<
monografia web
fax +39.06.233200520 giovedì 29 marzo 2018



galleria web di fotografia

© copyright 2011 by Franco Falasca
All rights reserved



arte e letteratura

libri d'artista
opere concettuali
opere visive
performances
Ulteriori notizie su

PUBBLICAZIONI:
in antologie
in periodici
in cataloghi
Imprinting
Ufficio per la Immaginazione Preventiva
"Una casa nel bosco" (
prose e racconti)
"Nature improprie" (poesie 1976-2000)

La felicità e le aberrazioni (poesie 2001-2010)

  RICERCA AVANZATA  
MOSTRE Curriculum

FILM

  Photo album  
TEATRO Scheda bibliografica

ART DIRECTOR

  Ritratto eseguito da Cosimo Budetta  
     
     

 

 

 

 

 

 

SABATO 17 DICEMBRE 2016 - ore 17,30 - L'autore sarà lieto di incontrare amici e lettori con Marcello Carlino e Irene Sabetta
presso LA SALETTA CENTRO DELLE ARTI via Giacomo Matteotti 2 FROSINONE
Letture a cura della "Associazione Ricerche Teatrali"

 

 

 


    SLC-CGIL Sezione Nazionale Scrittori
    VIA OFANTO 18 / A2
    00198 ROMA RM

    GIOVEDÌ 12 FEBBRAIO 2015 - ore 17 - Uscire nella rete, incontro con Michele Fianco, intervistato da Francesco Muzzioli. Interviene Franco Falasca

    GIOVEDÌ 16 APRILE 2015 - ore 17 - Che cos'è l'alternativa letteraria, incontro con Francesco Muzzioli. Intervengono Franco Falasca e Aldo Mastropasqua

    GIOVEDÌ 30 APRILE 2015 - ore 17 - L'avanguardia e i giovani, incontro con Giorgio Biferali. Intervengono Francesco Muzzioli e Franco Falasca

    GIOVEDÌ 28 MAGGIO 2015 - Gaetano Delli Santi “Il tramonto s’inferifoca”, AbEditore
    Si parlerà anche del volume Filippo Bettini - Roberto Di Marco “Terza ondata. Il Nuovo Movimento della Scrittura in Italia”, AbEditore, in occasione della ristampa dopo 20 anni
    Intervengono: Gaetano Delli Santi, Franco Falasca, Francesco Muzzioli e Marcello Carlino


Anni ’70. Arte a Roma
PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI - Via Nazionale 194 - 00184 ROMA

17 dicembre 2013 - 2 marzo 2014

a cura di Daniela Lancioni 

Le opere di circa ottanta autori italiani e internazionali saranno raccolte nel nome di un decennio e di una città. Un binomio, anni settanta e Roma, che ricondurrà a una realtà vitalizzata dall'intreccio di linguaggi differenti, teatro di sperimentazioni, accogliente bacino di culture visive diverse. Una realtà densa di avvenimenti di portata internazionale, dotata, al tempo stesso, di una sua propria identità.

Il Palazzo delle Esposizioni con questa iniziativa prosegue l'indagine avviata negli anni novanta con la serie di mostre dedicate a Roma e al tempo stesso porta a compimento la ricerca intrapresa nel 1995 con il volume e la mostra documentaria intitolati Roma in mostra 1970-1979. Materiali per la documentazione di mostre, azioni, performance, dibattiti.

Gli anni settanta del secolo scorso sono stati un decennio controverso. Identificato, generalmente, per i suoi conflitti, potrebbe, invece, essere inteso come fertile e costruttivo, segnato, soprattutto a Roma, dall'adesione ai valori visivi, di autonomia e di portato universale dell'opera. La mostra, sulle basi della ricerca che l'ha preceduta, lo testimonierà con una posizione di bilanciamento tra indagine storica e interpretazione.
Offrirà un'indagine allargata, proponendo insieme ad opere e autori acclamati, aspetti meno noti ma significativi, senza rinunciare ad articolare una determinata versione dei fatti.

Protagoniste assolute dell'intero percorso espositivo saranno le opere, tutte realizzate o mostrate negli anni settanta a Roma grazie alla presenza di una vitale compagine di artisti e al dinamismo di un eccezionale novero di gallerie e associazioni culturali, L'Attico di Fabio Sargentini, La Tartaruga di Plinio De Martiis, La Salita di Gian Tomaso Liverani, Gian Enzo Sperone, Konrad Fischer, Ugo Ferranti, gli Incontri Internazionali d'Arte fondati nel 1970 da Graziella Lonardi Buontempo e diretti da Achille Bonito Oliva, e numerose altre, alla cui attività va sommata quella della Galleria Nazionale d'Arte Moderna e dello stesso Palazzo delle Esposizioni.

Avranno risalto le opere degli autori esordienti allo scorcio degli anni sessanta o nell'arco del decennio preso in esame: Gino De Dominicis, Vettor Pisani, Luigi Ontani, Salvo, Ketty La Rocca, Michele Zaza, Sandro Chia, Carlo Maria Mariani, Ettore Spalletti, Francesco Clemente, Enzo Cucchi, Ferruccio De Filippi, Maurizio Benveduti, Tullio Catalano e Franco Falasca con il loro Ufficio per l'immaginazione preventiva, il collettivo Videobase, Francesco Matarrese, Tomaso Binga, Verita Monselles, Suzanne Santoro, Gianfranco Notargiacomo, Franco Vaccari, Albero Garutti, Mimmo Germanà, Laura Grisi, Bruno Ceccobelli, Stefano Di Stasio, Franco Piruca, Vittorio Messina, Giuseppe Salvatori, Felice Levini. L'ossatura della mostra sarà costituita dagli autori di generazioni diverse che negli anni settanta hanno realizzato opere capitali, vere e proprie pietre miliari della storia dell'arte o che, nella continuità dello stile o in una differente declinazione del loro linguaggio, hanno mantenuto il privilegio dell'esemplarità, Jannis Kounellis, Giulio Paolini, Alighiero Boetti, Luciano Fabro, Giuseppe Penone, Giovanni Anselmo, Maurizio Mochetti, Eliseo Mattiacci, Vincenzo Agnetti, Luca Patella, Nicola Carrino, Enrico Castellani, Marco Gastini, Marisa Merz, Mario Merz, Michelangelo Pistoletto, Emilio Prini, Gilberto Zorio, Hidetoshi Nagasawa, Ettore Innocente, Fausto Melotti, Giuseppe Capogrossi, Carla Accardi, Giulio Turcato, Mario Schifano, Tano Festa, Fabio Mauri, Giosetta Fioroni, Sergio Lombardo, Cesare Tacchi, Renato Mambor, Gianfranco Baruchello. Una posizione di rilievo avranno le opere degli artisti più amati dalle giovani generazioni e attivi a Roma: Alberto Burri, Giorgio de Chirico e Cy Twombly. Parallelamente alle opere di questi autori, saranno esposte quelle delle più assidue e significative tra le numerose presenze internazionali: Joseph Beuys, Daniel Buren, Sol LeWitt, Joseph Kosuth, Richard Nonas, Richard Tuttle, Gilbert & George, Christian Boltanski, Jan Dibbets, Hamish Fulton,  Douglas Huebler, Jean Le Gac, Richard Long, Niele Toroni, Lawrence Weiner, Francesca Woodman, Michael Badura, Bill Beckley, Jochen Gerz, Peter Hutchinson, Urs Lüthi, Katharina Sieverding, André Cadere e altri. I loro lavori in mostra si intrecceranno a quelli degli autori italiani, così come accaduto nel tessuto della Città nel corso degli anni settanta.

