisce centinaia di episodi di brigantaggio in gran parte inediti e  le biografie di decine di briganti locali.  un saggio sul brigantaggio antifrancese dell'inizio del XIX secolo, su quello criminale e su quello anti unitario che oppose una parte consistente della popolazione meridionale ai "Piemontesi", ritenuti invasori e avversati per la loro politica  di nuove tasse e intollerabili balzelli. Il  libro,  frutto della consultazione di centinaia di fascicoli penali presenti negli archivi di Stato di Catanzaro e Cosenza e degli archivi dello stato civile di alcuni comuni della zona, ricostruisce centinaia di episodi di brigantaggio in gran parte inediti e  le biografie di decine di briganti locali.   Per la critica clicca      qui  

                

 

L'ultimo libro  

Ne 2005 mi sono cimentato col romanzo storico e, proprio in questi giorni, è uscito il volume "In viaggio per una vita migliore - Storie di emigrazione e  di lotta", Mariano Spina editore. Si tratta di un romanzo storico nel quale le vicende di otto giovani caccuresi che, nel lontano 1906, si avventurano in un viaggio verso gli Stati Uniti in cerca di fortuna, si intrecciano con quelle di centinaia di braccianti che rimangono in patria e avviano lotte durissime contro gli agrari che li sfruttano nella speranza di riuscire a migliorare le loro misere condizioni di vita. L'opera, edita da Mariano Spina editore è in vendita al prezzo di 7 € e può essere richiesta anche direttamente all'autore inviando una e mail all'indirizzo  marino50@libero.it.

                                                                      

                                                                                                     
                                                                                                             
 
La trama

  Settembre 1906: otto giovani caccuresi intraprendono un lungo e avventuroso viaggio per l’America affrontando pericoli e privazioni nella speranza di poter, finalmente, cambiare la loro vita e liberarsi dalla miseria e dallo sfruttamento che li avevano sempre accompagnati nel corso della loro esistenza. Mentre su di una corriera sgangherata e su di un treno a vapore raggiungono Napoli per l’imbarco, si imbattono, più volte, in una inquietante presenza: quella di un prepotente agrario caccurese col quale si scontrano ripetutamente. Quale sarà mai lo scopo del viaggio di don Pasquale a Napoli, sullo stesso treno, anche se in prima classe, mentre gli emigrati si accingono a varcare l’oceano?

Contemporaneamente molti loro paesani, braccianti agricoli rimasti a Caccuri, iniziano, anch’essi, un duro e pericoloso “viaggio” che dovrebbe migliorare le loro tristi condizioni di vita. I due “viaggi” cambieranno l’esistenza di questa povera umanità, ma quanti sacrifici, quante umiliazioni, quanta angoscia dovranno sopportare prima di raggiungere un po’ di benessere e di serenità!  

Per la critica clicca  sul libro  

19 luglio 2006

 

                             

 

                                                     

                                                     

3