Quando si parla di napoletani in Italia o in giro per il mondo si ricorre inevitabilmente ai noti stereotipi del loro carattere pittoresco e del loro temperamento immaginifico. Definire il carattere napoletano è come costruire un caleidoscopio di sentimenti, di valori, di atteggiamenti. La stessa lingua napoletana, che pure coglie le più tenui sfumature del concerto amoroso, a volte non regge al concentrarsi delle emozioni e ricorre ai vocalizzi sonori, al suono degli strumenti, ai riverberi dell'eco e a una ricca dovizie di gesti e di smorfie capaci di trasmettere i oiù reconditi pensieri e i più intimi sentimenti. Nei quartieri popolari si svolge ogni giorno una delle esperienze più promettenti del teatro dell'assurdo e dell'happening improvvisato. In questo teatro improvvisato s'è formata quella scuola del realismo che ha arricchito la vena creativa del teatro e della cinematografia italiana.

47
.C'è il napoletano saccente: che 'sape tutt'isse, sempre pronto 'a sputà sentenze.
.C'è il napoletano divertente: sempre pronto a cogliere il lato allegro della vita e a trasformare in bountade anche l'espressione più deprimente.
.C'è il napoletano prepotente: abituat'a'ffà o' guappo che fiacca 'a vasà 'e mmane a chi è putente.
.C'è il napoletano galante: capace 'e perdere 'a capa 'a vista 'e na suttane.
.C'è il napoletano invadente: nun'se fa maje'e fatte suoie; s'adda 'ntricà sempe 'de fatte r'a'ggente.
.C'è il napoletano cuntente: cu 'na fronna 'e limone te scrive'na canzone e cu 'nu bicchiere 'e vino te fà 'nu cuncertino.
.C'è il napoletano sfottente: te squadre 'ra cap'é piere e te riduce 'a 'na sputacchiera.
.C'è il napoletano insolente: nun porte rispetto manca a' nu parente.
.C'è il napoletano insistente: 'to liev'a 'nanze e t'o truov'a ponente.
.C'è il napoletano bollente : 'è tutto 'nu skizze, è tutto 'nu skatte, si è 'nu scugnizze zompa 'comme 'na jatta.
.C'è il napoletano gaudente: che pensa solo alla trippa e al suo alter ego pendente. Mangiare è una filosofia e la cucina il suo autentico atelier.
pulcinella4
dra10
Serenata 'e Pulicenella
Ntretè
'ntretella mia,
sta venenno Pulicenella ...
Pulicenella tujo!
Sciasciona...
Sciasciona mia, affàccete!
 
Nennè, guè guè, frabotta,
ccà sta Pulicenella...
te caccia la lenguella...
e dice:"Fatte 'ccà"...!
 
E ched è, nun mme sente?!
Nenné', cu 'sta vucchella,
cu st'uocchie, cu sti vruoccole,
lu core, comm'a spruoccolo,
mme staje a straziá!
E nun s'affaccia ancora!
 
Nenné'...'ntreté'...'ntretélla...
cara...caré'...carella!
'Ntreté', rusecarella....
nun farme cchiù pená!
 
E che ll'aggio fatto 'e male?!
Essa è sempe 'o core mio...
Gioja de st'arma mia, jésce ccá fora
ca mámmeta nun c'è...jésce a malora!!
 
'Ntreté'!
'Ntretélla mia!
Carugnona!
Carugnona! Carugnona!...
Jammoncenne...
e Ghiammoncenne!
 
(Cimarosa 1749) [ascolta]
 
IL RITO DEL CAFFE' EQUIVALE A UNA SEDUTA DELL'ANALISTA.
IN QUALE ALTRO PAESE CON POCHI CENTESIMI SI PUO' SCEGLIERE E ORDINARE IN UNA GAMMA COSI' VASTA 'NA TAZZULELLA 'E CAFE' CON UNA MISCELAZIONE DA GUINNESS DEI PRIMATI?
 
 
clikka e sfoglia
line2-2
next
Tra i clichés popolari più ricorrenti, c'è il napoletano indolente, geneticamente scansafatiche, 'ca non 'se fir'é fà mai niente. Pensa sul'a mangià, a fòttere e a campà. Nassuna altra maschera come Pulcinella lo rappresenterebbe meglio.
dra20