La fotografia avrà un ruolo determinante nel percorso espositivo. Saranno esposti, tra gli altri, i lavori di Ugo Mulas, Claudio Abate, Mario Cresci, Elisabetta Catalano, Tano D'Amico, Duane Michals. I nuovi linguaggi, come quello della video arte saranno ugualmente testimoniati attraverso i lavori di alcuni artisti e l'operato del videomaker Luciano Giaccari.

Prendendo atto della complessità del panorama delle arti visive così come si configurò negli anni settanta a Roma, la mostra accoglierà una polifonia di voci, testimoniando le diverse compagini o poetiche: dall'Arte Povera agli artisti della cosiddetta scuola romana, dall'Arte Concettuale al Minimalismo e alla Pittura Analitica, dai Situazionisti alla Anarchitecture e all'arte intesa come partecipazione collettiva o militanza politica, dalla Narrative Art, alle opere che hanno condotto alla planetaria rivalutazione della pittura che ebbe come fulcro la Transavanguardia ed epicentro Roma.

Ma il percorso della mostra solo parzialmente sarà scandito dalle classificazioni già storicizzate. Sebbene queste saranno necessariamente considerate ed evidenziate, alcuni displacement verranno attuati sulla base di logiche diverse con l'intenzione di tracciare una ipotesi interpretativa e contribuire alla definizione di un nuovo racconto storico.

 


 La S.V. è invitata alla presentazione del volume

 

Franco Falasca

La felicità e le aberrazioni

poesie 2001-2010

fabio d’ambrosio editore, milano

 

 

Intervengono: Marcello Carlino, Francesca Fiorletta

 

Mercoledì 9 giugno 2012 – ore 17,30

Conservatorio di Musica "Licinio Refice"

viale Michelangelo - Sala Crea -. 03100 FROSINONE


DIX ANS / CENT ANS APRÈS


Tomaso Binga - Cosimo Budetta - Bruno Conte - Carlo M. Conti - Marcello Diotallevi

Franco Falasca - Giovanni Fontana - Salvatore Giunta - Lamberto Pignotti

Vernissage samedi 26 septembre 2009 à partir de 18 heures

exposition jusqu'au 3 octobre 2009
 



Galerie SATELLITE

7 rue François de Neufchâteau - F-75022 PARIS

Tel. 01 43798020

mardi à samedi de 13h 30 à 19h.

www.galeriesatellite.com

bm@galeriesatellite.com

DIECI ANNI / CENTO ANNI DOPO

Gli artisti italiani che hanno esposto in questi ultimi dieci anni alla Galerie Satellite di Parigi, sono riuniti oggi in una collettiva per ricordare e festeggiare, anche, perché no, l’iniziativa, nata dieci anni fa, da un’idea del sottoscritto e di Bruno Maisons. Abbiamo trovato nella direzione della Galerie Satellite (anche in Marie Kawazu, artista e moglie di Bruno) una gentilezza, una disposizione gradevoli e specialmente il piacere del professionista appassionato che organizza esposizioni accurate.

Occorreva un’idea critica precisa per presentare artisti che non fossero in contraddizione con la linea della poesia visuale e dell’arte concettuale che noi specialmente amiamo, attraverso il gusto per l’ironia e per la sorpresa.

Gli artisti che avevano esposto nella Galerie Satellite, erano stati Jean-François Bory, Julien Blaine, Heidsieck, e altri artisti di nome, conosciuti in Francia e altrove. Questo mi rassicurava della buona strada che la galleria stava seguendo.

Sappiamo che anche molti artisti italiani lavorano nella stessa direzione, per un’arte che esca dai limiti ristretti del museo, della cornice stessa del quadro, attraverso la performance, l’installazione, la mescolanza dell’immagine e della scrittura. Perciò gli italiani hanno trovato, negli artisti francesi conosciuti nella Galerie Satellite, una identità di intenti, una sorta di fratellanza, pur nella diversità di ciascuno.

Inoltre, nell’occasione del centenario della nascita del Futurismo ( il 20 febbraio 1909, con un manifesto firmato Marinetti apparso sul Figaro) questa piccola collettiva capita a proposito, a mio avviso, come omaggio degli artisti d’oggi a questo movimento che si è rivelato importante per le avanguardie degli stessi inizi del XIX secolo, che hanno anche influenzato le neoavanguardie della metà del Novecento sino ai movimenti di ricerca e di sperimentazione dei nostri giorni.

Infatti il Futurismo non è morto, ma, fortunatamente, ha perso quella aggressività quasi fisica che mostrava e che l’ha fatto avvicinare, quando non identificare, con il fascismo e che oggi è fortunatamente scomparsa.

Oggi il Futurismo vive nella forza rivoluzionaria che si oppone ad una tradizione mal compresa e male amata e seguita nella ricerca del “nuovo” in tutti i campi della creatività. Lo dimostra la grande diffusione della performance, del collage, del mescolamento dei materiali, della scrittura sull’immagine, della poesia sonora, che provengono direttamente dal Futurismo.

