Quindicinale -Edizione on line del Periodico "la Città", del Centro Studi e Attività Sociali "Insieme per la Città". Direttore: Marcello Tripodi - Direttore Responsabile: Giuliano Quattrone - Reg. Trib. R. C. N° 4/1986.

 

Vernacolo

In questa rubrica vengono pubblicate poesie dialettali, con l'intento di mantenere viva questa forma di cultura, capace di esprimere in maniera più autentica ed immediata il "sentire" di un popolo.

"Reggio 1981" è un componimento di Michele Musolino, indimenticato esponente politico del socialismo "pulito" e sindaco della città per un breve periodo. "La mia vocazione - diceva Musolino - è la politica; la poesia in vernacolo mi aiuta, perché riesco a sorridere di me stesso".

La poesia che pubblichiamo ricorda le aspettative di riscatto economico e di sviluppo turistico suscitate in città dalla scoperta dei Bronzi di Riace. Aspettative che, purtroppo, sono rimaste tali.

REGGIO 1981

I bronzi i Riaci /nisciuti ru mari/ ncuntraru pi strata/ nu vecchiu cumpari:

"Ma vui chi faciti /nta chista Città/ da sempri divuta/ a santu Giufà?"

"Accà ndi purtaru /e simu ntronati./ Chi populu è chistu?/ Avanti…parrati!"

"Nu populu bbonu/ tranquillu e pazienti/ chi campa cu picca,/ mbrischiatu cu nnenti.

Mentr'eruvu sutta,/ nto fundu ro mari/ passava u so tempu/surtantu a parrari.

Dicivunu: chista/ è a Fata Morgana,/ splinduri da genti,/ regina, sovrana

da terra i Calabria,/ dolcezza infinita/ chi comu nc'arrivi/ nci rresti pà vita.

E a furia i parrari/ di cosi struggenti/a fini ri cunti/ ristaru cu nnenti.

Non hannu lavuru,/ non hannu dinari,/ cca sciusciunu muschi/ non ponnu campari!

Su' propriu 'nta merda,/ ragione per cui/ o bronzi i Riaci/ pinsatici vui!"

Michele Musolino

( tratta dal volume "Cronache di Palazzo"- Gangemi Editore- Reggio Calabria 1991)