Icone della Ss.ma Madre di Dio

La venerazione che il mondo bizantino ha per la Ss.ma Madre di Dio (Yperaghia Theotòkos) è testimoniato dal gran numero di icone che la raffigurano.

La Vergine è rappresentata abitualmente come Madre, ossia assieme al Figlio, indossa una tunica l'imation e ha le spalle ed il capo coperte da un manto, il maforion, su cui spiccano tre stelle, una sul capo ed una su ciascuna spalla a significare la perpetua verginità: prima, durante e dopo il parto.

Le icone possono essere ricondotte ad un numero limitato di "tipi" che prendono il nome da caratteristiche interne: Glycophylousa, Galactotrophousa o da fattori esterni, quali il luogo di venerazione: Blacherniotissa od altro: Axion Esti.

Molte icone particolarmente venerate sono divenute a loro volta prototipi, dando origine ad altre icone.

Sovente l'originale è scomparso e può essere ipotizzato soltanto dalle copie, esempio ne è l'Hodigitria

Le differenze tra i "tipi" sono sovente minime: cambia la posizione delle mani, l'inclinazione della testa o la direzione dello sguardo di uno dei personaggi...

Di norma una scritta a lato della Vergine reca il nome dell'icona: Eleousa, Portaitissa ecc., talvolta però questo nome non corrisponde al tipo rappresentato.

I vari "tipi"  per comodità di trattazione possono essere raggruppati in:

 

Le icone bizantine