Quest’anno dunque, questa esposizione parigina di artisti italiani nella Galerie Satellite vuole festeggiare un doppio anniversario, quindi, un anniversario diciamo, privato, di pochi felici, e l’altro, giustamente ufficializzato e celebrato in tutto il mondo.              Paolo GUZZI

 


INCONTRO CON L’ARTISTA 2009

(I EDIZIONE)

DOMENICA 30 AGOSTO 2009 – ore 21

Forte Sangallo – NETTUNO 

“POESIA IN MOVIMENTO”

Tomaso BINGA, Tiziana COLUSSO,

Franco FALASCA, Michele FIANCO, Anna Laura LONGO

Mauro MACERATESI, percussioni

Alessandro GOLINI, violino


 

MUNICIPIO 3 – ROMA

martedì 15 luglio 2008 - ore 21

piazza dell’Immacolata

San Lorenzo - ROMA

I Catamoderni, l’impossibile avanguardia

serata di poesia con

Tiziana Colusso, Franco Falasca, Michele Fianco, Gianni Fontana, Mario Lunetta, Francesco Muzzioli, Marco Palladini

interviene l’editore Fabio D’Ambrosio


Sabato 5 luglio 2008

ore 19 - Ondate poetiche a bordo mare:
 

Tiziana Colusso. Franco Falasca. Michele Fianco. Alfonso Malinconico,  Lamberto  Pignotti 

Forte Sangallo” - via Gramsci 10 – NETTUNO

patrocinio del Comune di Nettuno e della Provincia di Roma

 


FIERA INTERNAZIONALE DEL LIBRO - TORINO Lingotto Fiere

Venerdì 09 MAGGIO 2008 - ore 18,30 - Sala BOOK
Sabato 10 MAGGIO 2008 - ore 18,30 Sala STOCK


I CATAMODERNI: l’impossibile Avanguardia contemporanea.
L’avanguardia e le sfide della contemporaneità: incontro scontro tra giovani e autori per una nuova antologia dell’Avanguardia

I CATAMODERNI:

la modernità è andata a fondo

si intende andare al fondo della modernità

essere moderni "fino in fondo"

 


Intervengono: Nadia Cavalera, Tiziana Colusso, Gaetano delli Santi, Franco Falasca, Michele Fianco, Giovanni Fontana, Carmine Lubrano, Mario Lunetta, Francesco Muzzioli, Marco Palladini, Antonio Maria Pinto, Sandro Sproccati

Conducono: Luciano Guardigli, Paolo Jachia


Fabio D’Ambrosio Editore

 


04 DICEMBRE 2007 - ore 18

ASSOCIAZIONE CULTURALE "LA CUBA D'ORO"
Via della Pelliccia 10 - 00153 ROMA

dal 4 al 20 dicembre 2007


"MINI > MAXI"

opere consapevolmente minime come alternativa a un'arte aggressiva e ingombrante

a cura di Lamberto Pignotti.


Orario, dal martedì al sabato: 17 - 20
 


05 DICEMBRE 2007 - ore 19,30

Mostra di fotografie di Franco Falasca su

 „Banská Štiavnica e il suo Festival di Poesia“

Ambasciata della Repubblica Slovacca

Via dei Colli della Farnesina 144

ROMA


15 DICEMBRE 2007

ARCHIVI del Libro d'Artista - Città di CASSINO

a cura di Teresa Pollidori e Loredana Rea

Centro Commerciale GLI ARCHI - via Casilina Sud - km. 140,250 - CASSINO


Sabato 15 Dicembre 2007 ore 18  – 13 Gennaio 2008

 


15 DICEMBRE 2007


 

Banská Štiavnica  (Slovacchia)

Jeudi 16 Aout 2007

18h00
Ouverture officielle du festival
Par les trompes des villages de montagne, suivies de l’habituel concert de rue. Cette année nous accueillons dans la tradition du festival
un ensemble tzigane tout a fait original : La troupe de Jan Deme (20 musiciens) de la région de Klenovec et de Podpoľanie.
Place Trojičné namestie et rue principale / entrée libre

19h30
Un demi siecle déja...
Une âme pour l‘Europe
Pour la cinquantieme année du Traîté de Rome

De la Neva a la Méditerranée par le Danube et la Drina
Un spectacle musical et poétique, reprenant les meilleurs instants
des rencontres des poetes de Capalest depuis 8 ans.
Avec : Krystyna Rodowska, Vladas Braziunas, Albert Marenčin, Jozef Mihalkovič, Ján Švantner, Dana Podracká, Eftin Kletnikov, Aksinia Mihailova, Alexandre Matei, Simona Popescu, Titos Patrikios, Jean Metellus, Igor Hochel, Mila Haugová, Nadia Fidji, Dagnija Dreika, Margita Gailitis, Krisztina Tóth, Nimrod, Jeanine Baude, Tiziana Colusso, Claudio Pozzani, Mária Ferenčuhová, Catherine Bienkowska, Razvan Tupa, Elena Vladareanu, Michal Habaj, Dimitris Chouliarakis, Andres Vicky, Pierre Oster, Panos Stathoyannis, Jaroslav Klus, Erik Groch, Dostena Lavergne, Dainius Gintalas, Guy Goffette, Piotr Sommer, Adam Zagajewsky, Sorin Ghergut, Franco Falasca, Boris Lazic... et Renáta Ryníková, Juraj Hrčka, Peter Kadlečík.
Traduction : Miroslava Vallová
Lumiere : Jean-Pierre Chupin
Flute de Pan : Georges Schmitt
Fujara : Drahoš Daloš, Robin Troman
M.e.s : Michel de Maulne
Cour du Vieux Château

 

 


 

Lunedì 29 Gennaio 2007 - ore 17,30

LIBRERIA ODRADEK - via dei Banchi Vecchi 57 - ROMA

"Ricordo del poeta Franco Capasso"

(1935-2006

Intervengono: Alessandro Carandente, Francesco Muzzioli, Franco Falasca

Coordina: Maria Jatosti


Lunedì 8 gennaio 2007, è venuto a mancare Gianni TOTI - Il mio ritratto di Gianni, trasmesso da Radio Svizzera Italiana, 10 gennaio 2007 ore 8, da scaricare in MP3.


