SALGEMMA E SALI POTASSICI
SALGEMMA ( HALITE )

Formula chimica
NaCl ( cloruro di sodio )
Aggregato di cristalli cubici su matrice
cm. 23x14x10
Aggregato parallelo di cristalli cubici
cm. 21x20x20
Geminato con asse di geminazione ruotato di 45°
Campione di salgemma trasparente con inclusioni
Salgemma trasparente con evidenti tracce dei piani di sfaldatura
Varietà di cristalli di salgemma con colorazione blu e viola
Il colore ble / viola dei cristalli di salgemma è dovuto alla modificazione parziale del reticolo cristallino
Cristalli cubici su polialite
Stalattite di salgemma con il caratteristico tubicino attraverso cui passano le gocce d'acqua sature di sale che fuoriesce dalle fessure della volta
Straordinaria stalattite di cristalli cubici di salgemma di circa 20 cm. costituita da più corpi stalattitici uniti gli uni agli altri a formare un unico corpo
Elegante aggregato stalattitico di cristalli di salgemma
Campione di salgemma con cristalli a struttura composta cioè combinazione di un cubo con ottaedro
SALI POTASSICI
KAINITE

Formula chimica: MgSO4 KCl .3H2O

(Clorosolfato di potassio e magnesio con 3 molecole d'acqua.)
CARNALLITE

Formula chimica : KMgCl3.6(H2O)
(cloruro di magnesio e potassio con 6 molecole di acqua.)

Minerale deliquescente
Campione di carnallite in fase di ricristallizzazione secondaria tendente a silvite
Campione di carnallite con ricristallizzazione secondaria quasi ultimata e passante a silvinite per la presenza di straterelli di salgemma
ASTRAKANITE ( BLOEDITE )

Formula chimica : Na2Mg(SO4)2.4H2O

( solfato di magnesio e sodio con 4 molecole di acqua )
AFTITALITE, LEONITE E ASTRAKANITE su roccia madre.
AFTITALITE , LEONITE E CRISTALLI DI SALGEMMA.
SILVITE

Formula chimica : KCl ( cloruro di potassio)
BISCHOFITE
Formula chimica : MgCl2 . 6 H2O
( cloruro di magnesio esaidrato )

Minerale deliquescente
DESCRIZIONE DEI MINERALI.
S A L G E M M A ( HALITE)
Reticolo cristallino
Il cloruro di sodio è il comune sale da cucina.
Il sale è anche un reagente usato in chimica, ad esempio per migliorare la precipitazione dei prodotti al termine di una saponificazione.
Nell'industria chimica è come materia prima negli impianti cloro - soda, in cui viene eseguita l'elettrolisi della salamoia di cloruro di sodio per ottenere cloro gassoso, idrogeno e soda caustica, tutte materie prime fondamentali per l'industria chimica.

Il sale trova impiego anche come anti-gelo stradale : sparso sulle superfici ghiacciate ne provoca lo scioglimento.


Cenni storici.

Il sale è indispensabile all'uomo per questo già nella preistoria il commercio del sale aveva un'enorme importanza; fu menzionato in molti opere greche e latine, gli furono dedicate strade ( la Salaria era una importante via per il commercio ). Nonostante la grande importanza ed interesse del sale, la composizione chimica fu stabilita solo nel 1810 da H. Davy.


Si riconosce facilmente grazie all'abito, alla sfaldatura e al gusto che è quello tipico del sale da cucina.

Caratteristiche generali.

Formula chimica : NaCl
Classe Minaralogica : alogenuro
Gruppo : monometrico
Sistema : cubico
Abito : cubico se ha fessure dove crescere, altrimenti si trova sotto forma massiccia o granulare.
Durezza : 2,5
Peso specifico : 2,1 - 2,2
Colore : incolore , grigio , raramente rossastro o bluastro
Lucendezza : da vitrea a opaca
Trasparenza : trasparente
Sfaldatura : cubica perfetta
Striscio : polvere incolore

- Molto stabile in aria.

Genesi :
è sedimentaria di tipo evaporitico; si estrae sia dai giacimenti che dall'acqua del mare.
I suoi cristalli hanno un reticolo cubico ai cui vertici si alternano ioni sodio Na+ e ioni cloro Cl- . ( vedi reticolo cristallino sopra)
Belle cristallizzazioni provengono dai giacimenti siciliani di Petralia, Racalmuto e Realmonte.
P O L I A L I T E
Formula chimica: K2Ca2Mg(SO4)4. 2H2O

( solfato biidrato di potassio, calcio e magnesio)

Si deposita dopo il salgemma.

- Si presenta in masse lamellare fibrose, compatte e in piccoli cristalli in straterelli di 2-10 cm.

- Ha lucentezza vitrea o resinosa.

- E' incolore e trasparente, talora bianca o grigia, spesso anche rosa salmone o rosso mattone per inclusione di ossido di ferro.
C A R N A L L I T E
Il nome deriva da Rudolph von Carnall, ingegnere minerario tetesco.


