Teorèma di Ferdinando Mercuri…per calcolare distanze, profondità, altezze o larghezze…spiegazioni ed esempi pratici sotto raffigurate.

Un grazie per aver visitato questa pagina…se vuoi visitare il mio sito vai su:

http://www.webalice.it/ferdinando.pittore/ARITMETICA.htmlTeorema di Ferdinando Mercuri. Per calcolare distanze, profondità, altezze o larghezze; spiegazioni ed esempi pratici sotto raffigurate.Ferdinando Mercuri

Se vogliamo calcolare ad esempio la lunghezza tra il punto rosso e il punto blu (in questo caso illustrato utilizzeremo come unità di misura i centimetri e perciò il nostro quadrato sopra illustrato

le misure sono in cm. Ossia 10 cm per 10 cm) immaginiamo che noi possiamo osservare con

l’occhio dal punto nero in alto indicato dalla freccia verso il punto blu, tracceremmo una linea come indicata dal colore rosso (la linea potrebbe anche essere un raggio di luce che passa inesorabilmente dalla scala graduata <yo> in qui leggiamo 2,5 ). Ora la nostra formula per calcolare la lunghezza è:

(x diviso yo per x )= (ossia x al quadrato diviso yo)=10 al quadrato diviso 2.5)=40 ………………..

la nostra misura tra il punto rosso e il blu e uguale a 40cm.

 

Se in vece vogliamo calcolare l’altezza tra il punto blu e il punto viola abbiamo due modi o formule

per calcolare l’altezza tra i due punti, una è la seguente formula qui espressa (x diviso yo linea rossa che parte dal punto nero e va a colpire 2,5 ----- per yv linea viola che colpisce il 6 e parte dal punto rosso)                     

  Sotto raffigurazione (10:2,5x6)=24

 

 

                                                          

                                                                                                                      10cm 

       0

                                                                                                            yo2,5

                                                                                                                      6 y v



 

 

 


Altra formula è la seguente:( Lo diviso X per Yv) =40:10x6=24

Lo=X al quadrato diviso Yo = ossia la lunghezza tra il punto rosso e il punto blu

 

 

Yo = alle linee che partono dal punto nero del quadrato in basso (0 orizzontale) e vanno verso

il basso                                                                                                       

                                                                                                                                                  

yv = alle linee che partono dal punto rosso e vanno verso l’alto (figura sotto)

Nota:

Per calcolare le misure in metri avremmo bisogno di un quadrato di un metro per un metro ovvero

(1000 x 1000 mm ) e via dicendo.

Se invece volessimo calcolare l’altezza di un monte ( disegno sotto )

dovremmo andare a centrare con la linea rossa il punto nero, non la base dove è segnato da un punto

giallo.

 

Sotto altro esempio delle svariate applicazioni. Esso ci può essere utile nei luoghi dove vi siano impedimenti pratici di accesso diretto.

Seguiranno ulteriori riferimenti per una maggiore spiegazione e per completare il ragionamento sulle altre formule...

Per calcolare la profondità al disotto della linea nera (piano della terra sotto elencato), occorre utilizzare la formula qui elencata; raffigurata nel disegno originale che è la seguente (x diviso yo per yo negativo meno x)

in questo esempio abbiamo:

x=10

yo=2

      _

yo =5

Se ad esempio vogliamo calcolare la profondità o distanza tra …A e B …utilizzando la formula sopra descritta otterremmo (10:2 x 5 -10)=15        la distanza tra A e B è  uguale a 15

 

Viene logico da se che se sommiamo la formula per calcolare l’altezza +la profondità otteniamo la seguente formula :         (x:yo  per yv)+(x:yo  per  yo negativo-x) il tutto perfezionata nella formula

Qui descritta.            x:yo     per      (yo negativo +yv)-x

Esempio: sotto descritto -------a voi il gratta capo.

 

Spero che nella fretta della trascrizione non mi sia sfuggita qualcosa e che il tutto sia comprensivo.

Se poi… più comodo, naturalmente rispettando le regole potremmo utilizzare il grafico capovolto.

o come meglio ci si addice al nostro scopo.

Nota:

X = è uno dei lati del quadrato.

Le lettere in trasparenza (A,2,4,6,) non  considerare in quanto sono il riflesso di ; A,2,4,6.

Documento firmato Ferdinando Mercuri