 

Atì Editore e ItaliaLibri.Net

presentano

Poeti, Eros e Champagne


SABATO 16 DICEMBRE 2006 - ORE 16
LIBRERIA ARCHIVIO DEL '900
via Montevideo 9
MILANO

Letture di poeti tratte da

ANTOLOGIA DELLA POESIA EROTICA CONTEMPORANEA

 


 

Atì editore, ottobre 2006 - pag.296 - € 15,00

 

Tra i primi trenta acquirenti dell'Antologia sarà sorteggiato, alla fine della kermesse,
il vincitore di una confezione di Champagne offerta da ItaliaLibriNET

I poeti presenti firmeranno il volume.
Seguirà brindisi finale.

 

Tutto è iniziato quando ATì Editore ha contattato ItaliaLibri per proporre la realizzazione di un'Antologia della poesia erotica contemporanea. Dopo un'attenta e precisa selezione del materiale pervenuto, le sette riviste letterarie italiane coinvolte hanno proposto 24 poetesse, 49 poeti, 200 poesie. I sette responabili delle riviste sono: Luca BenassiPolimnia», Roma), Nadia CavaleraBollettario», Modena, che ha proposto i poeti Tiziana Colusso, Gaetano delli Santi, Franco Falasca, Anna Maria Giancarli, Carmine Lubrano, Mario Lunetta, Roberto Piperno, Sandro Sproccati, Ciro Vitiello), Pino Corbo («Capoverso», Cosenza), Mariella De Santis («Il Monte Analogo», Milano), Gabriela FantatoLa Mosca di Milano», Milano), Mauro FerrariLa Clessidra», Novi Ligure), Pasquale VitaglianoItaliaLibri» www.italialibri.net


VILLA COMUNALE

via Marco Tullio Cicerone – FROSINONE

 

·        Venerdì 20 Ottobre 2006 – ore 17 

Fregellae e altrove

Testi e foto di Franco Falasca

 


 

VILLA CELIMONTANA JAZZ FESTIVAL

Piazza della Navicella – Roma

SABATO 8 LUGLIO 2006 - ore 24.00

 

VI ° L e o p a r d i ’ s   d a y 

POESIA & MUSICA IN VILLA

 

a cura di Tiziana Colusso e Francesca Farina

 

reading dei poeti

 

Domenico Alvino, Tonino Amendola, Paolo Arceri, Luca Baiada, Silvana Baroni, Franca Battista, Tomaso Binga, Maria Grazia Calandrone, Laura Canciani, Lea Canducci, Maria Clelia Cardona, Alida Castagna, Luigi Celi, Tiziana Colusso, Valerio Cruciani, Chiara D’Apote, Riccardo Duranti, Franco Falasca, Francesca Farina, Anna Maria, Ferramosca, Giovanni Fontana, Matteo Ghisalberti, Anna Laura Longo, Mario Lunetta, Giulio Marzaioli, Piera Mattei, Donatella Mei, Francesco Muzzioli, Ivan Paduano, Marco Palladini, Claudia Patuzzi, Giulia Perroni, Lamberto Pignotti, Roberto Piperno, Mimma Pisani, Lidia Riviello, Eugenia Serafini, Luigia Sorrentino

 

Poeta ospite: Laurent Début (Belgio)

 

Musiche dal vivo

Natale Romolo (clarinetto) e Stefano Petucco (didjeridoo e chitarra)

 

Performance visiva di Uemon Ikeda


Domenica 19 marzo 2006 - ore 19 - ELISEO Cafè - Teatro ELISEO - via Nazionale 183 - ROMA

Drink In Art
nuovi modi di vivere il teatro a Roma
La formula denominata Drink In Art nasce dalla volontà dell’ EliseoCafé di creare un connubio vitale tra il locale del teatro e le varie espressioni artistiche, ospitando ed organizzando eventi nell’orario dell’aperitivo domenicale
 

Lunedì 20 marzo 2006 - ore 18 - presentazione dell'ALMANACCO ODRADEK 2006
L'ANGELO AZZURRO Arte contemporanea - piazza dei Satiri 50 - ROMA
Interverranno Giuseppe Lobefaro ed il sen. Sandro Battisti

Martedì 21 marzo 2006 - ore 19 - LAVATOIO CONTUMACIALE - piazza Perin del Vaga 4 - ROMA

per la Giornata della Poesia 2006 dedicata al “Deserto” indetta dall’ Unesco

“Mettiamo  un  fiore  nel  deserto”

carosello poetico con:
Silvana Baroni, Tomaso Binga, Maria Teresa Ciammaruconi, Tiziana Colusso, Vilma Costantini, Franco Falasca, Francesca Farina, Giovanni Fontana, Giovanni Greco, Paolo Guzzi, Mario Lunetta, Lamberto Pignotti, Roberto Piperno, Lucrezia Vega Gramunt, Giulia Perrone, ecc.


venerdì 10 febbraio 2006 - ore 17.00
 

 
Musei Capitolini
Sala Pietro da Cortona - Palazzo della Conservatoria
Piazza del Campidoglio
ROMA
 

 
LA COSA, LA PAROLA
 

 
In occasione della presentazione
a cura di Rosa Pierno
della Rivista "Anterem" diretta da Flavio Ermini

e
 
della raccolta In re ipsa di Giulio Marzaioli,
vincitrice del Premio Lorenzo Montano 2005, sez. "raccolta inedita"
 
 
si terrà un dialogo tra
Lucio Saviani (filosofo; professore di Storia della Filosofia, Università di Roma "La Sapienza" )
e Cesare Cuscianna (psicoanalista)
 
 
Letture
di
Giulio Marzaioli
 

Autori vincitori,  finalisti e segnalati nell'ambito del Premio Lorenzo Montano 2005:
Franco Falasca (vincitore sezione "opera edita"), Maria Grazia Calandrone, Stefania Portaccio, Fabio Ciriachi,
Annalisa Comes, Marcella Corsi, Anna Laura Longo, Primerio Bellomo, Antonio Bonchino, Maurizio Solimine,
Luigia Sorrentino, Sonia Gentili, Renato Minore, Luigi Severi
leggeranno loro testi poetici 
 


FESTA NAZIONALE DI LIBERAZIONE
1-25 SETTEMBRE 2005

Ex Mercati Generali via Ostiense – ROMA

Spazio Odradek La libreria

… parole per conoscersi…
libri per capire…

MARTEDI’ 20  Settembre 2005


ore 21,00

NESSUNA CONNIVENZA!
Recital di poesia con: Luca Baiada, Geraldina Collotti, Tiziana Colusso, Franco Falasca, Michele Franco, Annamaria Giancarli, Marco Giovenale, Mario Lunetta, Francesco Muzzioli, Marco Palladini, Mario Quattrucci.