Caratteristiche generali:

- Gruppo cristallino --- Trimetrico
- Classe di simmetria -- Dipiramidale
- Densità -- 1,6 g/cm3
- Durezza --- 1,5 - 2,5
- Sfaldatura --- non si sfalda
- Colore --- incolore, bianco, giallastro, rosato.
- Lucentezza --- vitrea,grassa sulla frattura
- Opacità --- traslucida
- Riflessi --- bianco
- Diffusione ---abbondante


Abito cristallino:
bipiramidale, pseudoesagonale.


Origine e giacitura :
l'origine è nei depositi di sale marino e nei laghi salati ; dopo il salgemma è l'alogenuro più abbondante in tali tipi di giacimenti.


Forma in cui si presenta in natura:
raramente in cristalli pseudoesagonali, più spesso in masse granulari compatti.

Caratteri fisico - chimici:
ha sapore salato ed amaro pungente . E' facilmente solubile in acqua ed è deliquescente.
Poichè è igroscopica , va conservata in contenitori chiusi.


Località di ritrovamento:
nei giacimenti classici di Stassfurt , Russia , Ucrania.

In Italia nelle ex miniere di Pasquasia , S.Cataldo , Bosco Stincone.


Utilizzazioni:
la carnallite è uno dei principali minerali di potassio e come tale viene largamente impiegata nell' industria dei composti di questo elemento e soprattutto nei fertilizzanti.
ASTRAKANITE E LEONITE
( * ) Lamberto Ramberti

"La SCHOENITE , K2Mg(SO4)2.6H2O e la LEONITE , K2Mg (SO4 )2.4H2O,che si differenziano solo per due molecole d'acqua, sono considerati minerale secondari derivanti da una primaria kainite 4KCl4MgSO4.11H2O , trasformatasi successivamente nei primi due in seguito ad una sua idratazione operata da successive salamoie.

ASTRAKANITE, Na2Mg(SO4)2.4H2O, si forma per metamorfismo della Kieserite nella quale il magnesio viene sostituito dal sodio. "

( * ) Dott. Geologo della ex Soc.Ispea e dell' Italkali S.p.A. Palermo.


Astrakanite ,

dal nome della città di Astrahan , ma nota anche col nome di Blodite,dal mineralogista - chimico Tedesco Carl
Agosto Blode.

Classe : prismatica , monoclino
Lucentezza : vitrea
Colore : Incolore,rossastro
Durezza : 2 ,5 - 3

Genesi :

si tratta di uno dei più importanti ritrovamenti di questo minerale a livello mondiale.
S I L V I T E - ( S I L V I N A ).
Sale secondario derivato dallo scioglimento della carnallite ricristallizzato in silvite.

Formula chimica , KCl ( cloruro di potassio )

Spesso associato a salgemma prende il nome di SILVINITE ( KCl . NaCl )

-Lucendezza vitrea.
-Incolore o variamente grigiastra.
-Cristalli cubici come il salgemma con spigoli arrotondati, meno comuni ottaedrici o cubo-ottaedrici, stabili all'aria.

- Il sapore è salato come il salgemma; amarognolo, con un lieve "pizzico" della punta della lingua al contatto.

La silvite è il minerale potassico a più alto tenore, (circa il 52%)

Viene usato nell'industria chimica e come fertilizzante nell'agricoltura.
AFTITALITE - ( GLASERITE )
- Formula chimica: K3Na(SO4)2
( solfato di potassio e sodio)

- L'aftitalite, detta anche glaserite, si
presenta in cristalli con habitus
prismatico esagonale.

- Appartiene alla classe scalenoedrica
del sistema trigonale.

- E' di colore bianco, grigiastro, grigio
azzurro.

- Molto stabile in aria.

- E' solubile in acqua, ed ha un sapore
amaro e salato.
K A I N I T E
Nome di origine greca, deriva dal termine " Kainos " ( contemporaneo )
Tale appellativo venne assegnato a questo minerale da Zincken nel 1865.

- Formula chimica : KClMg (SO4).3 H2O (clorosolfato di potassio e magnesio con 3 molecole d'acqua ).
- Colore : incolore( con possibili sfumature rosse o gialle ) ,blu, viola-grigio.
- Peso specifico : 2,15
- Durezza : 2,5 - 3
- Lucentezza : vitrea
- Sistema cristallino: monoclino
- Sapore salato,amaro.

Utilizzo : nella produzione industriale dei sali di potassio.
B I S C H O F I T E
E' lultimo minerale che si forma nel processo di sedimentazione.

- Formula chimica MgCl2 . 6 ( H2O ) , ( cloruro di magnesio con 6 molecole di acqua).

- Lucendezza da trasparente a traslucido.

- Il colore va dall'incolore al bianco.

Il sapore è amaro e salato come il salgemma.

Il minerale è altamente igroscopico e va conservato in barattolo.

Non pochi problemi ha creato la presenza di due tratti, di una trentina di metri ciascuno,di questo minerale lungo la rampa principale della Miniera Pasquasia.