Home Mi Presento I miei studi Siti Consigliati Contattami
'O milione de Cuncettina
Gaetano Barbella
mercoledì 25 ottobre 2006
Il signor Bonaventura di Stilo
Il signor Bonaventura di Stilo.
«In un attimo il vestito
ritorna lindo e pulito,
e con la lavatura
paga a sor Bonaventura»
Chisto è ‘nu fatto de quann'ero ‘nu giuvenciello, quanno nun sapevo che ffà' e jeve a truvà zi' Clotomiro e zi' Margherita.
Zi' Clotomiro era ‘nu frate du nonno mio paterno e ‘u truvavo sempe areto a ‘na scrivania, assettato ‘ncoppe a ‘na bella poltrona in pelle. Era in pensione da parecchio tiempo, e a llà ddreto se consulava pensanno i viecchie tiempe, quann'era ‘nu maresciallo d'a Finanza e cumannava a bacchetta i sottoposti.
Viveva cu sti duje zii, a mamma da zia e nun steve tanto bbene ca' capa soja, ma quanno se parlava de' ccose de' sòrdi, dei denari, a stessa capa ieve a gonfie vele senza sbaglià.
Mo a zi' Margherita, verenne a mmè comme a' ‘nu bbuono giuvinotto di primo pelo, me diceva tutt'i vvote: Ma Tanì, allora ce pensato a Cuncettina? Ta vuò spusa, accussì co' sòrdi che tene te sistemi comme a ‘nu ddio!
Po', comme se nun bastasse ‘sta litania, s'accucchiava co' ‘a zia ‘a mamma soja e accuminciava cu ‘na sturiella che sapevo a memoria, naturalmente ‘ncoppe i sòrdi.
I', comme al solito ‘a stavo a sentì pe' rispetto, ma pure pecché nun parlava malament', e po' me facevano rirere ‘e ccose che diceve.
‘U cunto era chisto e a vecchia nun sbagliava mai ‘na virgola.
Ce steve ‘na guagliona che nun era tanto bella, ma poteve pure piacè. Teneva na capa a pposto e cercava ‘nu bbuono partito pe' se spusà. Nun steve male a sòrdi pe' via da famiglia benestante, perciò pensava che faceva bbene a spusà uno comme a essa.
Nu jurno capitaje a tiro a chesta guagliona assennata ‘nu tale ben vestito: pensaje essa, sarà u partito che cerco? E pe nun su fa scappà, e facenne a scema pe' finta, dicette a chisto: Tu si' Milione pe' caso? Sì, rispunnette chillo e subbet' essa, senza perdere tiempo, dicette ancora: Pur'i' so' Milione, perciò viene a ccà e mettimmece insieme, pecché duje Milioni so' chiù meglio de uno sulo.
A cosa steve pe' concludersi pe' sentire poi ‘a solita marcia nuziale, se nonché se sentette uno vicino a loro che esclamò con disappunto: Milione, Milione! Ma che so'?
A guaglione se vutaje de scatto e guardaje che era ‘nu bellu giovine, ma nun le piacette tanto a serenata. Dicette senza penzà: Bellu mio, quanno se parla di Milione, e chiste tiempe è comme dire Marchese, Conte, beh mittece pure Cavaliere, che so' chille che valevano cchiù de tutti du passato. Guagliò scetate, so' sòrdi, denari, argià, fasule, pesielle, puparuoli, quibus!
Sai che ti dico, a ccussì comme e parlato, manco se vai in Cielo te vonne e figlie da' Maronna che so' comme ‘e sirene, pure a loro piace a musica.
Nisciuno ti ha detto che senza denari nun se cantano messe? En beh, chelli figlie da' Maronna sentenno stu canto dint'a' Cchiesa, scenneno comme a falchi, scusa aggio sbagliat', scennono comme a angeli abbascie, ‘ncoppe a' terra. Accussì pure loro trovano u calonzo e su sposano.
E capito comm'è u fatto, mò?
Però aspiette ‘nu momento. Famme sentì ‘na cosa da te. Che, tu pe' caso sai cantà bbene, ma veramente bbene, almeno?
Pecché si bello assai, me piaci e se tu fuss' u cantante che dico i', putisse addiventà famoso e guaragnà tanti milioni. E allora, sti duje Milioni, cu chisto ccà vicino a nuje che, poi, a confrono a tè è brutto assai, so' veramente niente!
Torna alla home Torna su

Il geometra pensiero in rete di Gaetano Barbella