 


PREMIO DI POESIA "LORENZO MONTANO" XIX edizione

Luigi Ballerini con "Cefalonia" edito da Mondadori, Albino Crovetto con "Una zona fredda", pubblicato da Niebo-La Vita Felice, e Franco Falasca con "Nature improprie", Fabio D'Ambrosio editore, sono i tre vincitori del Premio di Poesia Lorenzo Montano, 19^ edizione, per la sezione "Opera Edita-Provincia di Verona".

A Ginevra Bompiani è stato assegnato il Premio Speciale della Giuria "Opere Scelte - Regione Veneto", che consiste nella pubblicazione, presso Anterem Edizioni, di un'antologia personale dell'Autrice. A completare il volume un saggio di Antonio Prete.

Giulio Marzaioli è il vincitore della sezione "Raccolta Inedita" con l'opera "In re ipsa", che sarà pubblicata sempre da Anterem Edizioni con una nota critica di Tiziano Salari.

Per la sezione "Una poesia Inedita", una Giuria Critica composta da settanta personalità tra docenti, critici letterari, filosofi, storici della letteratura, dell'arte e della musica, cineasti e musicisti, narratori e poeti, sceglierà il testo vincitore tra gli otto finalisti.

La premiazione avrà luogo a Verona il 24 settembre 2005. All'evento sarà dedicata la giornata conclusiva della Prima Biennale di Poesia della Città di Verona "Officina della Percezione".

 

Rassegna di poesia – I parte

Sabato 24 settembre 2005, dalle ore 09.00

Letture di poeti contemporanei

Musiche originali di Francesco Bellomi

11.30

Poetiche della percezione

La poesia francese oltre il Novecento

Letture di Jana Balkan e Isabella Caserta

 

 

 

Rassegna di poesia – II parte

14.00

Letture di poeti contemporanei

Musiche originali di Francesco Bellomi

16.30

Estetiche della percezione

Corti e videoart di artisti internazionali

 

 

Sabato 24 settembre 2005, dalle ore 17.00

Premio di poesia “Lorenzo Montano” XIX edizione

Cerimonia di premiazione dei poeti vincitori:

per la sezione “Opera edita – Provincia di Verona”

Luigi Ballerini, Cefalonia, Mondadori – “Supervincitore”

Albino Crovetto, Una zona fredda, Niebo-La Vita Felice

Franco Falasca, Nature improprie, Fabio D’Ambrosio ed.

 

per la sezione “Raccolta inedita – Biblioteca Civica di Verona”

Giulio Marzaioli, In re ipsa

 

per la sezione “Una poesia inedita – Circoscrizione Centro Storico di Verona”

Marcello Gombos, Dagli antichi flutti

 

per la sezione “Poesie scelte – Regione Veneto”

Ginevra Bompiani, Metamorfosi

 

Interventi delle autorità

Interventi critici di Remo Bodei, Stefano Guglielmin, Tiziano Salari, Vincenzo Vitiello,

Musiche originali di Francesco Bellomi

Letture di Carla Totola e Massimo Totola

Quadri di danza di Michela Oldin

 


 

PROVINCIA DI ROMA                                                                                           ASSOCIAZIONE CULTURALE ALLEGOREIN

MEDITERRANEA

II Edizione 10-26 luglio 2005

 

POESIA DELLA SAPIENZA

I tempo

Mercoledì 13 Luglio 2005 - ore 20,00

Università degli Studi di Roma "La Sapienza" / palco principale

in collaborazione con il Premio Feronia

Saadi YOUSEF (Iraq, vincitore del Premio Feronia 2005), Gëzim HAJDARI (Albania),  Predrag MATVEJEVIC (Bosnia), Shams NADIR (Tunisia), Jacqueline RISSET (Francia), Patrizia CIMINI, Franco FALASCA, Giuseppe MANNINO, Francesco MUZZIOLI, Vito RIVIELLO, Carla VASIO

                                                                                                                                                                                                           

 


 

 

 

L'Associazione Culturale Poliorama & Punto Einaudi di via Giulia

 

presentano
 

POESIA IN VIA GIULIA

Provincia di Roma - Assessorato alle Politiche Culturali

Comune di Roma - Municipio I (Centro Storico)

26 maggio - 5 giugno 2005

Ingresso libero

Dal 26 maggio al 5 giugno lo scenario di Piazza dell’Oro, estuario della bellissima via Giulia a Roma sarà la cornice di una manifestazione letteraria intitolata Poesia in via Giulia, una rassegna che vede le case editrici in persona farsi promotrici del libro e della lettura.

Questo omaggio alla poesia vuole riassumere, in una serie di incontri pomeridiani e serali, l’accresciuto interesse nei riguardi di un’Arte che meglio della narrativa si presta ad essere apprezzata in modo corale: lo testimoniano l’aumento delle vendite dei libri del genere e le operazioni di successo che hanno visto promuovere raccolte di poesie allegate a famose testate giornalistiche. Ogni casa editrice coinvolta sarà presente con uno stand proprio, allestito come spazio espositivo e di vendita all’interno di strutture cubiche semplici e raffinate.

Un calendario di incontri pomeridiani organizzati dalle case editrici presenti ospiterà due appuntamenti, alle ore 17 e alle 19. Nelle giornate del 28 maggio e 4 giugno si terrà un laboratorio rivolto ai bambini delle scuole elementari in un percorso scandito in versi. Alle ore 21 si svolgeranno alcune serate tematiche, tra cui un omaggio a Sandro Penna e una serata di letture augurali dell’estate curate da Elio Pecora. Francesco Muzzioli sarà il coordinatore insieme a Federica Altieri di quattro concerti di poesia dedicati ai grandi poeti scomparsi. Questa rassegna, giunta alla sua terza edizione (le precedenti si erano svolte presso il Palazzo Medici Clarelli di Via Giulia) presenterà degli eventi in cui musica, lettura e poesia, con la complicità di validi interpreti teatrali, si confronteranno su epoche, protagonisti e ricerche artistiche diverse. Infine gli incontri a tema dal titolo “Di-Versità”, curati da Mario Lunetta dove gli ospiti si alterneranno in un Reading, leggendo una scelta di alcune loro poesie con un intermezzo musicale. Poeti contemporanei, interpreti attuali qui e oggi di un sentimento verso l’Eros, La Città, Il Senso Civile e il Linguaggio.

Si comincia giovedì 26 maggio, alle ore 21, con l’intervento sul sagrato della chiesa S. Giovanni dei Fiorentini di Margherita Buy nel ruolo di lettrice di opere di Montale, Catullo, Ovidio, Pessoa, Marini, accompagnata dal Maestro Paolo di Sabatino al pianoforte. A seguire Gabriele Pedullà, Valerio Magrelli, Elisa Biagini e Stefano dal Bianco interpreteranno alcune poesie della propria produzione. La manifestazione è promossa ed organizzata dall’ Associazione Culturale Poliorama insieme al Punto Einaudi di Via Giulia, con la partecipazione dell’ Assessorato alla cultura della Provincia di Roma, del Comune di Roma e del Municipio I – Roma Centro storico.

Domenica 29 maggio 2005

 

21.00 Di-Versità:  La città, l’eros. Saranno presenti Cristina Annino, Lea Canducci, Franco Capasso, Franco Cavallo, Franco Falasca, Annamaria Giancarli, Paolo Guzzi, Maria Jatosti, Ariodante Mariani, Jacqueline Risset. Musiche di Tonino Amendola. Coordina Mario Lunetta.

Sabato 4 giugno 2005

19.00 FABIO D’AMBROSIO EDITORE presenta

- “LA FORZA GENERATIVA DEL BAROCCO. BAROCCO E AVANGUARDIE A CONFRONTO” di GAETANO DELLI SANTI

-“VIESTE AVAMPOSTO DI AVANGUARDIE. LA POESIA DI EDUARDO SANGUINETI E GAETANO DELLI SANTI: DUE GENERAZIONI A CONFRONTO” a cura di MARISA NAPOLI

-“ITALIANO PER STRANIATI” di TIZIANA COLUSSO

-“NATURE IMPROPRIE” di FRANCO FALASCA

presenti gli autori, l’editore, MARIO LUNETTA, FRANCESCO MUZZIOLI


 

 

CITTÁ DI FROSINONE 

 Assessorato alla Cultura 

 

Biblioteca Comunale Turriziani

Sala Convegni 

Corso della Repubblica 62 - FROSINONE  

 

SPAZIO LIBRI 

 

Giove   19 maggio 2005 - ore 17,30

 

 

NATURE IMPROPRIE

(poesie 1976-2000)

 

 

di Franco Falasca

 

Premio di Poesia Lorenzo Montano XIX edizione (2004-2005) 

della Provincia di Verona

 

 

pag. 206 - € 15,00  -  fabio d'ambrosio editore, milano

 

 

 Interviene  Marcello Carlino  

 

drink

 


LE VOCI DELLA CITTÀ

Poeti a Roma 1950-2000

18 settembre – 1 dicembre 2004

Casa delle Letterature, piazza dell’Orologio 3, Roma

 

Proseguono le iniziative della Casa delle Letterature dell’Assessorato alle Politiche Culturali del Comune di Roma volte a promuovere la conoscenza dei protagonisti della letteratura italiana.

“Le Voci della Città. Poeti a Roma 1950-2000” è una rassegna, curata dalla Casa delle Letterature in collaborazione con la Fondazione Marino Piazzolla, che si propone di disegnare un quadro, in dimensione sia storica che attuale, dell’attività poetica sviluppatasi a Roma nel secondo Novecento.
In questo arco di tempo, Roma ha rappresentato una straordinaria officina di linguaggi e di ricerche, di cui non deve andare perduta la memoria, ma che al contrario deve essere riproposta con forza, sia nell’interesse delle nuove generazioni che in quello di un pubblico che in questi anni ha mostrato una crescente partecipazione alle vicende e al senso (estetico e civile) della letteratura e della poesia in particolare.
Il programma sottolinea da una parte valori espressivi fortemente accertati e dall’altra riporta l’attenzione su autori certamente rappresentativi, ma meno conosciuti. Non si è voluto insistere, invece, su poeti e testi entrati ormai in un patrimonio definitivamente acquisito dalla coscienza collettiva (come, ad esempio, Giuseppe Ungaretti, Pier Paolo Pasolini, Amelia Rosselli, etc.). All’interno di un quadro così ampio è stato quindi ritagliato un primo profilo, inevitabilmente parziale, che potrà essere integrato in successivi cicli.
L’iniziativa “Le Voci della Città. Poeti a Roma 1950-2000” si rivolge anche al mondo della scuola e si propone come supporto conoscitivo ed educativo per l’attività dei programmi letterari.

A cura di Mario Lunetta, Roberto Piperno e Maria Ida Gaeta
 

Sabato 18/09/2004 ore 21.30

Giorgio Caproni

Mario Quattrucci

Francesco Muzzioli

Lunedì 27/09/2004 ore 17.30

Elio Filippo Accrocca

Lamberto Pignotti

Marco Palladini

Giovedì 07/10/2004 ore 17.30

Angelo Maria Ripellino

Paolo Guzzi

Aldo Mastropasqua

Lunedì 11/10/2004 ore 17.30

Anna Malfaiera

Alfredo Giuliani

Mario Lunetta

Lunedì 18/10/2004 ore 17.30

Attilio Bertolucci

Roberto Piperno

Giorgio Patrizi

Lunedì 25/10/2004 ore 17.30

Cesare Vivaldi

Elio Pagliarani

Marcello Carlino

Venerdì 29/10/2004 ore 17.30

Marino Piazzolla

Ariodante Marianni

Donato Di Stasi

Lunedì 15/11/2004 ore 17.30

Dario Bellezza

Valentino Zeichen

Donato Di Stasi

Mercoledì 17/11/2004 ore 17.30

Edoardo Cacciatore

Francesco Muzzioli

Giorgio Patrizi

Lunedì 22/11/2004 ore 17.30

Tomaso Binga

Marco Palladini

Aldo Mastropasqua

Mercoledì 24/11/2004 ore 17.30

Giorgio Vigolo

Mario Socrate

Francesco Muzzioli

Venerdì 26/11/2004 ore 17.30

Gianni Toti

Nanni Balestrini

Mario Lunetta

Martedì 30/11/2004 ore 17.30

Lea Canducci

Vito Riviello

Francesco Muzzioli

Mercoledì 1/12/2004 ore 17.30

Velso Mucci

Franco Falasca

Marcello Carlino


ROMAPOESIA 2004

MACRO Via Reggio Emilia, 54 - ROMA - tel. 06 671070400
16 ottobre 2004 - ore 17.00


Fabio D'Ambrosio editore/Farenheit451 presenta
Fra' Giordano Bruno redivivo
lungometraggio digitale tratto dall'omonimo testo di Gaetano delli Santi.Regia di Claudio Pappalardo.
Nella stessa serata verranno presentati i volumi di poesia
Nature Improprie di Franco Falasca (presentazione di Francesco Muzzioli)
Italiano per straniati di Tiziana Colusso (con una videopresentazione di Mario Lunetta).


 


  • io sono il titolo
    autoritratti in versi di poeti contemporanei
    a cura di Sergio Zuccaro / postfazione di Marcello Carlino
    Edizioni Dedalus
sabato 26 giugno 2004 ore 19.00
Ostia Lido - Biblioteca "Elsa Morante"


Domenica 21 Marzo 2004 - ore 17

presentazione del libro di poesia

"io sono il titolo"
(autoritratti in versi di poeti contemporanei)

Edito da DEDALUS Associazione

a cura di Sergio Zuccaro


Museo della Lana - ARPINO (Frosinone)


 

Sabato 18 Ottobre 2003 - ore 17 - fino al 14 Novembre 2003
III BIENNALE LIBRO D'ARTISTA CITTÁ DI CASSINO
Biblioteca Comunale - via del Carmine - CASSINO (Frosinone)

 


ECOUTEZ LES COULEURS

Domenica 29 Dicembre 2002 - ore 17

Inaugurazione della mostra di Gregorio GUMINA, NACOUZI, Tonino RUTA AMODIO

ore 18 letture poetiche di Franco CAPASSO, Franco FALASCA, Francesco MUZZIOLI

Centro Diurno di PAGANICO SABINO (Rieti)


'Voci della città contro la guerra'

ROMA - Facoltà di Architettura "Valle Giulia" - 30 novembre 2002

Sabato 30 novembre Gino Strada parteciperà all'incontro "Voci della città contro la guerra"; durante la serata sarà possibile intervenire ed esprimere una propria testimonianza di Pace ed il proprio sostegno alla campagna "Fuori l'Italia dalla guerra" (promossa da EMERGENCY, Libera, Rete LILLIPUT e Tavola della Pace).

Inoltre, alcuni fra gli artisti, poeti e scrittori che vivono nella capitale e che condividono quest’impegno, hanno promesso di sostenere questa iniziativa con la propria presenza o con un intervento, mescolando così la propria voce a quella di tanti altri cittadini di Roma.

Hanno già dato la loro adesione : Erri De Luca, Domenico Starnone, Lidia Ravera, Giobbe Covatta, Curzio Maltese, Sandro Curzi, Carla Fracci, Beppe Menegatti, Vincenzo Consolo, Mario Lunetta, Edoardo Erba, Marco Lodoli e Andrea Salvatici.

Coordinati da Francesca Farina e Francesco De Girolamo, leggeranno versi da loro composti: Paolo Arceri, Alan Asman, Luca Baiada, Lea Canducci, Maria Clelia Cardona, Valentina D’Urso, Franco Falasca, Moussia Fantoli, Annamaria Ferramosca, Carlo Livia, Antonietta Pastò e Mimma Pisani.

L'obiettivo è sempre quello di dare voce a tutti coloro che non ritengono la guerra uno strumento "possibile", tantomeno "necessario".

Nei locali della Facoltà verranno allestite le mostre "Un...per la PACE", testimonianze di poeti e lavori realizzati su "Stracci di PACE" dagli studenti di alcune scuole romane.

 

Facoltà di Architettura "Valle Giulia" - Aula Magna "Bruno Zevi" - Via A. Gramsci 53

Sabato 30 novembre 2002 - ore 20.30

Ingresso LIBERO

 


LIBERIAMO TUTTO IL CEREBRALE CHE E' IN NOI!


NON PARLARE DI CIO' CHE ACCADE

MA FAI ACCADERE CIO' DI CUI VUOI PARLARE!

(contesta G.W.F. Hegel!)


 



 

 


Felino pigro, fulmine sornione,
Rubi al sogno il terzo occhio, e ne ricopri
Atarassico palpebra e pupilla.
Non è tutta la vita un'elisione?
Coboldo degli enigmi, tu ti adopri
Ostruendo passaggi: ma una stilla
Felicemente penetra il bastione
Aprendo l'orizzonte. È la misura
Lucida e smisurata del tuo atto
Anestetico, franco e avventuroso,
Sinestesi del vuoto e del contatto.
Crepi il lupo, o inventore generoso.
Alla malizia diamo scacco matto.

Mario Lunetta: da "Acrostici", Empiria, Roma, 1987


DONNA / ANTOLOGIA

di Franco Falasca

1.

Uno zaino grigio, una sera incapsulata in cornice, un giuoco,

appunto si muove  e s’interroga 

di quale destino dove e chi

e tenere sono le labbra e calibrati gli occhi sull’allusione ondulata

non ho ricordi finalmente

e l’osservo - incantato – antologia di presunte mitologie:

il caso mi assolve da colpe inesistenti, fruscii di acque,

siepi, silenzi voluti,  ed un dilatato nuovo vuoto

nell’universo qua intorno: tienimi la mano

mentre leggo una iscrizione sul bordo di uno degli universi

possibili.

Era tutto questo in certe sere storiche che vanno

come filari di formiche

dovendo procurarsi esse il cibo e noi le emozioni.

Tenere sono le labbra e duri i modi, 

antologia di presunte mitologie

da ora non più sparse: m’è apparsa

a dover stringere i nodi e demolire i ricordi

- il caso non ha memoria -

è un tranquillo stare ed un vorticoso pensare

da sere anche gli alberi sono felici

a vederti, rinnovato impasto del tutto

sparpagliato tra paesi e laghi:

è forse un occhio di solitudine nuova,

non pensiamo ad altro, apparente occasionale presenza

incorniciata da  lisci capelli.

 

2.

Era il credibile panorama di sette nostalgie

su cui incombeva umile il trauma dei ricordi

e le erbe sfoltite tra gli arrugginiti cancelli

di una lezione distorta

mio era il sapere e mio il ricordo

e mia l’aria bruciata che ti circondava

non per desiderio di assuefazione possessiva

su quel volto scovato tra somiglianze del rinascimento

del giorno superficiale

su muri di cinta dei cimiteri;

le erbe sfoltite mute assecondavano

la mai sopita curiosità delle allusioni dipinte

dei capelli sciolti

delle perifrasi dette per cattiveria

dell’origine delle cose.

L’incudine corrotta gioiva di quella densa

pasta filosofica

nelle cui orecchie i ricordi calpestavano

le nostalgie di cartapesta.


 

La Galerie Satellite est heureuse de vous inviter à l’inauguration de l’exposition et de l’événement

 

 

SCRITTURADISPERSIONE

 

FRANCO FALASCA

 

 

 

 “...l’action n’est pas la vie, mais une façon de gâcher quelque force, un énervement.” (A.Rimbaud)

 

“L’art est incompatible avec la communication, mais il est compatible avec la fiction de la communication, qui exalte ce surplus de conscience qui nous domine et qui nous enrôle.

...L’imagination est subversive elle-meme, mais pas comme référence à des faits successifs, elle est préventive.

...Une certaine protection du sens est obligatoire, afin de neutraliser un effet de vidage par possession postiche (par intrusion).” (F.Falasca)

 

 

Samedi 2 octobre 1999 à 16 h.

 

Exposition du 2 au 8 octobre 1999 de 13 h 30 à 19 h.

 

Paris XIème – 7 rue François de Neufchâteau  tel. 0143798020


La raison, le soupçon, le geste chez Franco Falasca

Ne pas agir c’est déjà agir, ne pas parler c’est quand même parler, ne pas bouger c’est en effet se déplacer quelque part.
Falasca est un rêveur solitaire qui, après de longues hésitations, agit finalement.
Si l’action n’est pas la soeur du rêve, comme le dit Baudelaire, toutefois Falasca comprend que la réalité, où il est tant bien que mal incrusté, nous oblige à bouger.
Il bouge lentement, comme chez Fabius Maximus, qui avait comme devise festina lente.
En effet, la recherche de Falasca se place sur le côté difficile et abrupt de la reflexion qui vise à dévoiler ce fragment inaperçu qui se trouve, qui doit se trouver, entre ce qui est dit et ce qui ne l’est pas encore. L’imagination sert à cela: une imagination au premier plan, avant toute chose.
Artiste secret, Falasca est à la recherche de l’erreur pour l’éliminer. Au moins, pour essayer de l’éliminer. Sa grande peine est celle de s’apercevoir qu’après une erreur corrigée, il y en a d’autres, beaucoup d’autres à éliminer. Dans cet effort se trouve la grande force morale de Falasca.
Sisyphe ou Dom Quichote il est l’un de ces artistes, toujours plus rares aujourd’hui, chez qui l’art est une façon de vivre, c’est sa vie toute entière.
Sa vie est sa vraie performance, une performance continuelle. Il se trouve souvent hors des limites codifiées par les idées reçues.
Falasca tout entier est sa performance.

   Paris, octobre 1999                                                                                                                                        Paolo Guzzi


La ragione, il sospetto, il gesto in Franco Falasca

Non agire è già un modo di agire, non parlare è tuttavia dire, non muoversi è in realtà andare da qualche parte, comunque.
Falasca è un sognatore realista che, comunque, dopo lunghe esitazioni, agisce infine e  bene.
Se l’azione non è sorella del sogno, come dice Baudelaire, Falasca tuttavia comprende che la realtà d’oggi, in cui egli è molto bene situato, ci obbliga al movimento. Si muove piano, come il dittatore romano Fabio Massimo il Temporeggiatore, appunto, il cui motto era “affrettati lentamente”, ma si muove bene.
La ricerca di Falasca si muove sul versante difficile e scosceso della riflessione che mira a svelare quanto di nascosto si trovi, che debba trovarsi, tra quanto è stato detto e quanto non lo è stato ancora. L’immaginazione serve a questo scopo: una immaginazione in primo piano, prioritaria, necessaria e preparatoria.
Artista segreto, essenziale, asciutto, Falasca si pone continuamente alla ricerca dell’errore, per poterlo eliminare o almeno per denunciarlo. La sua pena dovrebbe essere quella di accorgersi che, dietro un errore corretto, ce ne sono molti altri da eliminare. In questo sforzo consiste la grande forza morale di Falasca. Sisifo o Don Chisciotte è uno di quegli artisti, sempre più rari oggi in cui l’artista assomiglia sempre più ad un ragioniere di se stesso, in cui l’arte è un modo di vivere, è la sua vita intiera.
La sua stessa vita è un’autentica, quotidiana performance, a cominciare dal luogo in cui abitualmente vive, il suo appartamento piccolo “vicino al cielo” che avrebbe voluto abitare Baudelaire, ma zeppo di macchine sofisticate che, adoperando al meglio lo spazio ridotto, trovano una loro funzionalità, una loro vita in simbiosi con lo stesso abitante. I computer, i fax, gli schermi televisivi, i telefoni, i CD, sono mezzi tecnologici adoperati per servire l’umanità di Falasca, la sua disponibilità (amministrata con parsimonia) verso il mondo esterno.
Falasca si trova costantemente quindi fuori dai limiti codificati del luogo comune.
Falasca è interamente la sua propria performance mediante il suo spirito di contraddizione e la sua maniera di porsi di fronte e nello spazio da lui percorso.
Stupire il borghese è il suo modo di essere e scopo principale della sua vita. Spesso vi riesce.

Parigi, ottobre 1999                                                                                                                                            Paolo Guzzi


© copyright  2007 by Franco Falasca
All rights reserved
illuminazioni web
photo Franco Falasca